20:13 martedì 24.05.2022

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo


foto di: Unifil
Libano: il Comandante di Sector West riceve le chiavi del monastero francescano di Tiro
Celebrata la messa in onore di San Giorgio e San Marco, rispettivamente protettori della Cavalleria e dei Lagunari
08-05-2022 - Nei giorni scorsi il comandante del Settore Ovest di UNIFIL Libano, generale di Brigata Massimiliano Stecca, ha ricevuto le chiavi del Convento di Sant’Antonio a Tiro dalle mani di Padre Tony Choucry, Superiore della Comunità francescana e Vicario Episcopale per il Libano del sud della Chiesa Cattolica del rito latino.
L’evento si è svolto a margine della celebrazione religiosa in onore di San Giorgio, Patrono protettore della Cavalleria e di San Marco, Patrono protettore dei Lagunari.
Padre Tony nel consegnare le chiavi ha dichiarato “…questa chiave vuole essere il segno tangibile di un’amicizia che ha legato e legherà l’Ordine Francescano della Custodia di Terra Santa alla Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli””.
L’ordine Francescano giunge in Libano a Beirut dalla metà del 1200 stabilendovi un convento, celebrando le funzioni tra i cristiani locali nell’allora chiesa dedicata a San Salvatore, famosa ai tempi per il miracolo del Crocefisso sanguinante.
I Frati francescani contano in Libano quattro conventi (Beirut, Harissa, Tripoli e Tiro), e ancora oggi, continuano ad occuparsi dei più poveri e bisognosi, con particolare attenzione verso giovani, anziani e malati. Il convento di Tiro è stato costruito nel 1334 e ospita i Frati francescani dal 1838.
La missione Italiana in Libano è attualmente a guida Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, al suo sesto mandato nella “Terra dei Cedri” con i colori delle Nazioni Unite, e ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL in cui operano 3800 Caschi Blu di 16 dei 46 paesi contributori alla missione ONU e di cui fanno parte circa 1.000 militari italiani.
I Caschi Blu italiani operano nel Libano con imparzialità e trasparenza, a ridosso della Blue Line (linea blu), linea di demarcazione con Israele, per garantire la stabilità nell’area da oltre 15 anni, monitorando la cessazione delle ostilità, assistendo e supportando le Forze Armate Libanesi (LAF) e fornendo supporto alla popolazione locale.

Redazione
 
  


 
Nuovi Ranger al 4° Alpipar
Professionisti al passo con le più moderne tecnologie e sistemi d'arma hanno...
''SWIFT RESPONSE 2022'' operativa la brigata Folgore
Previste cinque JFEO in 4 Nazioni diverse, in un'area che va dal Circolo Polare...
Guerra ai Cyberattck
Tema della Cybertech Europe 2022, Convention organizzata nella Nuvola di Roma...
  Notizie dal Mondo
23-05-2022 - Una serie di incontri con decisori pubblici, associazioni di categoria ed esponenti della COMECE con l'obiettivo...
14-05-2022 - Nei giorni scorsi si è svolto a Vienna il 5o Comitato Bilaterale tra Italia e Austria, durante il quale il...
08-05-2022 - Il 5 maggio scorso, presso l’aeroporto Mihail Kogălniceanu di Costanza - Romania, ha avuto luogo l’avvicendamento...
08-05-2022 - La guerra russo-ucraina sta facendoci dimenticare dell’Afghanistan sempre più nel caos. Si prospetta, in...
02-05-2022 - È giunta a metà mandato la missione Italiana in Libano a guida Brigata di Cavalleria Pozzuolo del Friuli,...
02-05-2022 - Si è tenuta dal 28 al 29 aprile scorso, presso il quartier generale dell’Alleanza a Bruxelles, la plenaria...
Rubriche
Siamo stati ospiti di Cybertech Europe 2022, quinta edizione del più importante evento...
Il 4 giugno 2022, presso lo Stabilimento “Tettuccio” di Montecatini Terme, si terrà...
L’Universal peace federation”, Upf Italia, presenterà presso la “Casa della pace”,...
Tutto è pronto per la prima edizione di Fly Future, che si svolgerà in presenza da domani...
La mancanza di gravità nello spazio? Sì, ero un po’ preoccupato delle vertigini,...
Roma diventa la capitale dell’aviazione e dello spazio. Arriva infatti “Fly Future 2022”,...
Alzate gli occhi al cielo. La Liguria è avvolta nell’abbraccio tricolore della Pattuglia...