13:41 martedì 23.07.2024

Politica

Home   >>  News - Politica   >>  Articolo
Piano di pace?
Comprensibili, ma vani, i toni amareggiati di molti editorialisti di grido… ne parla il generale Carmelo Burgio
17-06-2024 - Il piano di pace presentato da Putin, ovviamente, non accontenta Kiev, gli Stati Uniti, e già che c’è – ma c’è? - l’Europa. Prima di tutto avrebbe mai potuto essere gradita a tutti l’offerta di pace delineata da uno dei contendenti? Quello che aveva battuto il calcio d’inizio?
Che poi il piano non piaccia, non significa che si voglia combattere insieme a Kiev, e Putin credo l’abbia capito. E gli basta.

Comprensibili, ma vani, i toni amareggiati di molti editorialisti di grido, animati da sacro e comprensibile furore motivato da tanti bellissimi ideali di libertà; meno realistici quelli di coloro che in forza di una pretesa insussistenza dell’autonomia storica ucraina, da secoli inserita nell’orbita di San Pietroburgo e Mosca, ritengono pienamente accettabili le ragioni di Putin e della Russia.
Sgombro il campo da quest’ultima obiezione: continuare a menar il can per l’aia con il fatto che un certo pezzo di terra fosse abitato da questo o quel popolo, è argomento privo di costrutto per stabilire chi abbia diritto oggi a vivervi.

Gli stessi pellerossa pare che raggiunsero gli attuali Stati Uniti dallo stretto di Bering, prima che Bering lo battezzasse, sterminando probabilmente chi vi era allora, come fece il Cro-Magnon con il Neanderthal. Quindi cadrebbe la critica ai “lunghi coltelli” che sterminarono e isolarono nelle riserve i nativi americani. Il dominio degli spazi ha rigorosamente seguito la legge del più forte, cui è bene far sempre riferimento fra i parametri per giudicare o trovare una soluzione. Nessuno è riuscito a costituire un’entità statuale sul proprio diritto di primo abitante. E non mi si opponga la storia di Israele come eccezione, perché quel paese fu aiutato cospicuamente dal mondo anglosassone.

In quanto agli ideali correttamente propugnati da una certa stampa e dalla politica dell’occidente, forse è il caso di filtrarli alla luce della realtà e della presumibile evoluzione dello scenario. Se è vero che oramai 2 anni fa la Russia ha fallito la prima mossa, per via del miracolo ucraino, è altrettanto vero che la controffensiva annunciata di Kiev s’è arenata, e ora la ruota gira al contrario. Lenta, ma piuttosto inesorabile.

Solo politici e cronisti ritengono possibile battere Putin, e deve far riflettere. Invece la situazione appare tale che un collasso ucraino non è improbabile. Pietoso l’aggrapparsi una volta agli F-16 in arrivo, una sessantina, un’altra a una manciata di carri Leopard di penultima generazione: argomenti che possono destare impressione in chi non è addetto ai lavori, che si consumano in pochi mesi di combattimenti intensi.
Qualche meravigliata penna addita stupefatta al pacifismo di tanti generali, basandosi sulla banalità che vuole i militari tutti degni delle magiche Sturmtruppen di Bonvi, e del nostro colonnello Buttiglione.

Forse erano meglio i Badoglio o i Cavallero, che non si dimisero quando Mussolini decise di entrare in guerra a fianco della Germania, pur conoscendo benissimo le condizioni disastrate dello strumento che avevano collaborato a (sotto)sviluppare? Il militare, come professionista della guerra, deve saperla condurre, ma deve anche saper dire se sia il caso di farla o meno.
E allora un Vannacci che ci va cauto, diventa un putiniano, come i colleghi più anziani che da tempo sostengono – mi si perdoni la cacofonia – l’insostenibilità del confronto. Poteva esserci qualche speranza di vittoria se l’occidente intero fosse sceso in difesa armata dell’Ucraina, ma vi era anche la quasi certezza di un conflitto mondiale.

Non si combatte all’ombra del principio di de Coubertin, privilegiante la partecipazione sul successo. La guerra è meglio vincerla, piuttosto non la si fa. E anche a farla, c’è un prezzo da pagare. Vorrei tanto vedere il gregge di opinionisti foraggiati dai talk shows nostrani, inzuppati di belle teorie, cosa penserebbero se dovessero mandar a combattere davvero – non coi videogiochi – figli e nipotini.
Un modo intelligente per chiudere con la pace dovrebbe esserci, credo, sfruttando anche il fatto che il prolungarsi del conflitto non è neppure al centro dei desideri di Putin.

Ricordiamo la massima del Duca di Wellington, Arthur Wellesley, “dopo una battaglia persa, la peggior cosa che può capitare di vivere è una vinta”.
E forse va tenuto presente che chi ha vinto una guerra qualcosa voglia portare a casa, e difficile sia impedirglielo se non si è scesi in campo.

Carmelo Burgio
 
  


 
Esercitazione ‘’UNA ACIES 2024’’
Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito incontra a Monte Romano gli Ufficiali...
Extrema Ratio Roma per il Sistema Paese
‘’ERR Defence days’’ a Colle Salvetti, tecnologia e soluzioni per la Difesa...
‘’Afghanistan: situazione sotto controllo?’’
Convegno organizzato da ANPd’I, sezione ‘’Colline Romane’’ a Palazzo...
  Politica
23-07-2024 - Lucio Battisti protestava accorato che non fosse Francesca, qualcuno invece ha stabilito, senza sospiri e singhiozzi,...
19-07-2024 - Il Ministro della Difesa Guido Crosetto ha espresso la propria soddisfazione per la definizione del procedimento...
19-07-2024 - A Roma la sottosegretaria alla Difesa Isabella Rauti, ha presieduto, in rappresentanza del Ministro Guido Crosetto,...
16-07-2024 - In una neverending story, ritenuta perversa da chi ha a cuore senza se e senza – solo da costoro però...
13-07-2024 - Partiti reietti, in qualche caso ritenuti “impresentabili” dalla presumibile maggioranza nell’ambito del...
11-07-2024 - Il Comando per le Operazioni in Rete della Difesa - (COR), è la realtà interforze che conduce operazioni cyber...
Rubriche
Nell’Inghilterra imperiale, a cavallo fra XVIII e XIX secolo, lord George Brummell divenne...
"È la prima volta che i paralimpici partecipano al ITTF World Master Table Tennis Championships...
Si è conclusa con grande successo ”La Residenza Artistica Cinematografica per Aspiranti...
La recente tragedia di una donna uccisa per mano dell'ex marito è solo l'ennesimo esempio...
La “Tappa del Grifone” ha ricevuto la visita della senatrice Isabella Rauti, sottosegretaria...
Grazie alla nostra collega Ilaria Parpaglioni, pubblichiamo l’intervista con S.A.R. la...
“Non smetterò mai di ricordare ciò che accadde il 2 luglio 1993 a Mogadiscio (Somalia)...