15:37 sabato 21.04.2018

Politica

Home   >>  News - Politica   >>  Articolo
Nave Vulcano, simbolo del fare italiano
A Castellammare di Stabia il varo del troncone di prua della nave di supporto logistico “Vulcano” (LSS – Logistic Support Ship)
11-04-2017 - “Sono orgogliosa di essere qui. Questa nave è simbolo di intelligenza, operosità, capacità di fare italiana. In luoghi di lavoro come questo si tiene unita la capacità del fare dalla quale nasce il meglio che l’Italia sa realizzare” ha detto la titolare del Dicastero. I cantieri rappresentano “un pezzo dell’identità dell’Italia” ma anche un tassello fondamentale del futuro della Difesa del Paese, di quella Difesa europea che si sta costruendo lentamente ma con tenacia.
Questo il messaggio che la ministra della Difesa, Roberta Pinotti, ha lanciato in occasione del varo del troncone di prua dell’unità di supporto logistico (LSS – Logistic Support Ship) “Vulcano”, avvenuto il 10 marzo scorso.
Rivolgendosi alle maestranze presenti alla cerimonia, Pinotti ha aggiunto: “Avete fatto un lavoro straordinario, continueremo con intelligenza e attenzione a supportare esigenza della Marina e esigenze lavoro per lo sviluppo del paese.
“Abbiamo passato un momento di difficoltà, ma oggi possiamo guardare con occhi diversi e speranze diverse il futuro” ha aggiunto, ricordando i timori che, a causa della forte crisi, durante la legislatura 2008/2013 alcuni cantieri potessero chiudere i battenti.
Un rischio scongiurato grazie ad un’azione sinergica tra Difesa e industria italiana: la Legge navale ha aiutato a superare fase difficile per i cantieri navali attraverso il programma pluriennale per il rinnovamento della flotta della Marina Militare.
Alla cerimonia, svolta nel cantiere di Castellammare di Stabia, erano presenti, tra gli altri, il Sottosegretario di Stato alla Difesa, Gioacchino Alfano, il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di Squadra Valter Girardelli, il presidente di Fincantieri, Giampiero Massolo, il sindaco di Castellammare di Stabia, Antonio Pannullo.
Madrina del varo la signora Maria Teresa Piras, vedova del tenente di vascello Emilio Attramini, giovane Ufficiale della Marina Militare deceduto nella tragedia aerea del Monte Serra nel 1977.
Il programma pluriennale per il rinnovamento della flotta della Marina Militare, prevede la costruzione anche di un’unità di trasporto e sbarco (LHD – Landing Helicopter Dock), di sette pattugliatori polivalenti d’altura (PPA), con ulteriori tre in opzione.
Si tratta di classi di navi dall’altissimo livello di innovazione, estremamente flessibili nei diversi profili di impiego, da quello tipicamente militare e quello a favore della collettività come, ad esempio, per operazioni di protezione civile). Grazie a motori elettrici hanno inoltre un basso impatto ambientale.
La Francia ha ufficialmente chiesto di entrare in cooperazione con l’Italia, tramite l’agenzia OCCAR, per la costruzione di tre LSS, partendo dai progetti realizzati per la nave italiana.
Le tre navi francesi saranno costruite nei cantieri STX di Saint Nazaire, di recente acquisizione da parte di Fincantieri; l’accordo tra le Nazioni contemplerà anche la possibile costruzione, per ora opzionale, di una unità italo-francese, gestita in comune dalle due Marine, ovvero da equipaggio misto.
Questo rappresenterebbe un primo vero concreto passo verso una difesa europea in campo navale, per la creazione di una base industriale comune ed allargabile anche ad altre nazioni europee.
Il troncone varato è lungo 94 metri, largo 24 metri e del peso di circa 4.100 tonnellate; sarà trasportato via mare nello stabilimento di Muggiano (La Spezia) dove verrà assemblato insieme al troncone di poppa per costituire l’intera unità la cui consegna è prevista nel 2019.





Redazione
 
  


 
221 Capitani in addestramento alla Scuola di Applicazione dell’Esercito
Il generale di Corpo d'Armata Pietro Serino a Torino presenzia all'esercitazione...
Il generale Fungo visita la Scuola sottufficiali dell'Esercito
E l'area addestrativa di Trignano di Spoleto, dove è in corso l’Esercitazione...
La brigata Folgore termina il suo impegno in Libano, arriva la brigata alpina Julia
Avvenuto il cambio di comando in Shama, dopo sei mesi di attività dei paracadutisti...
  Politica
02-04-2018 - A tutti noi è capitato di guardare tabelle e classifiche relative alla spesa militare di ogni Paese. Dati espressi...
01-04-2018 - Anche durante le festività Pasquali gli uomini e le donne dell’Esercito sono al lavoro su tutto il territorio...
29-03-2018 - Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano ha incontrato, nell’ambito della sua visita...
03-03-2018 - Il 27 Febbraio scorso, presso il sito produttivo di Venegono Superiore (Varese) della Divisione Velivoli di...
23-02-2018 - Il sindaco di Nuoro, Andrea Soddu, ha consegnato al generale Claudio Graziano le chiavi della nuova caserma...
16-02-2018 - “La nostra attenzione deve concentrarsi sul futuro della Coalizione, sulla sua evoluzione e prospettive. E’...
Rubriche
Nella Basilica di Santa Maria Sopra Minerva a Roma, domenica 29 aprile 2018, alle ore 18,00,...
“Formazione, professionalità, tradizioni, valori, tecnologia e sport” sono i temi dell’...
La caserma della Stazione Carabinieri di Riesi è intitolata al maresciallo capo Filippo...
Si è conclusa la prima delle due fasi dell’Esercitazione “Assietta 2018”, impegnativo...
E’ il 1992. Dopo due anni presso l’Ufficio OPN del Comando 1^ Regione Aerea di Milano...
The world can be a dangerous place. That’s why the armed service of twenty-eight countries...
Lo slogan “Lo Stormo al centro” sintetizza l’obiettivo dell’Aeronautica Militare...