20:57 domenica 18.02.2018

Notizie dall'Italia

Home   >>  News - Notizie dall'Italia   >>  Articolo
Esercitazione “Safe Endeavour 2017”
Per valutare la preparazione tecnico-professionale maturata dai futuri dirigenti militari attraverso la simulazione dei problemi operativi
12-04-2017 - A Torino, l'11 Aprile scorso, hanno preso parte 217 capitani che stanno frequentando il 142° corso di Stato Maggiore alla Scuola di Applicazione dell’Esercito di Torino, all'esercitazione Safe Endeavour, “azione sicura”.
Consiste in un complesso evento addestrativo che ha permesso di valutare la preparazione tecnico-professionale maturata dai futuri dirigenti militari attraverso la simulazione dei problemi operativi che insorgono in un posto comando di brigata nel corso di una missione, in Italia o all’estero, in contesti interforze e multinazionali.
Durante l’esercitazione i capitani, tra i quali tre stranieri provenienti da Cina e Niger, hanno affrontato situazioni diverse, dai più tradizionali compiti militari alle emergenze umanitarie, quali il sovraffollamento di campi profughi, la prevenzione dei contrasti interetnici, il sostegno a popolazioni colpite da calamità naturali, queste ultime utili a testare le capacità “dual use” dei vari assetti. A fianco dei colleghi e colleghe dell’Esercito hanno operato alcuni giovani ufficiali dei Carabinieri incaricati di assolvere i compiti tipici della polizia militare. Fra i fattori di maggior successo di Safe Endeavour l’analisi in tempo reale delle informazioni, la gestione della pubblica informazione e comunicazione, la risposta flessibile agli imprevisti e l’efficacia del processo decisionale.
L’esercitazione, iniziata il 3 aprile scorso, è stata organizzata dal Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito in sinergia con lo Stato Maggiore dell’Esercito, il NATO Rapid Deployable Corps – Italy di Solbiate Olona, lo Staff College delle Nazioni Unite di Torino, il Centro Simulazione e Validazione di Civitavecchia, la Scuola Ufficiali dei Carabinieri di Roma, la Scuola Interforze per la Difesa Nucleare Biologica e Chimica di Rieti e il 28° reggimento “Pavia” di Pesaro, specializzato nelle attività di Comunicazione Operativa.


Redazione
 
  


 
Libano, caschi blu italiani in cooperazione con le forze locali
Corsi di addestramento con le forze di sicurezza, incontri con le autorita’...
Afghanistan, pronte a comunicare
Continua il progetto gender, quattro nuove specialiste in comunicazioni operative...
Le foibe, un ricordo indelebile
Si è celebrata la cerimonia a Marino Laziale, organizzata dall'Associazione ''Casa...
  Notizie dall'Italia
15-02-2018 - I Carabinieri del Reparto Operativo di Macerata e della Stazione di Porto Recanati, con il supporto delle Compagnie...
13-02-2018 - L'accordo è un esempio virtuoso dell’integrazione interforze/interagenzia auspicata dal Libro bianco per...
13-02-2018 - Il 13 febbraio 2018, presso l’Area Addestrativa della Brigata Marina San Marco di Massafra, si tiene l’esercitazione...
13-02-2018 - Giovedì 8 febbraio scorso, la fregata Euro della Marina Militare, ha lasciato la Stazione Navale Mar Grande di...
11-02-2018 - Un comunicato del consiglio centrale di rappresentanza - sezione carabinieri: Nell’esprimere vicinanza al...
10-02-2018 - Undicimila i morti nei massacri della popolazione dalmata e giuliana, avvenuti dal 1943 fino e oltre a guerra...
Rubriche
C’è il drone per trasportare sangue tra ospedali, il drone a forma di uccello per la...
Si è conclusa l’11 febbraio, dopo circa una settimana, l’esercitazione “FIREX 1-18”...
Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, ha presentato il libro:...
Un libro di Andrea Castiello d’Antonio e Luciana d’Ambrosio Marri, che sostengono che...
A Faedis, piccolo comune della provincia di Udine, è stato commemorato il 73esimo anniversario...
A seguito degli articoli pubblicati, relativi alle difficoltà della signora Luciana Gallus,...
In Primavera, quattro F104 del 53° vanno rischierati a Leuchars, per uno Squadron Exchange,...