22:09 domenica 20.05.2018

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo
Sarà un nuovo Iraq?
Nel centro più fortificato della capitale afghana, un camion carico di esplosivo ha provocato 90 morti e 400 feriti
02-06-2017 - Nella zona più fortificata del cuore di Kabul, un attacco suicida ha provocato novanta morti e circa 400 feriti, il 31 maggio scorso
Il periodo del Ramadan non è servito a rendere meno pericolosa la vita della città.
L’attacco è stato attuato con uno dei camion adibiti alla pulizia mediante agenti chimici, carico di esplosivo e lanciato nella zona delle ambasciate, in un orario in cui il traffico è maggiormente attivo.
L’esplosione ha creato un cratere profondo almeno cinque metri, vicino a Zanbaq Square, nel Distretto di Wazir Akbar Khan.
I numerosi feriti sono per lo più civili, donne e bambini, ma anche personale delle forze di sicurezza afghane; e tra i feriti, almeno undici contractor americani, secondo quanto dichiarato dal dipartimento USA.
In seguito all’attacco terroristico, di cui si sono dichiarati estranei i Talebani, (che anzi condannano l’atto che ha provocato la morte dei civili) in un periodo consacrato al Ramadan, pare siano sospesi i rimpatri degli Afghani che avevano cercato asilo in Germania, nazione che da alcuni mesi rimpatriava scaglioni di persone rifugiate.
Tale ulteriore grave ferita nell'organismo della sicurezza di cui il governo afghano è responsabile, pare rendere meno fiduciosa la popolazione nei confronti del sistema, che dopo sedici anni di guerra intrapresa contro gli insurgent con la cooperazione della coalizione internazionale, ancora non sembra ottenere i risultati sperati.
Ci si chiede a cosa siano serviti i sacrifici di sangue e le attività sul campo afghano, dal 2001 ad oggi.
E’ una domanda a cui i normali cittadini danno risposta negativa.
Nel frattempo, dato che i Talebani esercitano il proprio controllo su quasi la metà dei distretti, record dall'inizio della guerra nel 2001, gli Stati Uniti sono pronti ad inviare nel territorio afghano altri tremila soldati.
Il lancio della Moab, la “Madre di tutte le bombe”, da parte dell'America non è stato certo un deterrente.
Sarà un nuovo Vietnam? un secondo Iraq?

Maria Clara Mussa
 
  


 
Porte aperte a Palazzo Marina
Grande successo di pubblico nazionale ed internazionale all’open day del 13...
Alla grande sfilata delle penne nere, ospite d’onore il Presidente Sergio Mattarella
Alla 91a Adunata degli Alpini, circa 600mila persone sono state accolte dalla...
Bersaglieri al 66° raduno nazionale
Nella città di San Donà di Piave, alla presenza delle autorità militari e civili,...
  Notizie dal Mondo
15-05-2018 - Belo Polje – 14 maggio 2018. Il Contingente italiano del Multinational Battle Group West (MNBG-W), impegnato...
08-05-2018 - Simulando l’irruzione delle forze di sicurezza afghane all’interno di un ipotetico seggio elettorale e la...
03-05-2018 - Prende il nome di Tactical Combat Casuality Care (TCCC) – Train the Trainers (T3) il corso di abilitazione...
29-04-2018 - Si è conclusa la più grande ed avanzata esercitazione internazionale di Cyber Defense al mondo, organizzata...
27-04-2018 - Nella giornata del 25 aprile 2018, il Primo Ministro Iracheno Haydar al-‘Abadi ha visitato la diga di Mosul....
25-04-2018 - Il 24 aprile scorso, la Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN) e l’ambasciata d’Italia a Niamey...
Rubriche
"Ricordati che devi morire...ricordati che devi morire..." Questo è il messaggio che arriva...
Presso la Foiba di Basovizza – Monumento Nazionale, nel comune di Trieste il 16 maggio...
Caro sindaco, chi scrive è un semplice e normale cittadino come tantissimi altri, nato...
"Quest'opera vuole essere un omaggio ai 650 mila soldati caduti e ai 600 mila civili che...
Da Riad, capitale dell’Arabia Saudita, ci dicono che attualmente nelle strade si sentono...
La caserma “Soccorso Saloni”, sede della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, ha aperto...
C’era una volta Crotone, così potrebbe iniziare la fiaba di Crotone una piccola, bellissima...