09:08 sabato 24.06.2017

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo
Sarà un nuovo Iraq?
Nel centro più fortificato della capitale afghana, un camion carico di esplosivo ha provocato 90 morti e 400 feriti
02-06-2017 - Nella zona più fortificata del cuore di Kabul, un attacco suicida ha provocato novanta morti e circa 400 feriti, il 31 maggio scorso
Il periodo del Ramadan non è servito a rendere meno pericolosa la vita della città.
L’attacco è stato attuato con uno dei camion adibiti alla pulizia mediante agenti chimici, carico di esplosivo e lanciato nella zona delle ambasciate, in un orario in cui il traffico è maggiormente attivo.
L’esplosione ha creato un cratere profondo almeno cinque metri, vicino a Zanbaq Square, nel Distretto di Wazir Akbar Khan.
I numerosi feriti sono per lo più civili, donne e bambini, ma anche personale delle forze di sicurezza afghane; e tra i feriti, almeno undici contractor americani, secondo quanto dichiarato dal dipartimento USA.
In seguito all’attacco terroristico, di cui si sono dichiarati estranei i Talebani, (che anzi condannano l’atto che ha provocato la morte dei civili) in un periodo consacrato al Ramadan, pare siano sospesi i rimpatri degli Afghani che avevano cercato asilo in Germania, nazione che da alcuni mesi rimpatriava scaglioni di persone rifugiate.
Tale ulteriore grave ferita nell'organismo della sicurezza di cui il governo afghano è responsabile, pare rendere meno fiduciosa la popolazione nei confronti del sistema, che dopo sedici anni di guerra intrapresa contro gli insurgent con la cooperazione della coalizione internazionale, ancora non sembra ottenere i risultati sperati.
Ci si chiede a cosa siano serviti i sacrifici di sangue e le attività sul campo afghano, dal 2001 ad oggi.
E’ una domanda a cui i normali cittadini danno risposta negativa.
Nel frattempo, dato che i Talebani esercitano il proprio controllo su quasi la metà dei distretti, record dall'inizio della guerra nel 2001, gli Stati Uniti sono pronti ad inviare nel territorio afghano altri tremila soldati.
Il lancio della Moab, la “Madre di tutte le bombe”, da parte dell'America non è stato certo un deterrente.
Sarà un nuovo Vietnam? un secondo Iraq?

Maria Clara Mussa
 
  


 
Mitrovica, oltre il ponte...
In Kosovo, Paese che sta risorgendo dalle ceneri della guerra, ma che teme l'insorgere...
Fratelli con le ali
''Sky soldiers'' e Brigata Folgore, due giorni di cooperazione sul lago di Garda,...
Cesano, a scuola di tradizione, tecnologia ed operatività per il soldato del futuro
Dal 23 al 25 maggio scorso, la caserma ha ospitato relatori, stand delle aziende...
  Notizie dal Mondo
15-06-2017 - Il 14 giugno scorso, a Shama, in occasione della giornata Mondiale della donazione del sangue, i militari italiani...
05-06-2017 - E’ iniziato alla Scuola di Applicazione dell’Esercito il 9° corso di orientamento alla stabilizzazione...
01-06-2017 - Alla cerimonia presenziata dal Re dei Paesi Bassi, Sua Maestà Willem-Alexander, hanno partecipato altre alte...
31-05-2017 - Nella seconda e terza settimana di maggio, si sono svolte delle attività sanitarie a favore delle popolazione...
31-05-2017 - Sono giunti in Kosovo i disegni che i bambini della Scuola dell’Infanzia “La Girandola” di Pistoia hanno...
25-05-2017 - A Shama (Libano), sul confine tra Libano e Israele, il 24 maggio scorso, si è svolta la visita della European...
Rubriche
Nella mattinata del 21 giugno una nutrita rappresentanza di Carabinieri del Comando Unità...
La rivoluzione industriale, iniziata con la scoperta del primo pozzo di petrolio a Titusville,...
Il 17 giugno scorso, il sottosegretario di Stato alla Difesa, Domenico Rossi, è intervenuto...
Debutta martedì 20 giugno in seconda serata su Canale 5 la docu-serie «Storie in divisa»...
Il 9giugno scorso, Vicenza presso il CoESPU - Centro di Eccellenza per le Stability Police...
Settecento runner di tutte le età hanno partecipato alla seconda edizione di “Correndo...
Nell'aula magna del Comando dei Supporti Logistici di Roma, la commemorazione per il 184°...