07:16 domenica 18.08.2019

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo
Attentato di Strasburgo, è morto Antonio Megalizzi
Il giovane giornalista di Trento non ce l'ha fatta; è la quarta vittima dell'assassino marocchino Cherif Chekatt
14-12-2018 - Era in coma, Antonio Megalizzi; si sperava, si chiedevano luminari al suo capezzale.
Gli specialisti delle strutture di Neurochirurgia dell'ospedale Molinette e di Rianimazione dell’ospedale Cto dell’Azienda ospedaliera universitaria “Città della Salute” di Torino, avevano offerto una consulenza per la valutazione del quadro clinico del giovane.
Ma Antonio non ce l’ha fatta: il proiettile nella base del cranio lo ha devastato.
Antonio aveva 29 anni; entusiasta della sua professione di giornalista e, appassionato d’Europa, si trovava da pochi giorni a Strasburgo per documentare l'ultima seduta del 2018 del Parlamento europeo.
E’ la quarta vittima del gesto assassino di Cherif Chekatt., che ha sparato all'impazzata nel mercatino di Natale a Strasburgo.
L’assassino, coetaneo della vittima, è uno dei 12mila ‘’gangster jihadisti’’, come li chiama la polizia francese, schedati dalle forze di sicurezza. Piccoli delinquenti immigrati, pusher, ladri e iscritti nelle fila dei terroristi.
Sono tenuti sott'occhio dall’Intelligence o iscritti in liste di controllo per le loro idee religiose, ma non si suppone che diventino violenti!
E, a quanto pare, non è facile controllarli, soprattutto i 4mila dichiarati ‘’problematici”.
Chekatt, nato a Strasburgo nel febbraio 1989, in una famiglia con radici marocchine, sembra essere caduto prima nella piccola criminalità e poi nei circoli dei gangster. La fase finale, la sua apparente mossa verso l'estremismo islamico, è stata segnalata come scatenata - o almeno rafforzata - durante un periodo in prigione tra il 2013 e il 2015.
Come molti giovani che crescono in Francia, in quartieri dove vivono molti immigrati nordafricani, con povertà e disoccupazione diffuse, Chekatt ha lasciato la scuola in anticipo svolgendo una serie di lavori poco retribuiti.
All'età di 29 anni aveva 27 condanne per furto e violenza, ha detto il procuratore Rémy Heitz. La mattina dell'attacco di Strasburgo, sarebbe stato arrestato in relazione al tentato omicidio legato a una rapina a mano armata che è andata male la scorsa estate.
La sua pratica religiosa e il proselitismo in prigione furono descritti da Heitz come "mostrando segni di radicalizzazione". Per questo è stato inserito nell'elenco Fiché-S.
Da quando la lista di controllo è stata istituita nel 1969, 400.000 persone vi sono state aggiunte dopo essere state considerate una seria minaccia alla sicurezza nazionale. L'inclusione nell'elenco rende la persona soggetta a sorveglianza, ma non colpevole di alcun crimine. Non tutti sono terroristi sospetti; sono inclusi anche gangster e estremisti politici, anarchici e persino ambientalisti radicali.
Appena avvenuta la tragedia, la Procura di Roma aveva aperto un fascicolo di indagine in cui si ipotizzavano i reati di strage e attentato con finalità di terrorismo…ma il cosiddetto terrorista è stato ammazzato, non potrà finire sotto indagine; la questione è stata chiusa sparandogli.
Noi piangiamo la morte di Antonio, il giovane nostro collega, insieme a coloro che lo conoscevano personalmente e lo apprezzavano.
"Purtroppo siamo costretti a confermare che il nostro collega Antonio ci ha lasciati. I nostri pensieri vanno alla famiglia e a tutti i suoi amici e colleghi. Vi preghiamo di rispettare il momento doloroso“ scrive in un tweet la radio Europhonica, per cui lavorava il giornalista.
Il premier Conte: "Grave perdita, uniti nel dolore". Salvini: "Una preghiera per lui". Di Maio: folle morire per la pallottola di un terrorista a 28 anni nel cuore dell’Europa.
Costernati e addolorati, ci uniamo al dolore della famiglia, della sua ragazza e degli amici che lo piangono.


Maria Clara Mussa
 
  


 
Undici anni di strade sicure
Si è partiti con una forza di più di 3 mila unità, per arrivare nel corso degli...
''Difesa collettiva'' l'Arma azzurra sinonimo di eccellenza tecnologica
Al servizio del Paese, la più giovane delle Forze Armate con le sue molteplici...
Una giornata tra le pilote europee
Elisabetta Perrotta racconta come si è svolto l’incontro della FEWP (Federazione...
  Notizie dal Mondo
17-08-2019 - Presso il Comando NATO-KFOR di Pristina, lo scorso 15 agosto, alla presenza del comandante della missione in...
08-08-2019 - Dopo un lungo periodo di comando del contingente italiano impegnato nella Missione Bilaterale di Supporto in...
07-08-2019 - A “Camp Arena”, Herat, si è svolta la cerimonia di avvicendamento al Comando del Task Group “Fenice”...
06-08-2019 - Il contingente italiano schierato nella missione in Lettonia presso la base di Ādaži ha appena concluso il...
31-07-2019 - Nei giorni scorsi a Kabul, presso l’auditorium del Ministero della Difesa Afghano, si è svolta la Closing...
31-07-2019 - Nel pieno rispetto della risoluzione 1701 delle Nazioni Unite che prevede, tra i compiti dei Caschi Blu, quello...
Rubriche
In occasione della ricorrenza della crociera aerea del Nord Atlantico del 1933, il 31°...
È sbarcata a Kruscevo nella Macedonia del nord la nazionale che rappresenterà l’Italia...
Per comprendere nella corretta luce ciò che è circolato, ancora circola e continuerà...
Per la decima volta, le ultime sei consecutive, l’Italia conquista il titolo di campione...
Abbiamo incontrato il generale pilota Mario Arpino, già Capo di Stato Maggiore della Difesa...
In occasione della 30° Summer Universiade, tenutosi nella regione Campania, il Comando...
20 Luglio 1969. Tutti con il fiato sospeso in diretta Tv, per quei fortunati che ne erano...