12:35 sabato 14.12.2019

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo


foto di: TAAC W
Continua l'impegno dell'Italia in Afghanistan
L’attività addestrativa rivolta alle forze di sicurezza afghane si svolge mediante esercitazioni, seminari, workshop formativi insieme agli advisor italiani preposti
03-05-2019 - Un mese di aprile intenso per il contingente italiano impegnato nella RS (Resolute Support) in Afghanistan, attualmente su Base Brigata Aeromobile “Friuli”, che ha sede a camp Arena ad Herat.
L’attività addestrativa rivolta alle forze di sicurezza afghane si svolge mediante esercitazioni, seminari, workshop formativi e incontri programmati insieme agli advisor italiani preposti.
I Carabinieri appartenenti al Police Advisory Team, con il supporto del Legal Advisor del TAAC W hanno organizzato un workshop formativo sul tema del contrasto ai fenomeni corruttivi in previsione delle future elezioni presidenziali che si terranno nel mese di Settembre di quest’anno.
Il simposio, tenuto dal Legal Advisor, ha potuto giovare della partecipazione di figure di spicco della Polizia di Herat e di quella Provinciale.
Esercito, Carabinieri e CRI sono impegnati nell’addestramento in materia di soccorso tattico pre-ospedaliero, e dal 20 al 29 aprile 2019 hanno organizzato, presso il Centro Addestrativo del TAAC W di Herat, il “Self Aid Buddy Care Train the Trainer Course” (SABC TtT), un nuovo corso di formazione per istruttori di medicina tattica in favore del personale del Regional Military Hospital di Herat e delle Forze di Sicurezza afghane.
Il corso, presieduto dal Direttore dell’Ospedale da Campo del TAAC W, colonnello medico Filippo Agosta e diretto dal tenente colonnello medico Nicola Ramundo, ha certificato otto istruttori scelti militari afghani pronti ad operare presso il Centro di Addestramento afgano di Herat.
Sotto la guida ed il coordinamento di personale con qualifica Combat Medic dello Special Operations Task Group su framework 4° Reggimento Alpini Paracadutisti Ranger del Comparto Operazioni Speciali Difesa, personale dell’Arma dei Carabinieri, Ufficiali medici, Sottufficiali infermieri e personale della Croce Rossa Italiana (CRI), i discenti hanno potuto sperimentare le loro capacità nelle diverse fasi del trattamento dei pazienti politraumatizzati. In particolare, i numerosi scenari realistici proposti nell’Area Addestrativa di Camp Arena hanno consentito loro di perfezionare le tecniche di soccorso da applicare sotto il fuoco nemico (Care Under Fire), in area protetta (Tactical Field Care) e durante l’evacuazione tattica (Tactical Evacuation Care).
Sempre nel mese di aprile, una esercitazione ha simulato un incidente aereo, per testare la tempestività e capacità di coordinamento degli assetti dedicati alla sicurezza dell’Aeroporto di Herat.
L’obiettivo è stato quello di verificare l’efficacia del Piano di Emergenza Aeroportuale nonché testare la tempestività di intervento e la capacità di coordinamento dei diversi soggetti coinvolti nelle operazioni di soccorso.
Il personale dell’Aeronautica Militare in forza alla Joint Air Task Force, in concorso con il personale medico dell’Ospedale da Campo di Herat ed il supporto della squadra di primo intervento e protezione della Task Force Arena (Internal Quick Reaction Force – IQRF), su base 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” ha dato vita ad una esercitazione che ha coinvolto circa 50 operatori, oltre ad alcune aliquote di personale specializzato afghano e appartenente alle Agenzie della NATO che garantiscono i servizi aeroportuali essenziali nell'ambito della missione in Afghanistan.
E, per concludere l’elenco delle attività, presso Camp Arena è stata celebrata la Festa di Corpo del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste”, celebrando il 76° Anniversario della Battaglia di Takrouna.
Il  generale Salvatore Annigliato, accompagnato dal Ccomandante del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste”, colonnello Vito Nitti, ha assistito ad una attività aeromobile avanzata condotta dal personale appartenente al plotone Personnel Recovery del Reggimento.
Quindi, la cerimonia dell’alzabandiera solenne e la lettura della motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare ricevuta dal Reggimento per i fatti d’arme risalenti alla Seconda Guerra mondiale, ove i fanti del 66° Reggimento in Africa settentrionale, 76 anni or sono, diedero uno straordinario esempio di virtù militari e qualità umane nella Battaglia di Takrouna.


Maria Clara Mussa
 
  


 
Esercito ‘’motore tecnologico e di innovazione’’
Workshop alla presenza del sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi, con Industrie...
Con Fiorenza De Bernardi tutte le donne dell'ADA
L'Associazione Donne dell'Aria in un incontro di due giorni a Roma per stare insieme...
Pamela Mastropietro vittima della mafia nigeriana
Nella ''Giornata mondiale contro la violenza sulle donne'' l'Associazione Casa...
  Notizie dal Mondo
10-12-2019 - December 9 has been designated by UNESCO as World Human Rights Day, and the Hengav Human Rights Organization...
09-12-2019 - Today (Monday, December 9, 2019), the Turkish Ministry of Interior announced in a statement, without mentioning...
07-12-2019 - Istruttori dell’Arma dei Carabinieri hanno formato 40 unità scelte della PG, Presidential Guard Palestinese...
07-12-2019 - Il 6 dicembre scorso si è celebrato il ventennale della Radio K4, l’emittente della NATO nata nel 1999 subito...
05-12-2019 - Istruttori e consulenti militari italiani del Comando NATO della missione in Afghanistan hanno concluso una...
03-12-2019 - Al termine del 5° corso di paracadutismo, condotto dagli istruttori del Mobile Training Team della Missione...
Rubriche
Un confronto delle esperienze maturare da specialisti militari e civili nella gestione del...
Il 12 dicembre scorso, a Firenze, in una maratona tecnologica di 48 ore che ha coinvolto...
A Milano il 10 dicembre scorso, si è aperto a Palazzo Cusani il 2° Meeting Nazionale sulla...
La Madonna di Loreto protegge gli aeronauti secondo la tradizione che risale al 1920: La...
Giovani start-up, sviluppatori e ricercatori in una maratona tecnologica per presentare...
Sono sei i caduti ignoti della Prima Guerra Mondiale che nel corso di una cerimonia solenne...
Con la consegna degli attestati da parte del comandante del 3° Stormo, colonnello Francesco...