10:34 venerdì 23.10.2020

Politica

Home   >>  News - Politica   >>  Articolo
Alleanza Italia-Usa e ''dialogo strategico''
L'importanza del patto Nato contro le sfide emergenti, secondo il ministro della Difesa Lorenzo Guerini in risposta all'intervento dell'ambasciatore Eisenberg
29-09-2020 - Il 27 Settembre scorso, su il quotidiano ‘’Il Messaggero’’, è stato pubblicato un articolo dell’ambasciatore statunitense in Italia, Lewis Eisenberg, in cui Sua Eccellenza precisava alcuni punti interessanti relativi non solo alla NATO, ma anche ai rapporti USA-Italia. Il pezzo era segnalato anche sul Twitter, da parte dell’Ambasciata americana in Italia.
Titolo dell’intervento di Eisenberg. “Gli Stati Uniti con l’Italia per difendere la democrazia’’.
Un titolo importante, che ci ha indotti a legger quanto scritto, di cui riportiamo alcuni paragrafi.
Sottolineando come, da oltre 71 anni, USA e Italia siano fianco a fianco nella Nato a difesa di valori condivisi e della libertà e sicurezza, l’ambasciatore descrive l’impegno attuale nella lotta al Covid-19: “…gli Stati Uniti hanno stanziato, nell’ambito di un pacchetto completo a supporto della risposta italiana alla pandemia, milioni di dollari in aiuti sanitari, umanitari e di sostegno economico. Stiamo lavorando con il Governo italiano per l’acquisto di apparecchiature e materiale sanitari, supportando anche numerosa organizzazioni che aiutano a mitigare l’impatto della pandemia sulla società, l’economia e le comunità……
La Nato ha anche creato una scorta di emergenza, scrive l’ambasciatore: il 18 settembre scorso gli Stati Uniti hanno contribuito con 200 respiratori polmonari di alta qualità depositati nella struttura Nato di Taranto e a disposizione degli Alleati, in caso di bisogno.
In un altro paragrafo Eisenbeberg nota che: “ Le aziende statunitensi presenti in Italia, in una ulteriore testimonianza di solidarietà hanno contribuito con circa 50milioni di euro in donazioni e sostegno”.
Anche l’impegno italiano nel programma dei caccia F-35 Lighting II, viene ricordato dall’ambasciatore: “L’Italia ospita l’unico stabilimento in Europa dei caccia di quinta generazione, dove vengono assemblati i velivoli per alleati e partner e costruite le ali in dotazione a tutti gli aerei del programma…”.
E non tralascia, l’ambasciatore, di far notare come l’instabilità sul fianco meridionale della NATO, alimenti il traffico di esseri umani e l’immigrazione irregolare. I conflitti nella regione meridionale del Mediterraneo alimentano inoltre il rischio terroristico e la proliferazione degli armamenti, mentre la Russia e altri nostri avversari comuni sfruttano le situazioni di instabilità a loro vantaggio.
Dopo la lettura dell’intervento di Eisenberg, abbiamo letto con attenzione la risposta del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, ricevuta con il Comunicato Stampa inviato dal ministero della Difesa. Ecco le parole del ministro:
Prendo spunto dall'interessante intervento dello scorso 27 settembre da parte dell'Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, S.E. Lewis Eisenberg, che ha voluto fare il punto sulla Nato e sul rapporto tra Usa e Italia nel settore della Difesa. Desidero aggiungere solo alcune ulteriori riflessioni al suo esaustivo e assolutamente condiviso quadro di situazione.
Come ho avuto modo di ribadire in più occasioni, la Nato rappresenta il pilastro della nostra sicurezza collettiva ed il rapporto transatlantico mantiene il suo ruolo essenziale. La nostra convinta opera di rafforzamento della Difesa Europea deve essere letta proprio in questo senso.
L'acquisizione di sempre maggiori capacità europee va nella direzione del rafforzamento del pilastro europeo dell'Alleanza Atlantica, per un'Europa in grado di contribuire sempre più efficacemente non solo alla sicurezza del Continente ma anche capace di intervenire a livello globale.
Con le mie colleghe francese, spagnola e tedesca ho avuto modo di ribadirlo in una lettera dello scorso maggio ai Ministri della Difesa della Ue ed all'Alto Rappresentante Borrell. Insieme abbiamo tracciato le linee per un pieno ed efficace sviluppo della Difesa Europea riscuotendo interesse e plauso, ma - e si è trattato di un elemento che ho personalmente voluto con forza - ribadendo il ruolo di piena complementarietà con la Nato e la indissolubilità del rapporto transatlantico.
Un rapporto pregnante per l'Italia, anche alla luce della nostra relazione privilegiata con gli Stati Uniti. Storico Alleato al quale dobbiamo riconoscere il pieno e convinto appoggio a sostegno della nostra azione all'interno della Nato. Attenzione che sempre più l'Italia sta ottenendo nell'Alleanza - che da subito ha ricevuto la reattività degli Stati Uniti - nel comprendere l'esigenza di guardare anche a scenari diversi dal Fianco Est. Scenari più complessi e differenziati, le cui situazioni di crisi si riverberano inevitabilmente sul Mediterraneo, sull'Europa e quindi sulla Nato, che, a mio modo di vedere, deve essere un'Alleanza realmente a 360 gradi. Mi riferisco al cosiddetto Fianco Sud, che ora riceve il meritato rilievo: in sostanza quel Mediterraneo Allargato, focolaio di tante crisi, che vede lo strumento militare italiano impegnato in numerose operazioni e missioni, nelle quali proprio dopo gli Usa siamo tra i maggiori contributori.
L'ambasciatore Eisenberg ha poi giustamente ricordato lo Hub per il Sud presso il Comando Nato di Napoli. Si tratta di un ottimo punto di partenza, da noi fortemente voluto in Italia, anche come elemento simbolico di questa rinnovata attenzione verso il confine meridionale dell'Alleanza, risultato della spinta italiana. Ora dobbiamo puntare alla sua piena operatività e utilizzarlo come strumento di comprensione e di anticipazione strategica delle complesse dinamiche che abbracciano Nord Africa, Sahel e Medio Oriente.
Sappiamo, in tal senso, di poter contare ancora una volta sugli Usa, grazie alla forte convergenza di vedute che ci accomuna circa le sfide future, che poggia sullo storico e saldo rapporto bilaterale che ci unisce. L'Italia vuole continuare ad essere l'Alleato di riferimento per il quadrante Mediterraneo, ma guarda alla collaborazione con gli Stati Uniti in maniera più ampia.
La nostra Alleanza va oltre il fatto, non certamente trascurabile, che ospitiamo nel nostro Paese circa 30000 militari statunitensi e loro famiglie. Che operiamo fianco a fianco nei più importanti teatri operativi, dall'Afghanistan all'Iraq, dal Kosovo al Mediterraneo Centro-Orientale, dall'Oceano Indiano al Golfo di Guinea.
Che godiamo di un rapporto di collaborazione industriale pienamente reciproco, che vede le nostre principali aziende del settore Difesa operare sul mercato statunitense considerandolo mercato domestico. Penso qui a Fincantieri con la recente commessa per la realizzazione delle nuove Fregate per la Marina Usa, ma anche a Beretta, a Leonardo con la fornitura di elicotteri, nonché al programma F35 che vede anche il coinvolgimento di numerose Pmi che hanno aperto proprie succursali negli Stati Uniti.
Questo rilevante e qualificante portato di relazioni ha trovato recentemente anche una trattazione più strutturata, attraverso l'instaurarsi di un meccanismo di consultazioni reciproche che prende il nome di "Dialogo Strategico". Prevede frequenti incontri nel formato Esteri + Difesa, nell'ottica di cementare e adeguare la nostra storica Alleanza in risposta alle sfide emergenti.
Per quanto riguarda il mio Dicastero tale dialogo si è rivelato da subito della massima efficacia, sia per individuare ulteriori opportunità di collaborazione sul piano bilaterale, sia per definire posizioni condivise nell'ambito della comune partecipazione alla Nato.
La nostra infatti è, come ha ben detto l'ambasciatore Eisenberg, un'Alleanza basata su un'identità culturale, su valori comuni quali la democrazia, la tutela delle libertà individuali, dei diritti umani e dello Stato di diritto. Su una sincera amicizia, che ha visto le Forze Armate americane tra i primi contributori di aiuti nel momento più critico della crisi pandemica per Covid 19.
Punti di forza su cui basiamo, senza alcuna soluzione di continuità, la nostra collaborazione, sia sul piano strettamente bilaterale che nel contesto più ampio dell'Alleanza Atlantica, nella quale continueremo ad investire con convinzione, per rafforzarne la capacità e garantire la sicurezza dei suoi membri.






Maria Clara Mussa
 
  


 
Esercito: carristi in addestramento
Settimana impegnativa in poligono per i due reggimenti carri della Brigata ''Ariete''...
Conclusa ‘’Cyber Eagle 2020’’
Annuale esercitazione dell’Aeronautica Militare finalizzata all’addestramento...
Difesa: Guerini visita il centro veterani della Difesa
il Centro sarà a breve interessato dal programma di riqualificazione strutturale...
  Politica
21-10-2020 - “Siamo particolarmente orgogliosi di rafforzare la collaborazione e la sinergia con il Comitato Internazionale...
21-10-2020 - I Drive-through-Difesa messi a disposizione dal Ministero della Difesa, in collaborazione con il Ministero della...
21-10-2020 - Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, ha tenuto un’audizione...
16-10-2020 - E’ di ieri la notizia: la seconda sezione del tribunale di Milano ha condannato a sei anni di reclusione e...
15-10-2020 - “Avete l’onore di frequentare questo prestigioso istituto, un vero e proprio “polo d’eccellenza”...
15-10-2020 - “L’Italia sostiene con convinzione il rafforzamento della politica di sicurezza e Difesa europea, in...
Rubriche
Domenica 18 ottobre scorso le Frecce Tricolori hanno dato il via alla 15ª tappa del Giro...
Il 13 ottobre scorso, il generale Alessandro Veltri, commissario generale per le Onoranze...
Con una serata conviviale a Cuorgné, il 10 ottobre scorso è stata organizzata la presentazione...
Giuseppe Campoccio, tenente colonnello dell’Esercito iscritto al Gruppo Sportivo Paralimpico...
Il Reparto Attività Sportive inquadrato nella Brigata “Folgore”, ha partecipato con...
Il nuovo M-346 Fighter Attack, che ha avuto il suo ‘’Battesimo del volo’’...
Il 16 luglio corso, nel parco dell’Ippodromo Militare del Reggimento “Lancieri di Montebello” a...