10:43 venerdì 23.10.2020

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo
Sciami di droni in prova dal vivo
Una flotta di piccoli velivoli a pilotaggio remoto equipaggiata con una variante modificata del decoy BriteCloud di Leonardo
07-10-2020 - Leonardo, in collaborazione con il Rapid Capabilities Office (RCO) della Royal Air Force, ha condotto con successo una serie di prove dal vivo per testare le capacità dei cosiddetti “sciami di droni”. Durante la dimostrazione, alcuni piccoli velivoli a pilotaggio remoto, equipaggiati con potenti jammer di Leonardo, sono stati utilizzati per disturbare e neutralizzare alcuni radar di prova, che a loro volta simulavano sistemi di difesa aerea avversari.
Ispirato al mondo degli insetti, il concetto di sciami di droni è ritenuto nel settore Difesa una potenziale tecnologia dirompente. A seguito di un rapido ciclo di sviluppo, che ha visto l’RCO e gli ingegneri di Leonardo lavorare in stretta collaborazione con le aziende britanniche Callen Lenz e Blue Bear, queste prove condotte dalle Forze Armate britanniche rappresentano un passaggio fondamentale per validare capacità autonome nello specifico segmento.
In particolare, durante la dimostrazione, un certo numero di droni è stato equipaggiato con il decoy BriteCloud di Leonardo opportunamente modificato, che ha permesso a ogni drone di produrre singolarmente un effetto di disturbo elettronico altamente sofisticato. In aggiunta, i decoy sono stati programmati per lavorare in maniera collaborativa e produrre così un disturbo ai massimi livelli. Le contromisure sono state testate verso sistemi radar di terra rappresentativi delle postazioni di difesa aerea nemiche. La prova ha dimostrato che, con il rumore elettronico prodotto, gli sciami di droni equipaggiati con il BriteCloud sono in grado di neutralizzare le minacce radar.
Le informazioni raccolte dalla dimostrazione saranno utilizzate per implementare potenziali programmi futuri nel Regno Unito finalizzati ad acquisire una capacità autonoma sugli sciami di droni.
Originariamente sviluppato come sistema di protezione avanzata per i velivoli da combattimento, il BriteCloud è entrato in servizio con la RAF nel 2018, altra prima mondiale per Leonardo e l’RCO. BriteCloud può imitare la traccia radar del velivolo che l’ha emessa, inducendo i sistemi radar avversari a tracciare l’esca invece del velivolo.
BriteCloud è disponibile per le Forze Armate alleate ed è attualmente in valutazione con la Difesa statunitense.

Redazione
 
  


 
Esercito: carristi in addestramento
Settimana impegnativa in poligono per i due reggimenti carri della Brigata ''Ariete''...
Conclusa ‘’Cyber Eagle 2020’’
Annuale esercitazione dell’Aeronautica Militare finalizzata all’addestramento...
Difesa: Guerini visita il centro veterani della Difesa
il Centro sarà a breve interessato dal programma di riqualificazione strutturale...
  Notizie dal Mondo
18-10-2020 - Supporters of the Iranian-backed militant group Hashad al-Shaabi in Iraq set fire to the office of the Iraqi...
13-10-2020 - Attraverso la condivisione della propria esperienza in prima linea, il Team italiano sta rafforzando le capacità...
09-10-2020 - The Commission of Inquiry into the invasion of Iraqi sovereignty reported the involvement of Hezbollah in Iraq...
04-10-2020 - Il contingente militare italiano di Unifil, schierato nel Sud del Libano, ha ristrutturato il secondo piano...
03-10-2020 - The Counter-Terrorism Organization in the Iraqi Kurdistan Region announced on Wednesday (September 30th, 2020)...
28-09-2020 -  "We will never give up,” Barzani said in a tweet on Friday, September 25, marking the third anniversary...
Rubriche
Domenica 18 ottobre scorso le Frecce Tricolori hanno dato il via alla 15ª tappa del Giro...
Il 13 ottobre scorso, il generale Alessandro Veltri, commissario generale per le Onoranze...
Con una serata conviviale a Cuorgné, il 10 ottobre scorso è stata organizzata la presentazione...
Giuseppe Campoccio, tenente colonnello dell’Esercito iscritto al Gruppo Sportivo Paralimpico...
Il Reparto Attività Sportive inquadrato nella Brigata “Folgore”, ha partecipato con...
Il nuovo M-346 Fighter Attack, che ha avuto il suo ‘’Battesimo del volo’’...
Il 16 luglio corso, nel parco dell’Ippodromo Militare del Reggimento “Lancieri di Montebello” a...