12:23 venerdì 17.09.2021

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo
Più Mediterraneo, meno Indo-Pacifico
Interessante e pungente analisi del generale Mario Arpino per Formiche.net – 29 luglio 2021
03-08-2021 - Anche per le coppie più innamorate, a un certo punto succede che la luna di miele si esaurisca. Certo, ci si vuole sempre bene, per carità, ma ci si accorge che qualcosa è cambiato. Gran Bretagna e Stati Uniti sono sempre stati solidali, ed in particolare la prima ha sempre ambito rimanere in scia, il più vicino possibile. Ricordo a questo proposito un particolare simpatico. In occasione del cinquantenario, l’Usaf aveva invitato a Washington i capi di tutte le Aeronautiche occidentali, compresa quella israeliana. Sedevamo attorno ad un grande tavolo in ordine alfabetico. L’Israeliano, accanto a me, guardandosi in giro, mi ha sorriso divertito, mormorando: “Vedi, Mario, United Kingdom e United States stanno sempre assieme, sono indissolubili. Sono sicuro che se gli Usa decidessero di cambiare nome, immediatamente anche Uk farebbe lo stesso…”.
L’episodio, buffo quanto si vuole, ma altrettanto vero nella sostanza, è di quasi 25 anni fa. Oggi è ancora cosi? Si e no. Dopo la Brexit, la Gran Bretagna evidentemente avverte un vuoto di potere: la triade imperiale europea, Francia, Germania e Uk si è ormai dissolta e nella Nato, dove sopravvive, il ruolo britannico è fortemente condizionato. E’ ancora indispensabile, ma non autonomo e globale e questo per chi sventola lo Union Jack appare intollerabile. Si apre così un dualismo sentimentale, ma anche pragmatico che, seppure in minor misura, affligge anche la Ue: fedeltà all’interno della Nato, ma libertà d’azione all’esterno. Il primo concetto è ovviamente molto gradito agli Stati Uniti, il secondo molto meno. Anzi, è sentito quasi come un atto di insubordinazione, o quanto meno un’ invasione di campo che disturba i propri obiettivi.
E’ in questa luce che vanno lette e analizzate le parole pronunciate ieri mattina a Singapore dal capo del Pentagono, Lloyd Austin, mentre la nuovissima portaerei britannica Queen Elizabeth stava attraversando lo Stretto di Malacca, facendo bella figura con a bordo gli F-35 altrui, ovvero del Corpo dei Marines americani. Certamente un bell’esempio di collaborazione, ma il fatto che il gioiello tecnologico della Regina nel suo primo viaggio operativo si sia subito diretto nel Pacifico non sembra essere piaciuto molto agli Americani. Dopo gli elogi per lo spirito di cooperazione (“…nell’Indo-Pacifico è gradito l’aiuto di tutti”), ha subito proseguito con un garbatissimo buffetto di rimprovero sulla guancia dei sudditi di Sua Maestà, quando ha ricordato che il globo è grande, le risorse sono scarse e, “…mentre noi ci concentriamo qui, il Regno Unito può essere più utile in altre aree del mondo”. Tutta questa finezza di pensiero, tradotta brutalmente in italiano, significa: “Cari amici britannici, grazie mille, ma non fate i birichini. Pensate a tenere ben rasato il vostro verde prato di casa, perché qui ci penso io…”.
Uno schiaffo sonoro, altro che delicatezza! E non è certamente pensabile che Lloyd Austin si permetta di ardire tanto se ciò che pensa e dice non fosse già stato condiviso da Joe Biden, il democratico buono, e da tutto il suo entourage. Come a suo tempo abbiamo già osservato anche su queste pagine, il nuovo Presidente è rimasto psicologicamente e culturalmente ancorato, un po’ perché ci crede davvero, ed un po’ perché premuto dagli ideologi ultra democratici (liberals?), al primo programma elettorale del “suo” Presidente Barack Obama. Programma ambizioso, che prevedeva una graduale ricostruzione della credibilità americana, dopo il disastro della guerra irachena di George Bush jr., un potenziamento delle forze armate per dare un robusto elemento di rinforzo alla politica estera, una più equilibrata distribuzione della ricchezza e del benessere (Obamacare), un ri-orientamento degli interessi economici, politici e militari verso l’Asia-Pacifico (pivot to Asia) e, conseguentemente, un graduale ritiro dagli impegni finanziari e militari in Medioriente, in Europa e nella Nato. Confidando che alle cose di questa parte del mondo ci avrebbero pensato un’Unione Europea maggiormente consapevole delle proprie responsabilità regionali ed una Nato maggiormente europea anche sotto il profilo finanziario.
Quindi, un mondo nuovamente bipolare, come ai tempi di quella guerra fredda che il repubblicano Reagan aveva vinto per logoramento, senza dover combattere. Bellissimo piano, non contestabile né sotto il profilo ideologico, né sotto quello dei principi universali. Aveva un solo difetto: non era fattibile. E lo dimostra il fatto che nessuno di questi buoni propositi si sia realizzato. Se non, solo in parte, l’Obamacare, bloccato da carenza di risorse ed eccesso di ostacoli. Joe Biden, che dal 2007 aveva contribuito all’elaborazione del piano, alla fine se ne era innamorato ed ora, maledicendo cattiva sorte e “sabotatori”, lo rivuole a tutti i costi, così com’era.
Come abbiamo visto, al grido di “non disturbate il manovratore”, ormai rimbrotta gli alleati indisciplinati e procede imperterrito verso il prossimo insuccesso. Si, perché se è vero che la situazione è cambiata, è anche vero che è cambiata in peggio. La Russia, forse un po’ acciaccata all’interno, c’è ancora. In più, negli ultimi dieci anni, c’è stata l’esplosione della Cina, che nell’Indo-Pacifico è già grande potenza.
E se le le due decidessero di fare fronte comune?



Mario Arpino
 
  


 
Settantacinquesimo anniversario della Scuola di Volo di Galatina
La cerimonia della consegna dei brevetti agli allievi piloti militari italiani...
Completata la ‘’Opreh level 2’’
L’esercitazione a supporto della missione KFOR ha coinvolto le truppe dei Paesi...
Per mare, per terram
Celebrati i Cinquant’anni della presenza a Brindisi della Brigata Marina San...
  Notizie dal Mondo
16-09-2021 - Nei giorni scorsi l'amministrazione Biden ha declassificato e reso pubblico un rapporto dell'FBI di 16 pagine...
15-09-2021 - Si è conclusa nella base “Green Hill” di Naqoura, nel Libano meridionale, l’esercitazione multinazionale...
01-09-2021 - Nei giorni scorsi, con la consegna degli attestati di qualificazione, si è concluso il ciclo formativo costituito...
01-09-2021 - La “Guerra dei venti anni” in Afghanistan, convintamente guidata dagli Stati Uniti, è ufficialmente giunta...
27-08-2021 - Lo scorso 8 giugno il nostro ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, con un volo reso complesso da un “pasticciaccio...
26-08-2021 - Presso la Base Millevoi di Shama si è svolta la cerimonia di avvicendamento alla guida dell’Italian National...
Rubriche
Digital Lobbying, Public affairs, advocacy, innovazione tecnologica e formazione. Questi...
Sono particolarmente onorato di partecipare alla cerimonia di inaugurazione in rappresentanza...
Si è svolta nei giorni scorsi, presso il cortile del Castello Visconteo-Sforzesco della...
Si rinnova anche quest’anno l’ormai storico connubio tra la Formula 1 e l’Aeronautica...
Inauguriamo questa rassegna in una giornata di grande rilievo storico, perché ci...
Riportiamo una intervista con il generale Pasquale Preziosa, già Capo di Stato Maggiore...
Svolti lo scorso fine settimana sul bacino dell’Idroscalo di Milano, la manifestazione...