02:31 domenica 24.10.2021

L'intervista con...

Home   >>  News - L'intervista con...   >>  Articolo
La Nuova Difesa Europea
Serve un pilastro europeo della difesa? E la NATO, come potrà esserne coinvolta?
01-09-2021 - Riportiamo una intervista con il generale Pasquale Preziosa, già Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica dal 2013 al 2016, che ha riposto ad alcune domande su un tema di grande attualità: la Difesa nell’ambito dell’Unione Europea.

Perché serve un pilastro europeo della difesa?
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto più volte dichiarando la forte esigenza di dover dare protezione all’Europa con un proprio pilastro difensivo anche in prospettiva di un rafforzamento delle relazioni transatlantiche.
Le scelte statunitensi del primo dopoguerra furono fortemente influenzate dalla dottrina Monroe (isolazionismo USA).
Lo squilibrio nell’ordine internazionale conseguente costituì la causa fondamentale del secondo conflitto mondiale.
Le difficoltà oggi, degli Stati Uniti di garantire l’ordine internazionale sono divenute insostenibile per un solo Paese, anche se tale Paese è la prima potenza mondiale.
Questo squilibrio potrebbe essere bilanciato dall’assunzione di responsabilità da parte dell’Europa, divenuta una delle prime potenze commerciali del mondo, ma non ancora player completo nell’arena internazionale.
Se ciò avverrà, a livello mondiale potrà più facilmente svilupparsi in modo pacifico un ordine multipolare.

Quali sono gli scenari strategici che si possono prospettare?
Se quanto ipotizzato non dovesse concretarsi, ovvero rifiuto dell’Europa di assumere responsabilità corrispondenti alle sue potenzialità e un nuovo isolazionismo americano, questi potranno costituire i fattori di crisi più gravi nell’ordine internazionale.
Qualora invece l’Europa dovesse assumersi le proprie responsabilità, gli USA avrebbero la possibilità di rilanciare il ruolo costruttivo (Roosevelt) svolto dopo al Seconda guerra mondiale e smarrito purtroppo, dopo qualche anno il crollo del Muro di Berlino.

Come si colloca la NATO in questi scenari?
Nel primo scenario ipotizzato, l’Alleanza NATO, artefice della Sicurezza europea negli ultimi settant’anni, andrebbe in forte crisi con effetti gravissimi sulla possibilità di evitare conflitti in Europa.
Nel secondo scenario, la NATO potrà essere rafforzata sulla base di una equal partnership fra Stati Uniti e Europa.
La solidarietà fra USA ed Europa sulla base di una equal partnership sarà in grado di rendere più agevole l’inserimento pacifico di nuove potenze nella governance del mondo rendendo obsolete le aspirazioni egemoniche.
Ciò sottolinea che le scelte oggi possibili e necessarie sono in grado di determinare non solo il futuro della difesa dell’Europa ma la bilancia fra i rischi di guerra e le possibilità di pace a livello mondiale.

Quale forma potrà assumere la Difesa Europea?
È necessario studiare modelli attuativi che nel passato abbiano già dato risultati positivi.
L’esperienza statunitense insegna che la difesa possa essere organizzata in modi differenti.
Quella attuata negli USA ha visto il nascere di un modello duale delle Forze armate: le autorità centrali possedevano le forze di pronto intervento, mentre gli stati membri spettava l’organizzazione delle forze territoriali.
Le condizioni vigenti nell’Europa di oggi sono assimilabili a quelle degli USA ai primordi.
La costituzione, attraverso la riorganizzazione delle forze europee della NATO, di un piccolo pilastro europeo della difesa all’interno della NATO (senza necessità di nuove forze), sarebbe il primo passo per la costruzione della difesa europea accompagnata dall’ampliamento delle strutture di comando e controllo presso Bruxelles.
Lo spirito costruttivo dovrà essere quello suggerito da Monnet per la Cooperazione Rafforzata che ha consentito la creazione della CECA prima e dell’Unione europea poi










Redazione
 
  


 
XXII Trofeo dei presidenti Sezione Alpini Alto Adige
Giunto alla ventiduesima edizione ha visto gareggiare più di un centinaio di...
Testimonianza sul campo anti greenpass
A Roma la partecipazione di famiglie con bambini sul passeggino, anziani e cani...
Calendario Aeronautica Militare 2022, l’evoluzione tecnologica
Gen. Rosso: ‘’L’Aeronautica di oggi è il frutto del lavoro e dell’investimento...
  L'intervista con...
18-08-2021 - Giornali, emittenti televisive, social media in questi giorni fanno a gara a chi pubblica il maggior numero...
06-07-2021 - Vogliamo ricordare quanto avvenuto l’8 giugno scorso, in occasione del volo del Boeing KC con a bordo 42 giornalisti...
23-03-2021 - E’ sempre interessante scambiare opinioni, conversare con il generale Mario Arpino, già capo dell’Aeronautica...
11-02-2021 - Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine intervista la scienziata della missione Rosetta: “ora le donne...
18-01-2021 - Trent’anni fa, fra gennaio e febbraio del 1991, la Guerra del Golfo vedeva la sua fine con la liberazione...
08-01-2021 - Dopo aver assistito, tramite le emittenti televisive, alle manifestazioni di protesta dei supporter del Presidente...
Rubriche
Nell’ottobre del 1942, i paracadutisti schierati a El Alamein, unitamente alle Divisioni...
Domenica 24 ottobre le Frecce Tricolori sorvoleranno Misano World Circuit, effettuando il...
C’era anche il figlio di Augusto Del Noce, il noto giornalista Fabrizio, al convegno dedicato...
La Difesa ha concluso la sua partecipazione alla XXXIII edizione del Salone Internazionale...
Lunedì 18 ottobre, alle ore 11, il ministro della Difesa Lorenzo Guerini sarà nel capoluogo...
L'Esercito Italiano fornirà anche quest'anno il proprio contributo alla ”Roma Race for...
Il 30 settembre si è svolta nell’aeroporto di Gorizia la cerimonia nel 90° di costituzione...