09:54 lunedì 06.02.2023
Navarm: collaborazioni con Marina Militare brasiliana
Il direttore degli Armamenti Navali del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti in Brasile
fotografie di: NAVARM

08-08-2022 - Dal 30 luglio al 5 agosto si è svolta la visita in Brasile dell’ammiraglio ispettore Capo Massimo Guma, direttore degli Armamenti Navali (NAVARM) del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti (Segredifesa). La visita ha riguardato la collaborazione, da tempo avviata tra i due Paesi, relativa all’ammodernamento delle forze navali brasiliane.
Guma è stato accolto dal direttore generale dei ‘’materiali della Marina’’ (DGMM) del Brasile, almirante de esquadra Cunha, e dal suo staff che lo ha accompagnato nella fitta agenda negli impegni istituzionali programmati.
L’occasione ha rivitalizzato i legami e il dialogo tra Italia e Brasile, per completare lo scambio di informazioni, iniziato nel corso di analoga recente attività condotta dall’almirante Cunha in Italia nella prima decade del mese di giugno scorso, relativo ai programmi navali in corso e futuri al fine di individuare le aree di interesse della Marina Militare Brasiliana e le capacità di supporto della Marina Militare Italiana e del Segretariato Generale della Difesa. In tale ambito è stata svolta la nona riunione del Comitato di Coordinamento della cooperazione in materia di Difesa per lo sviluppo delle forze navali brasiliane.
L’occasione è stata colta anche per incontrare il Console Generale Massimiliano Iacchini, appena insediatosi a Rio de Janeiro, che ha fornito supporto alla delegazione nel corso della visita.
La delegazione italiana ha potuto avere una presentazione relativa ai programmi navali in corso e futuri da parte di Cunha e del suo collaboratore vice almirante Calheiros, direttore della Diretoria de Gestao de Programas da Marinha (DGePM); inoltre, incontrato il direttore della Empresa Gerencial de Projetos Navais (ENGEPROM) vice almirante Edesio.
Infine, sono stati visitati il complesso navale di Itaguaì, ove la Marina Militare brasiliana sta costruendo un importante sito per la produzione e gestione dei nuovi sottomarini, l’Arsenale della Marina di Rio de Janeiro, area che la Marina Brasiliana vorrebbe riqualificare in favore dello sviluppo della cantieristica navale nazionale, e la fabbrica di munizioni Almirante Jurandyr da Costa Muller de Campos. 
La Marina Brasiliana ha dimostrato interesse per alcuni dei programmi in corso o di imminente avvio da parte della Marina Militare Italiana, tra i quali: le nuove unità di supporto logistico (Logistic Support Ship), programma gestito in ambito OCCAR, i nuovi Pattugliatori (Off-Shore Patrol Vessel) e le unità contro misure mine (Mine Counter Measure Vessel). In aggiunta, la Marina Brasiliana ha rappresentato la volontà di valorizzare e potenziare le infrastrutture esistenti presso l’Arsenale di Rio de Janeiro per aumentare la capacità cantieristica nazionale.
Nell’ottica di fornire un concreto e pronto riscontro alle esigenze brasiliane, la delegazione italiana presieduta dall’ammiraglio Guma, era composta dall’ammiraglio ispettore Giuseppe Sica, Capo del primo Reparto “Nuove Costruzioni” di NAVARM, incaricato dei nuovi programmi per conto della Direzione degli Armamenti Navali, dall’addetto militare in Brasile, colonnello Antonio Felicissimo, e da rappresentanti di alcune industrie nazionali potenzialmente coinvolte: Fincantieri e Leonardo.
Relativamente all’attività svolta, Guma ha espresso vivo apprezzamento per la perfetta organizzazione della visita e della fitta agenda di impegni e per la calorosa accoglienza riservata alla delegazione italiana.
In chiusura, Guma e Cunha hanno elogiato la professionalità del lavoro svolto, confermando la volontà di rafforzare i legami storici di amicizia tra i due Paesi e di continuare la cooperazione nello spirito di renderla maggiormente solida e di permettere il completamento dei programmi di sviluppo della Marina Brasiliana nell’ottica di definire una diretta collaborazione in ambiti di reciproco interesse.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Difesa: “Chinook” compie 50 anni
Il glorioso elicottero CH-47 “Chinook” compie 50 anni nell’AVES (Aviazione...
Difesa: ‘’Rudis Trium’’
Attività addestrativa di ''Personnel Recovery’' svolta presso 5° Reggimento...
A Roma per i diritti delle donne afghane
Manifestazione in piazza SS Apostoli contro le pesanti restrizioni del governo...
Difesa: ‘’Agenor’’, avvicendamento al Comando Tattico
Rotazione dall’Italia al Belgio al Comando Tattico dell’Operazione componente...
Ungheria: la logistica di aderenza italiana in operazione
Il National Support Element nell'ambito dell'Operazione NATO Enhanced Vigilance...
Caex II/2022: Esercito italiano e la 3a dimensione
AVES consolida il modello operativo della Brigata Aeromobile “Friuli” quale...
Centenario Aeronautica militare 2023
Presentate le iniziative legate alle celebrazioni e al progetto benefico ‘’Un...
Niger, teatro cruciale per il futuro del pianeta
Conferenza all'Università Luiss alla presenza del Presidente della Repubblica...
‘’Extrema Ratio’’, venticinque anni di audacia e creatività
Un nome ed una sigla che rappresentano un fiore all’occhiello dell’artigianato...
A Gibuti e Mogadiscio la visita del sottosegretario Perego di Cremnago e del generale Figliuolo a militari e imprenditori italiani
Italia e Francia hanno concordato per inviare sistema difensivo antimissile al Paese in guerra 
Nel triennio 2020 - 2022, sono stati intercettati oltre 14.100 irregolari, proveniente dalla rotta balcanica
Momento di confronto anche sulle attuali crisi che coinvolgono i nuovi domini ''cyber e spazio''
Inaugurato nella base di Pratica di Mare, frutto delle forti sinergie tra le competenze operative di Guardia di Finanza e Leonardo
L’ha detto Isabella Rauti, intervenuta alla convention ‘’Donne impresa’’ di Confartigianato
In Libano la Brigata Aosta cede il comando del Settore Occidentale della missione alla Brigata Paracadutisti Folgore
In orbita con successo, operativi anche il deployer “smpod” e la vela spaziale “artica”