16:09 martedì 20.08.2019
In Memory of Nassiriya Commemorazione sulla piattaforma di Second Life
Un sistema di comunicazione ancora purtroppo sconosciuto a molti che usano Internet, pensando di essere ''up to date''
fotografie di: Wildstar Beaumont

14-11-2014 - “Grazie di cuore a tutti perché ci rendete orgogliosi di essere italiani!”. Quando il video-messaggio della regista Annarita Campo irrompe tra le note del Silenzio, l’atmosfera è di grande emozione.
Li abbiamo nominati ed erano presenti. Uno per uno, chiamati: Presente!!
Nel memoriale che li ricorda siamo in tanti ad onorare la memoria dei Caduti di Nassiriya, i nostri Caduti: 19 uomini, 12 carabinieri, 5 dell’Esercito, 2 civili.
Poi la giovane regista con un passato da militare nel corpo degli Alpini, ringrazia con la semplicità di parole che non riescono a trattenere una dolorosa emozione.
“Dal set di questo film, colgo l’occasione per ringraziare a nome mio e a nome del cast dello stesso tutti i militari italiani che saranno ricordati oggi grazie all’evento “In Memory of Nassiriya”  e tutti i militari italiani che ancora oggi operano nelle varie missioni di pace nel mondo”.
Tra le rose gialle del Memoriale, sotto il Tricolore, le note del Silenzio lasciano spazio a quelle dell’Inno di Mameli e intanto una targa in onore dei nostri ragazzi ammazzati a Nassiriya viene scoperta. Qualcuno applaude, qualcuno sottovoce fa notare come sia raro che esponenti del mondo dello spettacolo e del cinema decidano di rendere onore ai Caduti dedicando loro un film.
L'emozione cresce, si sente nelle voci di coloro che, pur fermi nelle proprie abitazioni, Torino, Parma, Palermo, Roma, sono presenti alla commemorazione, sottolineando con frasi sintetiche, l'importanza della cerimonia.
Una cerimonia che, dedicata ai caduti di Nassiriya, racchiude il dolore per tutti i caduti, per i soldati italiani che hanno dato la vita credendo fermamente nei valori appresi e fatti propri, nei soldati di ogni Paese che affrontano la morte per portare sicurezza e pace nei propri territori
"Il Memoriale esiste da 7 anni" racconta colei che l'ha creato, la giornalista Carmela Modica.
"Da quando cercavo un luogo dove recarmi a pregare per loro, per questi ragazzi che la vita l’hanno data senza ricevere nulla in cambio. E' creato su di una piattaforma virtuale in 3D. Mi sembrava il luogo ideale: un luogo-non luogo, dove tempo e distanze vengono abbattute, dove la tridimensionalità permette di costruire, di creare oggetti, paesaggi, città ed ogni altra cosa la mente possa immaginare. Universi dove si stanno aggregando le Università di tutto il mondo con corsi, lezioni ed aule, dove la Protezione Civile americana realizza simulazioni che ne hanno migliorato il rendimento dopo Katrina, dove la NASA pensa al futuro con sperimentazioni ad hoc, il DoD ci fa non si sa bene cosa in un Top Secret di cui è possibile visitare alcune grandi costruzioni della US Navy ed i centri per i Veterani".
"E poi ancora alcuni grandi centri medici che vi realizzano progetti per gli ammalati di tumore: universi paralleli dove la comunicazione è talmente in “full immersion” da superare e di tanto, le possibilità di un Internet piatto a cui siamo abituati.
Non è stato facile combattere contro i pregiudizi di coloro che nel web vedono solo un contenitore di strani giochi, non è stato facile combattere i griefer (hacker in ambiente 3D) a cui il nostro Memoriale sembrava scomodo, dentro quel tipico gioco di cattivo gusto di cantilene contro i nostri militari. 
Eppure, sottolinea Modica, nonostante alcuni infausti pronostici di chi continuava a non comprendere la serietà di questo progetto, non ci siamo fermati: quel piccolo sparuto gruppo è diventato sempre più numeroso negli anni fino al decennale della strage quando il Comune di Rosolini, con un atto di straordinaria lungimiranza, concede il patrocinio all’iniziativa che vede anche l’autorizzazione del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ad un proprio ufficiale nella qualità di relatore al convegno sulle missioni di supporto alla pace, organizzato tra gli altri numerosi eventi della memoria.
“Prima di tutto vorrei complimentarmi per le iniziative che con costanza e convinzione portate avanti - ci scrive in un messaggio il colonnello Roberto Lanni,Vice capo Ufficio Pubblica informazione e Comunicazione del Gabinetto del Ministro della Difesa, la "memoria" è un bene da custodire e tramandare, soprattutto per non disperdere il patrimonio di valori che ad essa sono associati”.
E continua: “Mi compiaccio veramente per l'iniziativa, alla quale molto probabilmente, non potrò partecipare per impegni precedentemente assunti, ma, sicuramente, sarò vicino a Voi, soprattutto rivolgendo un deferente pensiero a tutti coloro i quali si sono sacrificati per il bene comune e per la nostra sicurezza nelle missioni internazionali per la pace, siano essi militari o civili”.
Parole che ci rincuorano delle fatiche trascorse, ma mai nulla al confronto di chi ha dato la vita per la Pace. Noi non li dimenticheremo mai!

Sono caduti a Nassiriya


L'attentato provoca 28 morti, 19 italiani e 9 iracheni. Gli italiani sono:
• i carabinieri
• Massimiliano Bruno, maresciallo aiutante, Medaglia d'Oro di Benemerito della cultura e dell'arte
• Giovanni Cavallaro, sottotenente
• Giuseppe Coletta, brigadiere
• Andrea Filippa, appuntato
• Enzo Fregosi, maresciallo luogotenente
• Daniele Ghione, maresciallo capo
• Horacio[1] Majorana, appuntato
• Ivan Ghitti, brigadiere
• Domenico Intravaia, vice brigadiere
• Filippo Merlino, sottotenente
• Alfio Ragazzi, maresciallo aiutante, Medaglia d'Oro di Benemerito della cultura e dell'arte
• Alfonso Trincone, Maresciallo aiutante
• i militari dell'esercito
• Massimo Ficuciello, capitano
• Silvio Olla, maresciallo capo
• Alessandro Carrisi, primo caporal maggiore
• Emanuele Ferraro, caporal maggiore capo scelto
• Pietro Petrucci, caporal maggiore
• i civili
• Marco Beci, cooperatore internazionale
• Stefano Rolla, regista

Proseguono gli eventi in memoria dei Caduti Italiani militari e civili nelle missioni internazionali di supporto alla pace.
"In Memory of Nassiriya Project", progetto realizzato in ambiente virtuale nel metaverso di Second Life, ospita nella sua grande "library" la mostra fotografica "Uniform for Freedom" dei reporter Daniel Papagni per Cybernaua Magazine, e Pierre Chiartano, reporter e scrittore che vive attualmente a Tunisi.
La "library" multimediale contiene anche lo straordinario video "Shana ba shana" ispirato alla cooperazione con l'Afghanistan.
Slurl:
maps.secondlife.com/secondlife/Sagittarius/162/184/27


Le foto della cerimonia:


NASSIRIYA 2014
plus.google.com/photos/+WildstarBeaumont/albums/6080938321348796001?banner=pwa&authkey=CN2tt-GTuqy6Xw

NASSIRIYA 2013
[URL]plus.google.com/photos/+WildstarBeaumont/albums/5947298987328597537?banner=pwa&authkey=CO2NltGwss6RUg[/URL]
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Undici anni di strade sicure
Si è partiti con una forza di più di 3 mila unità, per arrivare nel corso degli...
''Difesa collettiva'' l'Arma azzurra sinonimo di eccellenza tecnologica
Al servizio del Paese, la più giovane delle Forze Armate con le sue molteplici...
Una giornata tra le pilote europee
Elisabetta Perrotta racconta come si è svolto l’incontro della FEWP (Federazione...
Una Acies, dual opportunities
Per formare un’unica schiera è basilare la formazione e l’addestramento dei...
‘’Lavaredo 2019’’ non solo esercitazione
Le Truppe Alpine in Cadore hanno mostrato la propria capacità operativa nello...
Riprendere appieno i rapporti commerciali e salvare i cristiani in Oriente
Putin in visita ufficiale in Italia ha incontrato papa Francesco, Sergio Mattarella...
Caserme Verdi per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno
Alla presenza della ministra Trenta, incontro tecnico-informativo promosso dallo...
Le manovre turche sulla Zee libica ed i rischi per l’Italia
Il nostro Paese è bene che presti la dovuta attenzione ad un fenomeno potenzialmente...
Basilea festeggiati i Cento anni di Zonta International
Nel denso programma, anche l'intervento dell'italiana Donatella Ricci, astrofisica...
Il Sottufficiale, medaglia d’oro individuale nella categoria “senior”, è tra i 16 italiani che hanno conquistato 3 medaglie
Nella missione “Joint Enterprise” il Multinational Battle Group West incrementa la capacità di comando e controllo; anche la Turchia ora ne fa parte
Lanciata nel 2015, ENFM fa parte dell'approccio globale dell'UE in materia di migrazione e per fornire sicurezza nel Mediterraneo; le attività navali dell'operazione sono momentaneamente sospese per motivi operativi
L’Esercito è impegnato a Ferragosto in numerose attività operative di difesa in Italia e all'Estero
In un comunicato Stampa diffuso dal Ministero della Difesa la mattina di ferragosto apprendiamo che la ministra Trenta ricusa il decreto di Salvini
Passaggio di responsabilità dal generale Maggi al subentrante generale Dei al Comando della Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN)
Gli Elicotteri Mangusta del Contingente italiano in Afghanistan hanno raggiunto le 13.000 ore di volo in oltre 7.000 missioni
Il contingente italiano della Missione in Lettonia, ha concluso sviluppando una serie di attività addestrative individuali