10:38 sabato 21.10.2017
''Green Market II'', Virtual Battlespace di terza generazione
Attività addestrativa di simulazione avanzata presso il 5° Reggimento AVES
fotografie di:

07-08-2017 - Alla presenza del comandante del Comando delle Forze Operative Terrestri, gen.C.A. Riccardo Marchiò, si è svolta, nell'ultima settimana di luglio, presso il 5° Reggimento AVES “Rigel” di Casarsa della Delizia (PN), l’esercitazione “Green Market II”, a cui hanno partecipato il Centro di simulazione e validazione dell’Esercito (Ce.Si.Va.), la Scuola sottufficiali dell’Esercito, il comando Divisione “Friuli”, il comando Brigata Aeromobile “Friuli”,  il 5° reggimento AVES “Rigel”, il 66°  reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste”, il 7° reggimento AVES “Vega”, l’11° reggimento bersaglieri, il 132° reggimento Carri, il reggimento lancieri di Novara (5°) ed il reparto Comando e Supporti Tattici “Friuli”.
Nel corso dell’attività, la cui organizzazione ha preso avvio al termine di un intenso periodo di sperimentazione iniziato con l’esercitazione “Green Market I” nel 2014, sono stati illustrati i risultati ottenuti dal Gruppo di Progetto costituito ad hoc e composto da specialisti esperti nel campo della simulazione addestrativa.
L’esercitazione rappresenta un importante momento di crescita per lo sviluppo di una nuova metodologia per l’addestramento e l’approntamento delle unità che prevede lo svolgimento delle attività addestrative da ciascuna sede stanziale (concetto di Home Station Training - HST) con l’impiego di piattaforme e sistemi d’arma reali immersi in un unico scenario sintetico (Virtual).
In tale contesto, l’integrazione delle attività svolte dalle unità sul terreno (Live) e le attività svolte con l’impiego di simulatori (Virtual), resa possibile tramite il ricorso al software di simulazione Virtual Battlespace di terza generazione (VBS3), interfaccia tra il mondo reale e la realtà virtuale, ha permesso l’attivazione di un network addestrativo nel quale, senza alcuna modifica alle configurazioni originarie di materiali e  mezzi, sono state coinvolte un’ampia gamma di capacità ed assetti di Forza Armata (Live Virtual Home Station Training - LVHST) altrimenti difficilmente impiegabili contemporaneamente se non con elevati costi e subordinati a numerosi vincoli.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Afghanistan nuovo Centro addestrativo del TAAC W
Allestita una parete di roccia artificiale per l’addestramento alpinistico delle...
Kirkuk sotto assedio
I Peshmarga sono determinati, come lo sono i civili che li affiancano armati per...
Kirkuk, pronta a difendersi ancora
Peshmerga e cittadini pronti ad imbracciare le armi se la minaccia di Baghdad...
La campana di Qaraqosh
Un uomo, un popolo non sono soli se fede e determinazione li conducono in ciò...
Pilota acrobatico, passione e missione nel lavoro aereo
È stato un grande onore essere invitati in Italia per questa competizione trascorrendo...
Herat: ''Ponte della solidarietà''
A supporto dei bambini afghani disabili, gli alpini del contingente italiano
ll mondo deve sapere cosa vuole il Kurdistan
Tra i votanti il Referendum per l’indipendenza del Paese dall’Iraq
Kurdistan, la grande sfida (Esclusiva)
Allo stadio di Erbil standing ovation per il Presidente Barzani alla chiusura...
Joint Amphibious Raid
A Venezia l’esercitazione interforze svolta presso la caserma dei Lagunari,...
I caschi blu italiani inaugurano impianto sportivo sul lungomare di Tiro
The Peshmarga are determined, as are the civilians who armed them to defend the controversial city
Illustrati i compiti della Scuola nel delicato settore della formazione di base e avanzata degli ufficiali del nostro Esercito
Si aggiungono a una flotta di circa 120 unità presenti in Giappone anche per compiti di pubblica utilità e di supporto alle emergenze
The M60A3 solution significantly enhances the survivability, reliability, mobility and lethality of the platform
L’Italia contribuisce anche con la MIBIL, per un ulteriore incremento dell’efficienza delle LAF
A man, a people, are not alone if faith and determination lead them to what they believe
I caschi blu italiani solidali con i Libanesi