23:03 sabato 21.04.2018
NRDC guida la Land Component Command della NATO Response Force
Per la quarta volta la responsabilità di guidare la componente terrestre è affidata al'Italia, con il generale Perretti
fotografie di: SME

12-01-2018 - Presso la Caserma “Ugo MARA”, a Soliate Olona, il 10 gennaio scorso ha avuto luogo la cerimonia che ha sancito il passaggio del testimone nel comando della componente terrestre della NATO Response Force (NRF) tra l’Allied Rapid Reaction Corps (ARRC) comandato dal generale di Corpo d’Armata Tim Radford e il Nato Rapid Deployable Corps – Italy (NRDC-ITA) comandato dal generale di Corpo d’Armata Roberto Perretti.
Erano presenti il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, il comandante del Comando Operativo Alleato Interforze di Brunssum in Olanda generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina e il comandante del Comando Terrestre Alleato (LANDCOM) generale di Corpo d’Armata Darryl A. Williams.
Il Nrdc-Ita assume per la quarta volta la responsabilità di guidare la componente terrestre (Land Component Command) della NATO Response Force, dopo un lungo e articolato periodo di preparazione durato oltre un anno, che ha visto il Comando impegnato in numerose e complesse attività addestrative finalizzate a completare l’addestramento individuale del personale, a testare ed affinare le procedure di lavoro, prima di essere dichiarato “combat ready” con l’esercitazione “Brilliant Ledger 2017” che, sotto l’attenta supervisione di un team di 40 esperti valutatori militari, ha visto impegnati a Solbiate Olona (VA) e Bellinzago Novarese (NO) oltre 1000 militari provenienti da 15 nazioni dell’Alleanza e 85 reparti diversi delle forze armate italiane.
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=6019
Nota
La NATO Response Force, creata nel 2002, è un complesso di forze ad elevata prontezza, tecnologicamente avanzata e altamente addestrata, costituita da componenti terrestre, marittima, aerea, di forze speciali e di supporto logistico con personale e mezzi forniti a rotazione dai Paesi membri, per consentire all’Alleanza di far fronte prontamente a tutte le sfide alla sicurezza, dalla difesa collettiva alla gestione delle crisi. A seguito delle decisioni assunte nel vertice del Galles del 2014, l’Nrf è stata potenziata con un’aliquota di forze in altissima prontezza denominata Very High Readiness Joint Task Force (VJTF), estremamente flessibile e modulare, capace di spiegarsi con immediatezza. Nel suo insieme l’Nrf è composta da circa 40.000 uomini.
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=6025
Il NATO Rapid Deployable Corps – Italy è un Comando multinazionale con sede a Solbiate Olona (VA), è alle dipendenze del Comandante Supremo delle Forze Alleate in Europa (SACEUR). L’Italia ne è la nazione guida e fornisce circa il 75% del personale. Il rimanente 25% è costituito da militari provenienti da altre dodici nazioni: Albania, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti e Ungheria per un totale di circa 400 uomini e donne. Prossimamente, altre 4 nazioni: Canada, Lettonia, Lituania, e Romania entreranno a far parte del Comando portando così a diciassette il numero dei paesi contributori.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Addio al pattugliatore di squadra Bersagliere
La cerimonia dell’ultimo ammaina bandiera a la Spezia, il 17 aprile scorso
221 Capitani in addestramento alla Scuola di Applicazione dell’Esercito
Il generale di Corpo d'Armata Pietro Serino a Torino presenzia all'esercitazione...
Il generale Fungo visita la Scuola sottufficiali dell'Esercito
E l'area addestrativa di Trignano di Spoleto, dove è in corso l’Esercitazione...
La brigata Folgore termina il suo impegno in Libano, arriva la brigata alpina Julia
Avvenuto il cambio di comando in Shama, dopo sei mesi di attività dei paracadutisti...
Roma, al via la ''Formula E''
La gara, che si volgerà intorno alle ore 16,00 vedrà impegnate le auto elettriche...
Proteggere l'arte è una responsabilità globale
Italia e Messico condividono le esperienze maturate nella Tutela del Patrimonio...
Estote parati... un piano di integrazione d’area mediterraneo e balcanico
Sia che la Turchia scelga la direzione russo-cinese, sia che con una capriola...
Perché la Turchia vuole l’isola di Kastellorizos?
Le EEZ cipriota e l’importanza per la sicurezza energetica italiana ed europea...
Per i 95 anni dell’Aeronautica Militare l’abbraccio dei Pisani
L’Aeroporto della 46a Brigata aerea visitato da migliaia di appassionati e sul...
Grande soddisfazione per l’eccellente livello addestrativo raggiunto dai frequentatori espressa dai rappresentanti delle Forze di Sicurezza del Kurdistan Iracheno
Sviluppato in Italia l’M-40 è libero da vincoli all’esportazione e potrà integrare le flotte di Mirach 100/5, aero-bersaglio utilizzato da oltre 16 Forze Armate
La donazione di materiale e la costruzione di un laboratorio di chimica da parte del contingente italiano del Multinational Battle Group West
Appello raccolto con generosità dal 4^ Reggimento Aviazione dell’Esercito Altair di Bolzano
Maxi sequestro di hashish: 225 kilogrammi sequestrati venerdì 13 aprile a un gruppo criminale di magrebini con base a Monte san Giusto
I risultati ottenuti sono stati eccellenti, in particolare tre studenti hanno conseguito il punteggio di 110 su 110 “cum laude”.
Proseguono i corsi di alta specializzazione tenuti dai militari italiani a favore del personale femminile nelle Forze Armate afghane
I Carabinieri istruttori del Comando Tutela Patrimonio Culturale in Iraq addestrano 31 agenti della polizia Regionale