04:07 giovedì 24.01.2019
NRDC guida la Land Component Command della NATO Response Force
Per la quarta volta la responsabilità di guidare la componente terrestre è affidata al'Italia, con il generale Perretti
fotografie di: SME

12-01-2018 - Presso la Caserma “Ugo MARA”, a Soliate Olona, il 10 gennaio scorso ha avuto luogo la cerimonia che ha sancito il passaggio del testimone nel comando della componente terrestre della NATO Response Force (NRF) tra l’Allied Rapid Reaction Corps (ARRC) comandato dal generale di Corpo d’Armata Tim Radford e il Nato Rapid Deployable Corps – Italy (NRDC-ITA) comandato dal generale di Corpo d’Armata Roberto Perretti.
Erano presenti il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, il comandante del Comando Operativo Alleato Interforze di Brunssum in Olanda generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina e il comandante del Comando Terrestre Alleato (LANDCOM) generale di Corpo d’Armata Darryl A. Williams.
Il Nrdc-Ita assume per la quarta volta la responsabilità di guidare la componente terrestre (Land Component Command) della NATO Response Force, dopo un lungo e articolato periodo di preparazione durato oltre un anno, che ha visto il Comando impegnato in numerose e complesse attività addestrative finalizzate a completare l’addestramento individuale del personale, a testare ed affinare le procedure di lavoro, prima di essere dichiarato “combat ready” con l’esercitazione “Brilliant Ledger 2017” che, sotto l’attenta supervisione di un team di 40 esperti valutatori militari, ha visto impegnati a Solbiate Olona (VA) e Bellinzago Novarese (NO) oltre 1000 militari provenienti da 15 nazioni dell’Alleanza e 85 reparti diversi delle forze armate italiane.
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=6019
Nota
La NATO Response Force, creata nel 2002, è un complesso di forze ad elevata prontezza, tecnologicamente avanzata e altamente addestrata, costituita da componenti terrestre, marittima, aerea, di forze speciali e di supporto logistico con personale e mezzi forniti a rotazione dai Paesi membri, per consentire all’Alleanza di far fronte prontamente a tutte le sfide alla sicurezza, dalla difesa collettiva alla gestione delle crisi. A seguito delle decisioni assunte nel vertice del Galles del 2014, l’Nrf è stata potenziata con un’aliquota di forze in altissima prontezza denominata Very High Readiness Joint Task Force (VJTF), estremamente flessibile e modulare, capace di spiegarsi con immediatezza. Nel suo insieme l’Nrf è composta da circa 40.000 uomini.
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=6025
Il NATO Rapid Deployable Corps – Italy è un Comando multinazionale con sede a Solbiate Olona (VA), è alle dipendenze del Comandante Supremo delle Forze Alleate in Europa (SACEUR). L’Italia ne è la nazione guida e fornisce circa il 75% del personale. Il rimanente 25% è costituito da militari provenienti da altre dodici nazioni: Albania, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti e Ungheria per un totale di circa 400 uomini e donne. Prossimamente, altre 4 nazioni: Canada, Lettonia, Lituania, e Romania entreranno a far parte del Comando portando così a diciassette il numero dei paesi contributori.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

La pace in Siria pare lontana
Nello scacchiere mediorientale sono molte le forze politiche internazionali a...
Centralità valoriale della persona
Inaugurato l’anno accademico 2018/2019 della Scuola ufficiali dell’Arma dei...
Accordi e trattati, come cambia la situazione internazionale
Intervista con il generale Giuseppe Morabito, sulla situazione attuale legata...
Cappuccetto rotto, quando la favola diventa un fatto di cronaca
Scritta dal M° Mario Alberti, già diventata uno spettacolo teatrale con gli...
Con Resolute Support, l'addestramento continua
Gli advisor italiani concludono con successo un corso di addestramento C-IED a...
Il Natale dei cittadini con le stellette
Il sottosegretario di Stato alla Difesa Raffaele Volpi in visita ai militari dell’operazione...
Difesa Collettiva: le figure di vertice
I ''vertici della Difesa'' in un convegno per affermare quanto siano importanti...
Il Califfato non c'è più ma esiste ancora
Se n’è parlato a Roma nel convegno “Targeting the de-materialised ‘’Caliphate’’...
Ricostruire la Libia, impegno di Italia e ONU
A Palermo le delegazioni arrivano in un assolato pomeriggio siciliano e l’incantevole...
Alcuni giornali parlano di ‘’atto illegittimo’’ nel nominare Mariateresa Poli quale consigliera, attribuendo alla ministra Trenta responsabilità di danno erariale
La questione emersa durante un colloquio a Belgrado, tra il generale Portolano e il ministro degli esteri Dacic
Scoperti dai Carabinieri di Roma, in un appartamento supervideosorvegliato, mentre confezionavano dosi dello stupefacente
Per il supporto degli elicotteri apache del ministero della difesa UK, assicurato fino al ritiro dal servizio della flotta previsto nel 2024
La FREMM impegnata in sorveglianza e diplomazia navale e di supporto al Sistema Paese
Il sottufficiale era rimasto coinvolto in un incidente durante la manovra di ormeggio presso la Stazione Navale Mar Grande
E' stato ricordato a Roma il carabiniere Medaglia d’Oro al Valore Civile alla memoria, morto nel 1991
A colloquio con il generale Pasquale Preziosa, assolto del tutto dal reato continuato e in concorso di ''minaccia a un inferiore per costringerlo a fare un atto contrario ai propri doveri''