08:24 giovedì 13.12.2018
Modulo addestrativo a Pristina ''Swat Team and Close Protection''
I carabinieri del MSU in Kosovo, a favore di venti agenti della squadre speciali kosovare
fotografie di: Carabinieri

10-08-2018 - I carabinieri del Multinational Specialized Unit (MSU) schierati a Pristina, nell'ambito della missione in Kosovo, hanno portato a termine i primi due moduli di quattro del progetto finanziato dall’Unione Europea e denominato “Further Support to Kosovo Institutions in their Fight Against Organised Crime, Corruption and Prevention of Violent Estremism”, in collaborazione con la Compagnia “B&S Europe”, a favore di 20 agenti delle squadre speciali della KP.
Il primo modulo addestrativo denominato “Swat Team and Close Protection” si è svolto dall’11 al 29 giugno. L’attività addestrativa, strutturata su tre settimane di lezioni, è stata tenuta una speciale squadra dei Carabinieri (SaC) composta da esperti in attività di scorte e Close Protection appositamente giunta dall’Italia.
Lo scopo del corso è stato quello di favorire un elevato e specifico livello di formazione degli operatori di polizia kosovara, nel particolare ambito delle più delicate attività operative, proprie di uno Swat Team: la scorta, le irruzioni, le tecniche di tiro e la liberazione di ostaggi.
Gli operatori della Kosovo Police, al termine del percorso addestrativo, hanno ricevuto gli attestati di frequenza dal Comandante del Reggimento MSU, colonnello Marco Di Stefano, durante una breve cerimonia a cui hanno partecipato, tra gli altri il COM KFOR, generale Salvatore Cuoci, ed il ministro dell’Interno del Kosovo, Bejtush Gashi.
I migliori cinque frequentatori, inoltre, sono stati nominati “Train the trainers”, nell’ottica di una formazione a cascata, meccanismo in grado di poter mantenere lo standard delle tecniche apprese e garantire l’autonomia e la continuità delle capacità.
Questo addestramento si inserisce nel più ampio progetto volto a favorire lo sviluppo della Kosovo Police in termini di procedure tattico-operative e di intervento in materia di ordine pubblico. Il successivo modulo, infatti, denominato “Public Order Maintenance”, tenutosi dal 9 al 27 luglio, si è concentrato sul particolare ambito della gestione di un evento contro l’ordine e la sicurezza pubbliche.
Anche in questo caso, gli operatori della Kosovo Police, al termine del modulo, hanno ricevuto gli attestati di frequenza dal Capo di Stato Maggiore del Reggimento MSU, tenente colonnello Stefano Lupi. Alla cerimonia di consegna ha partecipato il Deputy Commander della missione KFOR, brigadier general János Csomòk.
A partire dal 2019, il ciclo formativo proseguirà con l’esecuzione dei  restanti moduli denominati “Training for Leadership” e “Training for specialized investigations and fight of extremism”.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Il Califfato non c'è più ma esiste ancora
Se n’è parlato a Roma nel convegno “Targeting the de-materialised ‘’Caliphate’’...
Ricostruire la Libia, impegno di Italia e ONU
A Palermo le delegazioni arrivano in un assolato pomeriggio siciliano e l’incantevole...
Libertà vo cercando, in Afghanistan
Per ora è impossibile prevedere quando la speranza delle donne afghane troverà...
CalendEsercito 2019, omaggio al Genio universale
La centralità dell’uomo faro dell’innovazione e dello sviluppo dei nuovi...
A Kabul, cuore pulsante della missione RS (Resolute Support), con i soldati italiani
Da diciassette anni l'Afghanistan martoriato dal terrorismo sogna la nascita di...
Italian Rol 2, assistenza e formazione in Afghanistan
L'assistenza sanitaria in teatro operativo è di fondamentale importanza per la...
A Kabul, il vicecomandante è il generale Camporeale
Il Paese verso conciliazione e integrazione, operando in modo che l'Afghanistan...
Herat, sulle ali della Task Force ''Fenice''
Piloti altamente professionali, non solo perché altamente addestrati, ma anche...
Hic manebimus optime
La NATO resta in Afghanistan sino a quando il Paese avrà bisogno di contrastare...
Questa settimana mini-vertice sulla Libia a Palazzo Chigi. Ghassan Salamè prosegue il suo impegno verso al-Multaqa al-Watani
Lo ha detto Tofalo in un incontro con il vice ministro della Difesa della Lituania, Kerza
Contestazioni in tutte le province a seguito dei risultati delegazioni ritenuti fraudolenti
Tofalo incontra gli addetti militari esteri e interviene alla presentazione del calendario 2019 dell'Aeronautica Militare
La Nave Cavour attraversa il canale navigabile di Taranto per entrare nel Mar Piccolo
Importante attività formativa a favore delle Forze di Sicurezza afgane nel quadro delle attività della missione in Afghanistan
Il vicecomandante della Missione Resolute Support partecipa alla graduation ceremony di 317 cadetti dell’Afghan National Army Officer Academy
Incontro con il presidente del consiglio Giuseppe Conte per parlare degli sviluppi dopo conferenza per la Libia a Palermo