19:19 domenica 19.05.2019
Modulo addestrativo a Pristina ''Swat Team and Close Protection''
I carabinieri del MSU in Kosovo, a favore di venti agenti della squadre speciali kosovare
fotografie di: Carabinieri

10-08-2018 - I carabinieri del Multinational Specialized Unit (MSU) schierati a Pristina, nell'ambito della missione in Kosovo, hanno portato a termine i primi due moduli di quattro del progetto finanziato dall’Unione Europea e denominato “Further Support to Kosovo Institutions in their Fight Against Organised Crime, Corruption and Prevention of Violent Estremism”, in collaborazione con la Compagnia “B&S Europe”, a favore di 20 agenti delle squadre speciali della KP.
Il primo modulo addestrativo denominato “Swat Team and Close Protection” si è svolto dall’11 al 29 giugno. L’attività addestrativa, strutturata su tre settimane di lezioni, è stata tenuta una speciale squadra dei Carabinieri (SaC) composta da esperti in attività di scorte e Close Protection appositamente giunta dall’Italia.
Lo scopo del corso è stato quello di favorire un elevato e specifico livello di formazione degli operatori di polizia kosovara, nel particolare ambito delle più delicate attività operative, proprie di uno Swat Team: la scorta, le irruzioni, le tecniche di tiro e la liberazione di ostaggi.
Gli operatori della Kosovo Police, al termine del percorso addestrativo, hanno ricevuto gli attestati di frequenza dal Comandante del Reggimento MSU, colonnello Marco Di Stefano, durante una breve cerimonia a cui hanno partecipato, tra gli altri il COM KFOR, generale Salvatore Cuoci, ed il ministro dell’Interno del Kosovo, Bejtush Gashi.
I migliori cinque frequentatori, inoltre, sono stati nominati “Train the trainers”, nell’ottica di una formazione a cascata, meccanismo in grado di poter mantenere lo standard delle tecniche apprese e garantire l’autonomia e la continuità delle capacità.
Questo addestramento si inserisce nel più ampio progetto volto a favorire lo sviluppo della Kosovo Police in termini di procedure tattico-operative e di intervento in materia di ordine pubblico. Il successivo modulo, infatti, denominato “Public Order Maintenance”, tenutosi dal 9 al 27 luglio, si è concentrato sul particolare ambito della gestione di un evento contro l’ordine e la sicurezza pubbliche.
Anche in questo caso, gli operatori della Kosovo Police, al termine del modulo, hanno ricevuto gli attestati di frequenza dal Capo di Stato Maggiore del Reggimento MSU, tenente colonnello Stefano Lupi. Alla cerimonia di consegna ha partecipato il Deputy Commander della missione KFOR, brigadier general János Csomòk.
A partire dal 2019, il ciclo formativo proseguirà con l’esecuzione dei  restanti moduli denominati “Training for Leadership” e “Training for specialized investigations and fight of extremism”.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Un gioiello italiano nella città dei due mari
La Marina Militare ha siglato una convenzione con il Comune di Taranto per attività...
Applausi agli Alpini alla 92a adunata, alla presenza della ministra Trenta
Un breve reportage fotografico dal nostro corrispondente a Milano, che ha seguito...
Dalle glorie del passato ai traguardi raggiunti verso le nuove sfide del futuro
L’Aviazione dell’Esercito compie 68 anni: cerimonia con la riconsegna delle...
Esercito impegnato a 360° per l’Italia da 158 anni
Alla presenza della ministra della Difesa Trenta, celebrato l’anniversario presso...
La Difesa come sistema integrato in sinergia con tutti i settori dello Stato
E' quanto si è voluto dimostrare nell'esercitazione ''Duplice uso sistemico:...
L'Italia accoglie i rifugiati dalla Libia
Missione umanitaria in collaborazione con UNHCR e autorità libiche per soccorrere...
Operazione Herring, l’185 Rao commemora lo squadrone F
In ricordo del sacrificio dell'impresa dei Paracadutisti Italiani che effettuarono...
Folgore! Basco grigio verde per il 9° reggimento Col Moschin
Ricordando il plotone speciale e la successiva compagnia speciale, embrione delle...
ReaCT, il terrorismo sotto la lente d'ingrandimento
Con il patrocinio del ministero della Difesa, presentato l'Osservatorio sul radicalismo...
Il generale Austin Scott Miller, ha incontrato le più importanti Autorità politiche e militari della Regione Ovest dell’Afghanistan
Presentate le campagne d'istruzione 2019 delle navi scuola della Marina Militare
Ha annunciato che il sistema di protezione elettronica BriteCloud sarà testato dalla Guardia Nazionale USA
Camp Arena, Herat, la cerimonia con il cappellano militare per celebrare l'anniversario della costituzione dell'Aviazione dell’Esercito
Intervento dell'Esercito in Emilia, attivata la Brigata Aeromobile Friuli di Bologna
''Cy4games - capture the flag on trial'' vince il team Unipg1 dell’Universita’ di Perugia che rappresenterà l’Italia a Singapore
Si tratta del dodicesimo radar che completa così il programma di Difesa Aerea Nazionale, sviluppato in sinergia con Leonardo e altre primarie imprese italiane
L’attività addestrativa rivolta alle forze di sicurezza afghane si svolge mediante esercitazioni, seminari, workshop formativi insieme agli advisor italiani preposti