17:52 giovedì 15.11.2018
Kabul non trova pace
L'Italia, con le altre forze NATO, è ancora impegnata nell'affiancare le forze di sicurezza Afghane per la loro formazione
fotografie di: Cybernaua

17-08-2018 - Un gruppo armato ha attaccato il centro di addestramento dell'intelligence a Kabul, Afghanistan.
Ancora non si conosce il numero delle vittime.
L'attacco segue quello suicida di mercoledì 15 agosto scorso, in un'aula del centro Studi privato in Qala-e-Wazir di Kabul; le vittime avevano meno di 20 anni, alcuni appena 14 anni.
La maggior parte di loro che stava cercando di prepararsi all’iscrizione all’Università, proveniva da famiglie povere, per lo più contadine.
Secondo alcuni testimoni oculari sarebbero 60 le vittime, mentre dalla relazione dei funzionari del ministero della Sanità sarebbero 35.
Il Presidente Ghani, che ha fermamente condannato l’attacco terroristico, ha ordinato alle autorità competenti di indagare la natura dell’attentato e di fornire aiuti alle famiglie delle vittime e dei feriti.
Nonostante tale intervento delle autorità, i giovani sopravvissuti all’attacco sottolineano la sfiducia nei leader del governo e nei funzionari della sicurezza.
Kabul, l’Afghanistan tutto, continua ad essere sotto attacco di terroristi.
Che siano taliban, che si chiamino Insurgents o che siano gli adepti del cosiddetto Stato islamico, il Paese continua ad essere lacerato, a subire attacchi che, dalle notizie degli ultimi giorni, hanno portato a circa 311 il numero delle persone uccise, la maggior parte delle quali appartenenti alle forze di sicurezza e militari governativi, ultimi dei quali a Kandahar nel distretto di Arghandab.
Ad oggi, il portavoce dei Talebani Zabihullah Mujahid non ha dato alcuna notizia riguardo ad una eventuale loro responsabilità negli eccidi.
E proprio in un periodo in cui il Governo afghano, insieme a rappresentanti USA, aveva annunciato un probabile “cessate il fuoco” con i Talebani, nella speranza di raggiungere finalmente una parvenza di stato di pace.
Le forze militari americane hanno ultimamente ucciso circa 200 talebani in raid aerei, mentre numerosi ufficiali dell’esercito afghano son stati o uccisi o gravemente feriti.
Dal 1 gennaio 2015, terminata la missione ISAF, è subentrata la nuova missione, la RS, ‘’Resolute Support’’.
//www.cybernaua.it/photoreportage/reportage.php?idnews=4806 nella quale l’Italia conserva ancora un posto di importante riferimento.
Diminuzione di mezzi e di personale, ma continuo monitoraggio della situazione afghana. Le truppe Nato, tra cui circa 750 Italiani, fanno parte della missione per aiutare le forze afghane, continuando ad essere al loro fianco, per assistenza e supporto.
La nuova missione, programmata per la durata di 10 anni, avrà come compito la continuazione delle attività di formazione ed assistenza dedicate ai 350.000 uomini delle forze di sicurezza afghane
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=4812
Le immagini pubblicate sono dell'archivio di Cybernaua
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Italian Rol 2, assistenza e formazione in Afghanistan
L'assistenza sanitaria in teatro operativo è di fondamentale importanza per la...
A Kabul, il vicecomandante è il generale Camporeale
Il Paese verso conciliazione e integrazione, operando in modo che l'Afghanistan...
Herat, sulle ali della Task Force ''Fenice''
Piloti altamente professionali, non solo perché altamente addestrati, ma anche...
Hic manebimus optime
La NATO resta in Afghanistan sino a quando il Paese avrà bisogno di contrastare...
Vicini di Patria, 4 novembre in Afghanistan
Celebrata la giornata delle forze armate ad Herat: contingente italiano, forze...
Avvicendamento al vertice dell'Aeronautica Militare
Il generale di squadra aerea Enzo Vecciarelli ha passato il testimone al generale...
Ragazzi, si vola
Con il programma ''Cultura Aeronautica'' si vuole coinvolgere i giovani delle...
Auguri ai Gis per i loro 40 anni
A rendere omaggio al Gruppo Intervento Speciale anche rappresentanti delle Forze...
Libia in primo piano nell’agenda politica del governo italiano
Incontri per fare il punto sui lavori preparatori della Conferenza di Palermo...
Raduno alla caserma ''Soccorso Saloni'' di Viterbo, insieme al loro comandante di allora
Il contingente italiano aiuta il Regional Training Center di Herat, con una donazione di strumenti indispensabili per le indagini
Ci ha accolti come una vecchia signora a cui non pesano gli anni, per la Conferenza sulla Libia
Palermo non sarà un episodio isolato ma una tappa fondamentale di un percorso lungo il quale l’Italia continuerà ad accompagnare passo dopo passo il popolo libico
Presso la Stazione costiera italiana Mario Zucchelli, si registrano, temperature medie tra 0°C e -35°C ed è necessario adattarsi a 24 ore di luce al giorno per tutto il periodo
Subentra al generale Claudio Graziano alla presenza del Presidente Mattarella e della ministra Trenta
Le nuove corvette tedesche saranno equipaggiate coni sistemi di difesa navali di Leonardo
Il brigadier generale Marco Aiuti subentra al brigadier generale Lorenzo Gadaleta