14:26 mercoledì 14.11.2018
9° ''Col Moschin'', cambio di comando
Il colonnello Giuliano Angelucci ha ceduto il comando al colonnello Yuri Grossi, con cerimonia alla caserma Vannucci
fotografie di:

02-10-2018 - Venerdì 28 settembre scorso, alla Caserma Vannucci di Livorno, si è svolta la cerimonia militare del cambio del comandante del 9° Reggimento d’Assalto “Col Moschin” dell’Esercito.
Alla presenza dell’ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, comandante del Comando Operativo di Vertice interforze (COI), del generale di Divisione Nicola Zanelli, comandante del Comando interforze per le Operazioni delle Forze Speciali (COFS), del generale Ivan Caruso, comandante del Comando Forze Speciali dell’Esercito (COMFOSE), del sindaco di Livorno,Filippo Nogarin e del prefetto della città Gianfranco Tomao, il colonnello Giuliano Angelucci ha ceduto il comando al colonnello Yuri Grossi.
La cerimonia è iniziata con il lancio di quattro Incursori istruttori di paracadutismo sulla città di Livorno, atterrati nel piazzale della caserma, portando la bandiera italiana e quella del 9° Reggimento “Col Moschin”.
Schierati in armi per l’occasione tre componenti del 9° Reggimento: l’addestrativa del RAFOS, l’operativa del 1° Battaglione e quella di comando e supporto, rappresentate dalle Compagnie Comando e Supporto Logistico, C4 e dalla Base Addestramento Incursori, nota come Base a Mare.
Alle loro spalle i mezzi per la mobilità terrestre, anfibia e per il Contro Terrorismo in dotazione agli Incursori.
Numerosi anche i membri dell’Associazione Nazionale Incursori Esercito (ANIE) e simpatizzati che hanno partecipato alla cerimonia, tra cui il soprano Sara Cappellini-Maggiore, la cui voce, oltre ad aver accompagnato gli uomini del “Nono” nell’esecuzione dell’inno nazionale, ha creato emozione con l’esecuzione di “Un bel dì vedremo”, di Giacomo Puccini.
Angelucci lascia il Comando dopo un intenso anno durante il quale il Reggimento è stato impegnato sia nei diversi Teatri Operativi di interesse, sia sul territorio nazionale.
Nel suo discorso di commiato, oltre alle autorità presenti, ha ringraziato sia gli uomini del Reparto, sia le famiglie dei caduti presenti alla cerimonia.
Ora andrà a ricoprire l’incarico di Sottocapo di stato Maggiore Operativo del COFS a Roma.
Grossi, che proviene dallo Stato Maggiore dell’Esercito, nella sua carriera ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio sia in Italia, sia all’estero.
Incursore dal 2000, ha ricoperto tutti gli incarichi di comando del Reparto, dal comandante di Distaccamento Operativo, comandante Compagnia Incursori e comandante del 1° battaglione Incursori.
Il 9° Reggimento “Col Moschin” è l’unico Reparto di Forze Speciali Incursori dell’Esercito Italiano.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Italian Rol 2, assistenza e formazione in Afghanistan
L'assistenza sanitaria in teatro operativo è di fondamentale importanza per la...
A Kabul, il vicecomandante è il generale Camporeale
Il Paese verso conciliazione e integrazione, operando in modo che l'Afghanistan...
Herat, sulle ali della Task Force ''Fenice''
Piloti altamente professionali, non solo perché altamente addestrati, ma anche...
Hic manebimus optime
La NATO resta in Afghanistan sino a quando il Paese avrà bisogno di contrastare...
Vicini di Patria, 4 novembre in Afghanistan
Celebrata la giornata delle forze armate ad Herat: contingente italiano, forze...
Avvicendamento al vertice dell'Aeronautica Militare
Il generale di squadra aerea Enzo Vecciarelli ha passato il testimone al generale...
Ragazzi, si vola
Con il programma ''Cultura Aeronautica'' si vuole coinvolgere i giovani delle...
Auguri ai Gis per i loro 40 anni
A rendere omaggio al Gruppo Intervento Speciale anche rappresentanti delle Forze...
Libia in primo piano nell’agenda politica del governo italiano
Incontri per fare il punto sui lavori preparatori della Conferenza di Palermo...
Raduno alla caserma ''Soccorso Saloni'' di Viterbo, insieme al loro comandante di allora
Il contingente italiano aiuta il Regional Training Center di Herat, con una donazione di strumenti indispensabili per le indagini
Ci ha accolti come una vecchia signora a cui non pesano gli anni, per la Conferenza sulla Libia
Palermo non sarà un episodio isolato ma una tappa fondamentale di un percorso lungo il quale l’Italia continuerà ad accompagnare passo dopo passo il popolo libico
Presso la Stazione costiera italiana Mario Zucchelli, si registrano, temperature medie tra 0°C e -35°C ed è necessario adattarsi a 24 ore di luce al giorno per tutto il periodo
Subentra al generale Claudio Graziano alla presenza del Presidente Mattarella e della ministra Trenta
Le nuove corvette tedesche saranno equipaggiate coni sistemi di difesa navali di Leonardo
Il brigadier generale Marco Aiuti subentra al brigadier generale Lorenzo Gadaleta