00:14 mercoledì 20.03.2019
''Aquila Blu 2019'' verifica addestrativa di alto livello
L'esercitazione sulle nevi della val Pusteria ha dato un’ulteriore prova della capacità operativa delle truppe alpine ai CaSTA 2019
fotografie di: Daniel Papagni e Fabio Orsini

28-02-2019 - "Autorità, gentili ospiti, tra qualche istante avrà inizio l’esercitazione "AQUILA BLU 2019”, caratterizzata dall’impiego di forze ed assetti ad elevata connotazione operativa nella condotta di un atto tattico in ambiente invernale caratterizzato da climi rigidi su terreno impervio".
Così ha preso il via, il 22 febbraio scorso a Misurina, intorno alle rive del lago ricoperto da uno spesso strato di ghiaccio e neve, l’esercitazione ove gli alpini hanno mostrato la loro peculiarità, quella di muovere, operare e combattere in montagna.
E proprio le capacità di combattimento in ambiente montano invernale sono state lo scenario di “Aquila Blu”, nel corso dei CaSTA 2019.
Ad operare, in difesa sul terreno innevato, tanti reparti, uomini dell’8° alpini, del 3° artiglieria, del Piemonte Cavalleria (2°) della task force Altair dell’aviazione dell’Esercito, del 41°di Cordenons e le forze speciali del 4° reggimento alpini paracadutisti.
Gli alpini sono intervenuti, nell’operazione simulata, per neutralizzare il nemico intenzionato a sabotare un acquedotto. Lo scontro a fuoco, l’intervento degli elicotteri, la gestione dei feriti sul campo hanno mostrato ai vertici dell’Esercito e agli amministratori locali giunti a Misurina, le capacità degli alpini nel terzo millennio.
Uomini forgiati dall’addestramento e dalla fatica (hanno dormito per oltre 30 giorni in tenda in quota per prepararsi all’attività) che ancora oggi come i loro Padri e i loro nonni hanno nella montagna e nelle sue regole il principale campo di addestramento tattico e morale.
Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale di corpo d’ Armata Salvatore Farina si è complimentato per la preparazione dimostrata sul campo dal suo personale.
Ad osservare la guerra, per quanto simulata, sul suo territorio anche il sindaco di Auronzo Tatiana Pais Becher.
L’esercitazione del mattino è stata preludio alla gemella “Lupo Bianco”.
Come la prima ha dimostrato la capacità operativa dei militari ad operare in montagna, la seconda ha verificato la loro integrazione nel sistema di soccorso, sfide, purtroppo, molto frequenti da affrontare.
Approfondimenti
In particolare, sono stati oggetto di verifica le capacità esprimibili da un complesso minore alpino, con connotazione pluriarma, nel difendere posizioni in dominio di quota e nello sfruttamento del terreno per manovrare ed incanalare le forze nemiche, insieme alla capacità di impiegare in maniera coordinata gli assetti in concorso, tra i quali unità delle Forze Speciali, aeromobili dell’Aviazione dell’Esercito e dell’Aeronautica Militare, assetti per la sorveglianza strumentale del campo di battaglia come RAVEN e RADAR e unità esploranti di cavalleria di linea
L’8° reggimento alpini è stato incaricato di condurre, nell’ambito della Brigata alpina “Julia”, la sperimentazione dei nuovi organici della compagnia alpini che prevede, quale primo plotone, una minore unità alpieri con capacità esplorante e di soccorso alpino militare. Il primo plotone di ogni compagnia alpini sarà quindi composto da personale in possesso delle capacità sciistiche, alpinistiche e di Mountain Warfare (estivo ed invernale) acquisite al termine dei corsi specialistici effettuati presso il Centro Addestramento Alpino di Aosta].
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

''Difesa collettiva'', l'Esercito Italiano
Il Seminario è il secondo di una serie di incontri programmati per far conoscere...
Alpini, soldati al quadrato
Con la cerimonia di chiusura dei CaSTA 2019, conclusa una settimana di dure prove...
Obiettivo: raggiungere il perfetto equilibrio
Ingrid Qualizza, la ‘’sergente di ferro’’, racconta la sua passione per...
Nello spazio per la terra
Incontro ravvicinato con Paolo Nespoli, per festeggiare i cinquant’anni dall’allunaggio...
Impegno, sforzo, capacità e professionalità
In ogni fase delle esercitazioni ai CaSTA 2019, gli alpini hanno espresso al meglio...
Da Roma alla terra degli aquiloni
Per onorare la memoria dei caduti italiani in Afghanistan un convegno al Campidoglio,...
Diamo voce alle donne dell'Afghanistan
Dobbiamo anche noi urlare con loro e non sederci assuefatte alla nostra condizione...
Correre nel mondo superando difficoltà e confini pericolosi
Intervista con Giovanni Salvioli, maratoneta per amore dell'Arte, della Cultura...
''Defence 5+5 Initiative'' un ponte tra i parlamenti dell’area del mediterraneo
Un confronto tra esperti, alla presenza della ministra della Difesa Trenta, sull'importanza...
Corsi di specializzazione condotti dai militari italiani della missione in Afghanistan per garantire l'autoprotezione delle forze e la salvaguardia dei civili
Presso la caserma “Mameli” di Bologna, terminata l’esercitazione quadri che ha visto impegnato il Distaccamento della Brigata Aeromobile ''Friuli''
Una delegazione di docenti del Dipartimento di Scienze Politiche in visita al Centro Simulazione e Validazione dell'Esercito
Abilitazione all’elitrasporto tattico per gli allievi marescialli del XXI corso ‘’Esempio’’
Assistenza e consulenza in favore delle Istituzioni e delle Forze di Sicurezza locali, formando nuovi istruttori (''train the trainers'')
Una vittoria italiana: riconosciuto l’alto valore tecnologico dei progetti nel settore ATM (Air Traffic Management) in Italia
Khalilzad ha detto che la pace richiede un accordo su quattro questioni, ma ancora molti punti sono da definire
Un incontro sui temi della politica e delle attività industriali presso l'Università Lumsa a Roma