12:35 sabato 14.12.2019
Folgore! Basco grigio verde per il 9° reggimento Col Moschin
Ricordando il plotone speciale e la successiva compagnia speciale, embrione delle forze speciali attuali dell’Esercito, nel periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale
fotografie di: Cybernaua

22-04-2019 - Il 18 aprile scorso, con una cerimonia nel piazzale della caserma Vannucci di Livorno, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Salvatore Farina,la consegna del basco grigio-verde al 9° Reggimento d’Assalto Paracadutisti “Col Moschin”.
A simboleggiare il legame con il Reggimento erano schierati nel piazzale tutti i reparti del Comando Forze Speciali dell’Esercito di Pisa: il 4° Reggimento Alpini Paracadutisti, il 185° Reggimento Acquisizione Obiettivi e il 28° Reggimento “Pavia”. Era inoltre presente la Banda ed una rappresentanza della Brigata Paracadutisti “Folgore”.
A suggellare l’importanza del momento, tra le autorità, erano anche presenti il comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER COE), generale di Corpo d’Armata Federico Bonato e il comandante del Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali (COFS), generale di Divisione Nicola Zanelli.
Era presente anche il prefetto di Livorno Annamaria Manzone e una rappresentanza delle autorità locali e dell’Associazione Nazionale Incursori Esercito. L'apertura dela cerimonia, semplice ma ricca di tradizioni, è stata affidata ad un lancio di alcuni Incursori Istruttori di paracadutismo che hanno portato al suolo la bandiera italiana e quelle dell'Esercito e del 9° Reggimento “Col Moschin”.
Il comandante di Reggimento, dopo avere rimarcato il legame imprescindibile sia con i Reparti Arditi operanti nei due conflitti mondiali sia con la Brigata Folgore, indossando il basco che il generale Farina gli ha personalmente calzato sul capo, ha dato l’ordine al Reggimento schierato di indossarlo.
Portare il basco grigio-verde per gli Incursori dell’Esercito è dare nuovo valore ad una parte delle proprie origini allorquando, subito dopo la seconda guerra mondiale, il plotone speciale e la successiva Compagnia Speciale, embrione delle Forze Speciali dell’Esercito della Repubblica Italiana, indossava proprio i colori di questo basco.
Farina, rivolgendosi al pubblico e allo schierameno, ha ripercorso le imprese che hanno caratterizzato la storia dei reparti d’assalto sino a giungere alle recenti operazioni condotte dagli incursori, ricordando il loro l'impegno operativo nel corso di poco più di un secolo dalla loro costituzione, con pagine importanti della storia dell’Esercito.
Ed ha sottolineato quanto sia importante il 9° all’interno delle forze speciali italiane sia in ambito nazionale che internazionale.
Per gli Incursori dell’Esercito portare il basco grigio-verde ha un valore anche storico, perché riporta alla memoria il plotone speciale e la successiva compagnia speciale, embrione delle forze speciali attuali dell’Esercito, nel periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale.
Prima di concludere la cerimonia, son stati consegnati i brevetti da Incursore all’ultima sezione di allievi che ha terminato i due anni di iter e che, successivamente, si sono uniti ai ranghi del battaglione d’assalto.
Nota
La Bandiera di Guerra del 9° reggimento d’assalto paracadutisti “Col Moschin” è decorata di due Ordini Militari d’Italia, una Medaglia d’oro al Valore dell’Esercito, tre d’Argento al Valor Militare e una d’Argento al Valore dell’Esercito.
La festa del reggimento cade il 16 Giugno, data in cui ricorre l’anniversario della battaglia del Col Moschin (16 giugno 1918) in occasione della quale gli Arditi del IX Reparto d’assalto scrissero una delle pagine più eroiche della Grande Guerra. La battaglia per la conquista del Col Moschin va inquadrata nella battaglia del Solstizio, o seconda battaglia del Piave (15 - 22 giugno 1918), che fu combattuta tra il Regio Esercito italiano e l’Imperial Regio Esercito austro ungarico.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Esercito ‘’motore tecnologico e di innovazione’’
Workshop alla presenza del sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi, con Industrie...
Con Fiorenza De Bernardi tutte le donne dell'ADA
L'Associazione Donne dell'Aria in un incontro di due giorni a Roma per stare insieme...
Pamela Mastropietro vittima della mafia nigeriana
Nella ''Giornata mondiale contro la violenza sulle donne'' l'Associazione Casa...
Brigata Pinerolo con 400 militari alla ‘’Toro 2019’’
Si è conclusa l'esercitazione che ha impegnato l'Esercito Italiano nell'area...
''Abbey Road'', la Julia si addestra
Termina con l’assalto a fuoco dei complessi minori l’esercitazione dell’8°...
Donne militari innovative e geniali
Presentato a Napoli il ''calendario 20Venti venti anni con le donne nelle forze...
Noi siamo soldati, noi siamo Esercito
Presentato il ''Calendesercito 2020'' che quest'anno contribuirà a sostenere...
Ricordare è un dovere
Il 4 novembre Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate è una...
''Oxi'', il rifiuto greco a Mussolini nel 1940
Celebrata con la parata militare a Salonicco la cerimonia del '' giorno del no'',...
Oltre 500 i militari impegnati in Abruzzo nell'esercitazione condotta dal 9° reggimento alpini
La nave, ora nel porto di Larnaca, sta conducendo un’attività di presenza e sorveglianza nel Mediterraneo Orientale
The annual human rights reports that there are also children and women executed and execution of 46 Kurdish citizens
The Turkish government expelled from its country 11 arrested elements of a terrorist organization which holds French citizenship
Gli istruttori dell'Arma dei Carabinieri, impiegati nella missione MIADIT Palestina 11 addestrano la Presidential Guard
Emittente della NATO nata nel 1999 subito dopo la Guerra per trasmettere alla popolazione locale messaggi incentrati sulla sicurezza
Completata una fase di addestramento e consulenza a favore delle Forze afghane nell'ambito della missione Resolute Support
Questa la valutazione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini alla conclusione del vertice NATO di Londra