02:50 giovedì 17.10.2019
Dakota DC3 tornano al Nicelli
Definito uno tra gli aeroporti più belli al mondo, ha ospitato per tre giorni l'evento ''Ali storiche su Venezia'' che passerà alla storia
fotografie di: Renato Allesina e Vago

28-06-2019 - Quattro DOUGLAS DC 3 DAKOTA provenienti dagli Stati Uniti, in occasione delle celebrazioni per il 75mo anniversario dello Sbarco in Normandia, sono atterrati all’aeroporto San Nicolo’ del Lido “Nicelli”, nei giorni 21-22-23 giugno scorsi.
Un evento che, per tutti gli appassionati e non dell’aviazione, ha dell’incredibile.
Coordinati dal team manager Moreno Aguiari, i velivoli erano decollati da Oxford (New Haven Connecticut), Goose bay, effettuando varie tappe: Narsarsuaq, Reykjavik, Prestwick e Duxford per giungere a Caen in occasione del 75° D-DAY il 6 Giugno ed esibendosi per le giornate commemorative in una cerimonia davanti al presidente Donald Trump e al presidente francese Emanuel Macron.
Moreno Aguiari ha dichiarato la sua profonda emozione per aver visto i velivoli esibirsi al cospetto dei due Presidenti e ancor di più davanti ai reduci che con gli occhi lucidi guardavano il cielo, sicuramente pensando al loro passato.
Altra tappa importante è stata la commemorazione a Berlino dei 70 anni del ponte aereo dove i C47, versione militare dei DC3, hanno effettuato migliaia di voli, creando di fatto una via che ha permesso lo svolgimento e lo spiegamento di importanti operazioni, anche di sostegno alla popolazione civile piegata dalla guerra e bisognosa di tutto.
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=7206
Nella tappa italiana, sono giunti all’aeroporto Nicelli al Lido di Venezia il 21 giugno.
La visita ha assunto una forte valenza storica per l’aeroporto, in quanto il “rapporto Nicelli-DC3 “ inizia da documentazione storica il 21 maggio 1943, quando l’unico in Italia viene ceduto alla Lufthansa in cambio di 5 aerei di preda bellica francese.
Il personale della Lufthansa lo preleva all’aeroporto del Lido entro il 31 luglio di quell’anno.
In seguito, Umberto Klinger, pilota, presidente dell’Ala Littoria, manager aeronautico, fonda le Officine Aeronavali per la revisione dei C47 surplus lasciati dagli alleati alla fine della guerra; una volta ricondizionati sono usati per il servizio civile che riattiva i collegamenti di linea.
Tra questi utilizzatori vi è anche la Transadriatica, con sede nell’aeroporto NicellI, dove nell’aprile del 1947 inaugura i servizi regolari di linea introducendo la figura della prima hostess Ivonne Girardello.
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=7223
In questo memorabile giorno a Nicelli, la famosa prima hostess alla giovane età di 96 anni, piena di entusiasmo, ha voluto partecipare volando sul mitico DC3 “Spirit of Benovia”.
Ho chiuso gli occhi, mi sono sentita leggera; è come se mi fossero spuntate le ali, è stato un volo bellissimo” le prime parole di questa ragazza dell’aria, quando è atterrata.
Oltre a Ivonne, a bordo ha preso posto la signora Mary De Wane moglie del proprietario del velivolo, fortemente emozionata da una esperienza unica: volare sul lido di Venezia, vedere il nostro patrimonio di cultura e bellezza ineguagliabile.
Abbiamo raccolto il commento di Lilly Vago, pilota di idrovolante dell’aeroclub di Como, entusiasta spettatrice dell’evento che passerà alla storia nel volo italiano, a cui ha partecipato nella stessa giornata in cui è volata anche a Bagnoli.
Amare il volo porta anche a questo: la mattina ad una kermesse, il pomeriggio all’altra!
Non tanto a Venezia, ma a Bagnoli si respirava il calore (oltre che fisico) di una grande festa di paese, dove tutti erano vivacizzati dalla presenza di aerei storici. 
I DC 3 hanno fatto da  padrone, ma non di meno si sono dimostrati i piccoli aerei storici che si sono ripetutamente esibiti in evoluzioni separate o in formazione, degni delle frecce tricolore, anche con i fumi colorati del tricolore italiano. 
Tutti a testa in su, per il succedersi molto stretto di decollo e atterraggi , organizzati come in un vero Aeroporto
”. 
Nel pubblico sicuramente non erano solo piloti, ma sicuramente tutti erano appassionati spettatori.
Ce li descrive ancora Lilly:
2Anche chi era lì come accompagnatore o famigliare era coinvolto dalle tante bancarelle di vestiti d’epoca, di vestiti militari, di libri e di oggetti aeronautici. 
L’altoparlante spiegava tutto, dalla tecnica di pilotaggio, alla storia degli aerei, alla memoria dei tempi passati, con musiche e citazioni commoventi. 
La partecipazione è stata straordinaria e tutto ha funzionato perfettamente, lasciando in chiunque vi abbia partecipato una pienezza e una soddisfazione di aver condiviso con tutti i presenti una bella giornata fatta tutta di volo
.” 
R.Allesina e Lilly Vago


Extrema Ratio Knives Division

‘’Arab Geopolitics after the Caliphate. How to exit the fragmentation trap’’
Questo il tema della conferenza organizzata dalla NDCF (NATO Defense College Foundation)...
Un popolo è formato, plasmato anche grazie alla memoria
‘’’Culto della Memoria – Diffusione, tutela e rispetto’’ al Centro...
Argentina e Italia per una settimana enogastronomica
Nell’aeroporto di Fiumicino in area di imbarco E degustazione di ricette tipiche...
Il valore della marittimità
Presentato a Palazzo Marina il programma del ''Regional Seapower Symposium'' forum...
“Innovation day”: evoluzione delle strategie di cambiamento nelle organizzazioni
Illustrato, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On. Angelo...
Intelligenza Artificiale, ma l’uomo sempre al centro di ogni processo
Sarà possibile rendere più umana e più etica la società dell’Intelligenza...
''Interagency Effort 2019''
Durata dal 2 al 13 settembre con l’obiettivo di schierare sul campo un Posto...
Jesolo Air Show 2019
Protagonista della manifestazione l'AMX che lo scorso 13 settembre ha compiuto...
Soldato Pelliccia, presente!
L’ultimo saluto al Leone della Folgore a Roma, nella cappella del policlinico...
L'India consegna all'Afghanistan due elicotteri Mi-24V che sostituiscono i quattro donati in precedenza negli anni 2015-2016
La Brigata Aosta impegnata nella missione UNIFIL inaugura una ristrutturazione infrastrutturale a favore delI’stituto Tecnico di Bint Jubayl
A colloquio con il generale Mario Arpino, sull'attuale situazione del programma di ammodernamento dell'Aeronautica e delle esigenze operative
Il Regional Command West dona un ponte Bailey alla municipalità di Deçan/Dečani, in Kosovo
Occasione per parlare direttamente a tutto il personale militare e civile degli Enti, esprimendo il proprio ringraziamento per il lavoro svolto
Il Gruppo Supporto di Aderenza (GSA) si addestra alla condotta di attività mirate a garantire la libertà di movimento delle unità di KFOR
Il Contingente Italiano e l’Arma dei Carabinieri, impegnati nella missione UNIFIL, portano per la prima volta in Libano la Terapia Multisistemica in Acqua
Lo leggiamo in una nota dell'Ufficio Stampa dell'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, già capo di Stato maggiore della Marina Militare