10:22 giovedì 17.10.2019
Caserme Verdi per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno
Alla presenza della ministra Trenta, incontro tecnico-informativo promosso dallo Stato Maggiore dell’Esercito per illustrare i progetti di realizzazione di Grandi infrastrutture moderne su tutto il territorio nazionale
fotografie di: Cybernaua

03-07-2019 - L’Auditorium “Andreatta” del Centro Alti Studi per la Difesa ha ospitato il convegno “Caserme Verdi - per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno”.
Di fronte ad un numeroso pubblico, un incontro tecnico-informativo promosso dallo Stato Maggiore dell’Esercito, con il sostegno del Capo di Stato Maggiore della Difesa e il pieno supporto del Ministro della Difesa, per illustrare, come già esposto durante l’audizione presso le Commissioni Difesa di Camera e Senato, lo studio e i progetti di realizzazione di Grandi infrastrutture moderne su tutto il territorio nazionale.
Gli interventi iniziali della ministra della Difesa Elisabetta Trenta e del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, hanno anticipato le relazioni di esperti e tecnici di settore provenienti sia dal mondo accademico che dalle istituzioni tra cui il Direttore della Direzione dei Lavori e del Demanio, generale di Divisione Massimo Scala e il dottor Antonio Caponetto Direttore dell’Agenzia di Coesione Territoriale, moderati dal Marco Ludovico, giornalista de ”IlSole24Ore”, con la regia del generale di Divisione Vasco Angelotti, Capo Dipartimento Infrastrutture dell’Esercito e con la presenza del sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo.
Trenta ha espresso il proprio apprezzamento per un progetto che rispecchia in pieno le linee d’indirizzo dei Vertici del suo Dicastero: “Il progetto “Grandi Infrastrutture-Caserme Verdi” rientra nell’ambito del processo di concreta e razionale valorizzazione del parco infrastrutturale che la Difesa sta portando avanti in questi anni, grazie all’ausilio tecnico della Direzione dei Lavori e del Demanio (GENIODIFE), per adeguare e mettere a disposizione del proprio personale immobili di nuova generazione, efficienti e funzionali pienamente rispondenti alle normative vigenti.
Ha proseguito sottolineando come attualmente l’Esercito disponga di immobili realizzati da più di 70 anni che presentano un generalizzato stato di inadeguatezza rispetto ai più moderni standard qualitativi.
Pertanto, ha ancora dichiarato Trenta: Si è ritenuto necessario intervenire con risolutezza e tempestività, avviando un processo virtuoso che consentisse, in un’ottica temporale di ampio respiro, di poter disporre di un parco infrastrutturale rinnovato. In tale quadro, oltre a porre in essere interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, è stato avviato un progetto di riconversione strutturale, che potrà essere replicato in ambito interforze, per consentire a tutte le Forze armate di rispondere adeguatamente alle nuove esigenze operative e di garantire migliori condizioni di vita al personale e alle loro famiglie”.
Nel formulare poi gli auguri per il successo del convegno, ha ancora detto: “Oggi il nostro obiettivo fondamentale è quello di dare centralità al personale della Difesa, di garantire le legittime aspettative dei nostri uomini e delle nostre donne, militari e civili, su temi che riguardano la loro vita quotidiana. E' questo uno dei punti qualificanti del Contratto di Governo che abbiamo voluto menzionare espressamente per migliorare e rendere più efficiente il settore della Difesa”.
Nel proprio intervento, il generale Farina ha messo in luce la situazione del parco infrastrutturale dell’Esercito, che impone l’adozione di misure straordinarie nel cui ambito il progetto “Caserme Verdi” costituisce un obiettivo strategico irrinunciabile. Le caserme designate per ricevere importanti e innovativi interventi di riqualificazione sono situate in prossimità di aree addestrative tali da minimizzare i costi per l’addestramento e garantiranno a tutto il personale della base ambienti di lavoro più sicuri; inoltre consentiranno di accelerare la razionalizzazione del parco infrastrutturale dell’Esercito, con la conseguente riduzione delle caserme attive, e di aumentare l’integrazione sociale attraverso l’apertura delle aree dedicate ad asili, impianti sportivi e spazi per il tempo libero alla popolazione civile residente nelle zone contermini.
Farina ha così concluso: “…questo non è un sogno, ma un’opportunità già pronta e viva che deriva dalla criticità dello stato in cui versano le infrastrutture,  purtroppo una condizione assai diffusa,  più volte richiamata anche da parte dei miei predecessori e che impatta direttamente sul benessere dei nostri uomini e donne”.
Per il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo è stata “una importante iniziativa che ha permesso di fare da un lato il punto di situazione sul processo di ammodernamento del parco immobiliare della Difesa, dall’altro trasmettere un forte e reale segnale all’esterno sulla sensibilità dedicata alla tutela dell’ambiente.
Meno inquinamento vuol dire tutelare la salute dei cittadini e generare risparmi. In tale ottica, ciascun Dicastero può e deve fare la propria parte. La Difesa ha intrapreso una serie di iniziative che puntano all’ammodernamento di un parco infrastrutturale ormai vetusto e non più rispondente alle attuali esigenze. Ciò sarà reso possibile con la realizzazione di basi militare di nuova generazione
”.
Al termine della conferenza, tutti i relatori hanno convenuto sull’efficacia e lungimiranza di “Caserme Verdi”, sottolineando ognuno nei propri interventi come il progetto, partendo da inderogabili necessità di sicurezza e benessere del personale, inteso sia come persona sia come soldato che rappresenta un’importante risorsa operativa da addestrare e rendere efficiente, nei luoghi di lavoro e in sinergia con le altre Istituzioni, sia stato sviluppato su direttrici quali rispetto dell’ambiente, bassi consumi energetici e basso impatto finanziario, con indiscutibili ricadute sul tessuto economico e sociale delle aree interessate prossime alle caserme.
Nota
L’Esercito, ha tra le priorità l’ammodernamento del proprio parco infrastrutturale attraverso la realizzazione di basi militari di nuova generazione, che risultino efficienti, funzionali, pienamente rispondenti alle normative vigenti e ispirate a nuovi standard e secondo criteri costruttivi innovativi e antisismici di modularità, rapidità costruttiva, basso impatto ambientale e ridotti costi di manutenzione. E’ un piano che ha già preso il via e avrà un respiro ventennale.
Sono state individuate, al momento, 26 caserme dislocate su tutto il territorio nazionale, con particolare potenziamento delle basi ubicate nel meridione del Paese, su cui replicare il progetto standardizzato di una grande infrastruttura “Caserma Verde”, che prevedrà cinque diverse aree funzionali: area comando, addestrativa, logistica, sportiva ricreativa, alloggiativa.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

‘’Arab Geopolitics after the Caliphate. How to exit the fragmentation trap’’
Questo il tema della conferenza organizzata dalla NDCF (NATO Defense College Foundation)...
Un popolo è formato, plasmato anche grazie alla memoria
‘’’Culto della Memoria – Diffusione, tutela e rispetto’’ al Centro...
Argentina e Italia per una settimana enogastronomica
Nell’aeroporto di Fiumicino in area di imbarco E degustazione di ricette tipiche...
Il valore della marittimità
Presentato a Palazzo Marina il programma del ''Regional Seapower Symposium'' forum...
“Innovation day”: evoluzione delle strategie di cambiamento nelle organizzazioni
Illustrato, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On. Angelo...
Intelligenza Artificiale, ma l’uomo sempre al centro di ogni processo
Sarà possibile rendere più umana e più etica la società dell’Intelligenza...
''Interagency Effort 2019''
Durata dal 2 al 13 settembre con l’obiettivo di schierare sul campo un Posto...
Jesolo Air Show 2019
Protagonista della manifestazione l'AMX che lo scorso 13 settembre ha compiuto...
Soldato Pelliccia, presente!
L’ultimo saluto al Leone della Folgore a Roma, nella cappella del policlinico...
L'India consegna all'Afghanistan due elicotteri Mi-24V che sostituiscono i quattro donati in precedenza negli anni 2015-2016
La Brigata Aosta impegnata nella missione UNIFIL inaugura una ristrutturazione infrastrutturale a favore delI’stituto Tecnico di Bint Jubayl
A colloquio con il generale Mario Arpino, sull'attuale situazione del programma di ammodernamento dell'Aeronautica e delle esigenze operative
Il Regional Command West dona un ponte Bailey alla municipalità di Deçan/Dečani, in Kosovo
Occasione per parlare direttamente a tutto il personale militare e civile degli Enti, esprimendo il proprio ringraziamento per il lavoro svolto
Il Gruppo Supporto di Aderenza (GSA) si addestra alla condotta di attività mirate a garantire la libertà di movimento delle unità di KFOR
Il Contingente Italiano e l’Arma dei Carabinieri, impegnati nella missione UNIFIL, portano per la prima volta in Libano la Terapia Multisistemica in Acqua
Lo leggiamo in una nota dell'Ufficio Stampa dell'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, già capo di Stato maggiore della Marina Militare