16:25 martedì 20.08.2019
Caserme Verdi per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno
Alla presenza della ministra Trenta, incontro tecnico-informativo promosso dallo Stato Maggiore dell’Esercito per illustrare i progetti di realizzazione di Grandi infrastrutture moderne su tutto il territorio nazionale
fotografie di: Cybernaua

03-07-2019 - L’Auditorium “Andreatta” del Centro Alti Studi per la Difesa ha ospitato il convegno “Caserme Verdi - per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno”.
Di fronte ad un numeroso pubblico, un incontro tecnico-informativo promosso dallo Stato Maggiore dell’Esercito, con il sostegno del Capo di Stato Maggiore della Difesa e il pieno supporto del Ministro della Difesa, per illustrare, come già esposto durante l’audizione presso le Commissioni Difesa di Camera e Senato, lo studio e i progetti di realizzazione di Grandi infrastrutture moderne su tutto il territorio nazionale.
Gli interventi iniziali della ministra della Difesa Elisabetta Trenta e del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, hanno anticipato le relazioni di esperti e tecnici di settore provenienti sia dal mondo accademico che dalle istituzioni tra cui il Direttore della Direzione dei Lavori e del Demanio, generale di Divisione Massimo Scala e il dottor Antonio Caponetto Direttore dell’Agenzia di Coesione Territoriale, moderati dal Marco Ludovico, giornalista de ”IlSole24Ore”, con la regia del generale di Divisione Vasco Angelotti, Capo Dipartimento Infrastrutture dell’Esercito e con la presenza del sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo.
Trenta ha espresso il proprio apprezzamento per un progetto che rispecchia in pieno le linee d’indirizzo dei Vertici del suo Dicastero: “Il progetto “Grandi Infrastrutture-Caserme Verdi” rientra nell’ambito del processo di concreta e razionale valorizzazione del parco infrastrutturale che la Difesa sta portando avanti in questi anni, grazie all’ausilio tecnico della Direzione dei Lavori e del Demanio (GENIODIFE), per adeguare e mettere a disposizione del proprio personale immobili di nuova generazione, efficienti e funzionali pienamente rispondenti alle normative vigenti.
Ha proseguito sottolineando come attualmente l’Esercito disponga di immobili realizzati da più di 70 anni che presentano un generalizzato stato di inadeguatezza rispetto ai più moderni standard qualitativi.
Pertanto, ha ancora dichiarato Trenta: Si è ritenuto necessario intervenire con risolutezza e tempestività, avviando un processo virtuoso che consentisse, in un’ottica temporale di ampio respiro, di poter disporre di un parco infrastrutturale rinnovato. In tale quadro, oltre a porre in essere interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, è stato avviato un progetto di riconversione strutturale, che potrà essere replicato in ambito interforze, per consentire a tutte le Forze armate di rispondere adeguatamente alle nuove esigenze operative e di garantire migliori condizioni di vita al personale e alle loro famiglie”.
Nel formulare poi gli auguri per il successo del convegno, ha ancora detto: “Oggi il nostro obiettivo fondamentale è quello di dare centralità al personale della Difesa, di garantire le legittime aspettative dei nostri uomini e delle nostre donne, militari e civili, su temi che riguardano la loro vita quotidiana. E' questo uno dei punti qualificanti del Contratto di Governo che abbiamo voluto menzionare espressamente per migliorare e rendere più efficiente il settore della Difesa”.
Nel proprio intervento, il generale Farina ha messo in luce la situazione del parco infrastrutturale dell’Esercito, che impone l’adozione di misure straordinarie nel cui ambito il progetto “Caserme Verdi” costituisce un obiettivo strategico irrinunciabile. Le caserme designate per ricevere importanti e innovativi interventi di riqualificazione sono situate in prossimità di aree addestrative tali da minimizzare i costi per l’addestramento e garantiranno a tutto il personale della base ambienti di lavoro più sicuri; inoltre consentiranno di accelerare la razionalizzazione del parco infrastrutturale dell’Esercito, con la conseguente riduzione delle caserme attive, e di aumentare l’integrazione sociale attraverso l’apertura delle aree dedicate ad asili, impianti sportivi e spazi per il tempo libero alla popolazione civile residente nelle zone contermini.
Farina ha così concluso: “…questo non è un sogno, ma un’opportunità già pronta e viva che deriva dalla criticità dello stato in cui versano le infrastrutture,  purtroppo una condizione assai diffusa,  più volte richiamata anche da parte dei miei predecessori e che impatta direttamente sul benessere dei nostri uomini e donne”.
Per il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo è stata “una importante iniziativa che ha permesso di fare da un lato il punto di situazione sul processo di ammodernamento del parco immobiliare della Difesa, dall’altro trasmettere un forte e reale segnale all’esterno sulla sensibilità dedicata alla tutela dell’ambiente.
Meno inquinamento vuol dire tutelare la salute dei cittadini e generare risparmi. In tale ottica, ciascun Dicastero può e deve fare la propria parte. La Difesa ha intrapreso una serie di iniziative che puntano all’ammodernamento di un parco infrastrutturale ormai vetusto e non più rispondente alle attuali esigenze. Ciò sarà reso possibile con la realizzazione di basi militare di nuova generazione
”.
Al termine della conferenza, tutti i relatori hanno convenuto sull’efficacia e lungimiranza di “Caserme Verdi”, sottolineando ognuno nei propri interventi come il progetto, partendo da inderogabili necessità di sicurezza e benessere del personale, inteso sia come persona sia come soldato che rappresenta un’importante risorsa operativa da addestrare e rendere efficiente, nei luoghi di lavoro e in sinergia con le altre Istituzioni, sia stato sviluppato su direttrici quali rispetto dell’ambiente, bassi consumi energetici e basso impatto finanziario, con indiscutibili ricadute sul tessuto economico e sociale delle aree interessate prossime alle caserme.
Nota
L’Esercito, ha tra le priorità l’ammodernamento del proprio parco infrastrutturale attraverso la realizzazione di basi militari di nuova generazione, che risultino efficienti, funzionali, pienamente rispondenti alle normative vigenti e ispirate a nuovi standard e secondo criteri costruttivi innovativi e antisismici di modularità, rapidità costruttiva, basso impatto ambientale e ridotti costi di manutenzione. E’ un piano che ha già preso il via e avrà un respiro ventennale.
Sono state individuate, al momento, 26 caserme dislocate su tutto il territorio nazionale, con particolare potenziamento delle basi ubicate nel meridione del Paese, su cui replicare il progetto standardizzato di una grande infrastruttura “Caserma Verde”, che prevedrà cinque diverse aree funzionali: area comando, addestrativa, logistica, sportiva ricreativa, alloggiativa.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Undici anni di strade sicure
Si è partiti con una forza di più di 3 mila unità, per arrivare nel corso degli...
''Difesa collettiva'' l'Arma azzurra sinonimo di eccellenza tecnologica
Al servizio del Paese, la più giovane delle Forze Armate con le sue molteplici...
Una giornata tra le pilote europee
Elisabetta Perrotta racconta come si è svolto l’incontro della FEWP (Federazione...
Una Acies, dual opportunities
Per formare un’unica schiera è basilare la formazione e l’addestramento dei...
‘’Lavaredo 2019’’ non solo esercitazione
Le Truppe Alpine in Cadore hanno mostrato la propria capacità operativa nello...
Riprendere appieno i rapporti commerciali e salvare i cristiani in Oriente
Putin in visita ufficiale in Italia ha incontrato papa Francesco, Sergio Mattarella...
Le manovre turche sulla Zee libica ed i rischi per l’Italia
Il nostro Paese è bene che presti la dovuta attenzione ad un fenomeno potenzialmente...
Basilea festeggiati i Cento anni di Zonta International
Nel denso programma, anche l'intervento dell'italiana Donatella Ricci, astrofisica...
Dakota DC3 tornano al Nicelli
Definito uno tra gli aeroporti più belli al mondo, ha ospitato per tre giorni...
Il Sottufficiale, medaglia d’oro individuale nella categoria “senior”, è tra i 16 italiani che hanno conquistato 3 medaglie
Nella missione “Joint Enterprise” il Multinational Battle Group West incrementa la capacità di comando e controllo; anche la Turchia ora ne fa parte
Lanciata nel 2015, ENFM fa parte dell'approccio globale dell'UE in materia di migrazione e per fornire sicurezza nel Mediterraneo; le attività navali dell'operazione sono momentaneamente sospese per motivi operativi
L’Esercito è impegnato a Ferragosto in numerose attività operative di difesa in Italia e all'Estero
In un comunicato Stampa diffuso dal Ministero della Difesa la mattina di ferragosto apprendiamo che la ministra Trenta ricusa il decreto di Salvini
Passaggio di responsabilità dal generale Maggi al subentrante generale Dei al Comando della Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN)
Gli Elicotteri Mangusta del Contingente italiano in Afghanistan hanno raggiunto le 13.000 ore di volo in oltre 7.000 missioni
Il contingente italiano della Missione in Lettonia, ha concluso sviluppando una serie di attività addestrative individuali