14:55 giovedì 09.04.2020
Il “tagliacarne “ a Volandia
Il Museo che ospita l'F104 ricevuto in prestito dal museo di Berlino è collocato nel circuito dei grandi musei internazionali
fotografie di: R. Allesina

12-02-2020 - “Il Tagliacarne”, cosi’ il settimanale “Oggi” defini’ l’F104 in un articolo, allorché il velivolo entrò in servizio, all’inizio degli anni 60’ del XX secolo
Era così definito perché si discostava dai velivoli della generazione passata, caratterizzati da linee arrotondate; il 104, infatti,aveva linee nette ed angoli molto incisivi, tali da farlo assomigliare appunto ad un coltello da carne.
In seguito gli furono attribuiti altri pseudonimi: quello, diciamo ufficiale, di Starfigther (cacciatore di stelle); poi spillone, fabbricatore di vedove e bara volante.
A Volandia, l’8 febbraio scorso ne è stato presentato uno, prestato dal museo di Berlino, nei colori della Luftwaffe tedesca che ne aveva in linea ben 955.
Il presidente della fondazione Volandia Marco Reguzzoni ha tenuto a sottolineare che questo velivolo è il 104esimo esposto nel museo e che la collaborazione con il museo di Berlino colloca Volandia nel circuito dei grandi musei internazionali.
Ha poi preso la parola il comandante Franco Bonazzi, a raccontare la sua indimenticabile esperienza di pilota dello spillone.
Bonazzi, giovane capitano pilota nel 1959, è stato il primo italiano a volare sull'F104G, quando fu inviato dal Reparto Sperimentale, insieme ad un ingegnere, presso la famosa base di Edwars in California. Lì si trovarono con collaudatori belgi, olandesi, canadesi e tedeschi.
Di tedeschi ce ne furono addirittura due, ai quali la Lockheed, produttrice dell'F 104, offrì un corso propedeutico per svilupparne la futura produzione presso stabilimenti in Italia, in Germania e in Canada; scelta quest’ultima avvenuta in base al programma MAP (military aid program).
Va ricordato che il 104 in Italia, oltre ad essere molto amato dai piloti, ha rappresentato per l’industria aeronautica nazionale un notevole salto di qualità recuperando quel gap tecnologico venutosi a creare dopo la seconda guerra mondiale.
Ruby Allesina


Extrema Ratio Knives Division

Coronavirus: Esercito e Protezione Civile insieme in Sicilia
 A Palermo, Catania e Trapani i reparti della Brigata “Aosta” movimentano...
La valle delle stelle
A valle Ugione, nel centro addestramento paracadutisti Folgore, si mettono a dura...
Libano: i 100 giorni della Brigata Granatieri
I peacekeeper italiani si muovono in un contesto internazionale dove UNIFIL si...
Sposarsi nel Novecento
''La sposa cristiana'': consigli alle future mogli per condurre una vita ‘’serena’...
Industria italiana per lo Spazio
Se n’è parlato in un convegno organizzato dell’Associazione per i Servizi,...
Le donne nella missione KFOR
Ricordarle anche nella giornata dedicata all donne, un 8 marzo che molte di loro...
Grand Prix FIE ‘’Trofeo Inalpi’’ a Torino
La Scuola di Applicazione dell'Esercito a supporto della grande scherma mondiale,...
Morire per un ideale
''I sette delle Drina, i sette morituri'' presentato a Roma il film documentario...
Per assicurare pace e sicurezza
Familiarization Italia-Ghana-Malesia nella missioni UNIFIL la cui caratteristica...
Al policlinico Militare del Celio di Roma nasce l'HUB COVID-Hospital da 120 posti che diventerà polo di riferimento anti Covid-19 del centro Italia
I militari dell’Esercito donano a Catania uova pasquali ai bambini dei reparti oncologici della città
Colloquio telefonico tra il ministro della Difesa Lorenzo Guerini e la ministra della Difesa francese Florence Parly
Il parere dell'ammiraglio Giuseppe De Giorgi in una nota del suo Ufficio Stampa
Consegnati dispositivi di protezione di prima necessità individuale a L'Aquila e a Firenze
Ministro Guerini: ''Grande attenzione e priorità alla protezione del personale della Difesa che lavora in prima linea''
Sono state effettuate più di 50 missioni di volo, finalizzate al trasporto di materiale sanitario, di pazienti in biocontenimento e team sanitari
Sembra un controsenso di questi tempi, ma stiamo comprendendo a nostre spese che la salute è davvero un bene prezioso e universale