07:30 giovedì 04.06.2020
Coronavirus: KFOR opera per la stabilità dell’area
I militari italiani della missione in Kosovo applicano le misure per ridurre l’esposizione al COVID-19 e contrastarne la diffusione
fotografie di: PAO KFOR

21-05-2020 - L’emergenza COVID-19 non ha avuto conseguenze sulla capacità delle nostre Forze Armate di svolgere un ruolo deterrente e credibile nel contribuire a mantenere un ambiente sicuro e la libertà di movimento per tutte le comunità del Kosovo, secondo quanto stabilito dal mandato della risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.
Le attività del contingente della NATO, forte di circa 3.500 militari di 27 nazioni (500 gli italiani) e guidato dal generale di Divisione Michele Risi, stanno continuando con regolarità, comprese quelle tese ad addestrare il personale alla rimozione di blocchi stradali e al controllo della folla in caso di disordini.
In tale contesto gli artiglieri del 17° reggimento controaerei “Sforzesca” dell’Esercito Italiano, inquadrati nel Comando Regionale Ovest di KFOR di stanza a Peč/Pejë, hanno condotto un’importante esercitazione insieme a colleghi austriaci, sloveni e svizzeri.
In particolare, è stato simulato un blocco della circolazione stradale messo in atto da un gruppo di manifestanti violenti, per rimuovere il quale sono scese in campo unità operative del Regional Command West in assetto antisommossa, circostanza in cui nella realtà KFOR agirebbe come third responder, dopo la polizia del Kosovo e la missione EULEX dell’Unione Europea.
L’esercitazione ha previsto anche l’impiego del Freedom of Movement Detachment, costituito dagli uomini del 6° reggimento logistico dell’Esercito, i quali, a bordo del carro pioniere “Leopard”, hanno materialmente sgomberato il campo dalle carcasse di automobili posizionate dai manifestanti per attuare il blocco. È intervenuto anche un team specializzato nella bonifica di ordigni esplosivi composto da militari ucraini e svizzeri, i quali hanno verificato l’assenza di trappole esplodenti grazie all’unità cinofila e al dispositivo “iRobot 510 PackBot”.
L’obiettivo di queste esercitazioni periodiche è di mantenere sempre alto il livello di prontezza delle forze di KFOR, pur nel rispetto delle misure di prevenzione anti-contagio da COVID-19. Sono occasioni preziose per amalgamare militari e unità delle diverse nazioni che operano nel Regional Command West”, ha dichiarato a margine dell’attività il colonnello Natale Gatti, comandante dell’unità di KFOR che opera nel settore occidentale del Kosovo ed è responsabile, tra l’altro, della sicurezza del Monastero ortodosso di Visoki-Decani.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Frecce Tricolori per la Festa della Repubblica Italiana
Atterrate all’aeroporto Mario De Bernardi di Pratica di Mare, da cui decolleranno...
Il cacciamine Numana impegnato nella ricerca del relitto di Nuova Iside
Con i sofisticati mezzi di bordo e dei Palombari del GOS le ricerche fino alla...
Coronavirus: Esercito ‘’di più insieme’’ a Torino
Donazione di beni di prima necessità da parte del comando per la Formazione e...
Afghanistan: il generale Miller in visita al TAAC-W
“Shura” con il ministro della Difesa afghano e i security pillars di Herat...
Coronavirus: 7° ‘’Cremona’’ specializzato in difesa CBRN (nucleare, biologica e chimica)
E’ operativo anche in teatri internazionali, quali Niger, Libia, Kosovo, Afghanistan...
Coronavirus: solidarietà delle Famiglie della Folgore
Nel corso degli ultimi mesi, la Brigata Paracadutisti Folgore ha impiegato i propri...
Coronavirus: sanificazione delle chiese di Roma
Abbiamo seguito le operazioni di pulizia eseguite dagli operatori dell'Esercito...
Fiori d'arancio sulle stellette in Libano
Primo matrimonio all’estero per due militari italiani del contingente impegnato...
Coronavirus: sicurezza sulla Blue Line
I caschi blu italiani in Libano continuano la propria missione mettendo in atto...
Il sottosegretario Tofalo esprime il proprio parere sul Decreto legge relativo alle misure per le imprese e in materia di settori strategici
Dichiarazioni del sottosegretario alla Difesa, Giulio Calvisi intervenuto in Commissione Difesa
US: Iran stonewalls women and seeks to exterminate Jews
Il messaggio del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, in occasione del 74° Anniversario della fondazione della Repubblica  
Il piano della Marina Militare di Seul era quello di dotarsi in tre fasi di ventisette sottomarini diesel elettrici da attacco
Ricordato dal contingente italiano della missione in Afghanistan il graduato dell'Ariete caduto in operazioni nel 2011
Gli stereotipi europei e il G7 che non deve arretrare…
Ne parliamo con l’istruttore di volo Erich Kustatscher colonna del WeFly!Team