21:06 venerdì 07.08.2020
Cippo in memoria dei peacekeeper italiani caduti in Libano
L'Italia è impegnata nel mantenimento della pace in Libano sin dal 1979 nella missione UNIFIL
fotografie di: SECTOR WEST

21-07-2020 - Negli anni Ottanta, ci fu un ulteriore sforzo nazionale a supporto della stabilizzazione dell'area con Italcon.
Nel 2006 con la risoluzione 1701 la missione UN veniva ampliata con l'Italia tra i primi contributori in termini di personale e mezzi.
Da oltre quarant'anni i peacekeeper italiani sono presenti contribuendo con dedizione ad assicurare pace e stabilità nel paese mediorientale.
Un impegno gravoso che ha avuto, negli anni, i suoi caduti.
Alcuni giorni fa, a Naqoura sede del comando UNIFIL è stato inaugurato un cippo a ricordo dei peacekeeper italiani che hanno perso la vita in servizio.
A scoprire il cippo il generale Stefano Del Col, quarto Italiano a ricoprire il ruolo di Force Commander e capo missione; accanto a lui, a ricordare lo sforzo dei tanti soldati impegnati, il generale Diego Filippo Fulco, comandante del Sector West e del contingente italiano: “Esercito Italiano, Marina Militare, Arma dei Carabinieri... in queste occasioni, non c’è alcuna distinzione, siamo un’unica famiglia, quella della Difesa italiana, che si stringe attorno ai propri uomini caduti in onore al giuramento prestato”.
In granito del Libano, il cippo ricorda, in maniera semplice e composta, chi ha offerto l'estremo sacrificio ma anche le decine di migliaia di peacekeeper che, con il loro lavoro, hanno contribuito e contribuiscono ad assicurare pace in quest’area del Medio Oriente.
L'impegno italiano, cresciuto negli anni, ora si attesta intorno ai 1200 militari impiegati nel comando della missione, all'interno del Sector West (una unità multinazionale su base brigata Granatieri di Sardegna con quindici nazioni partecipanti), in ItalAir (la componente elicotteristica) e in ItalBatt, il battaglione operativo ora su framework Lancieri di Montebello 8°.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Afghanistan: inaugurato il monumento ‘’Ariete’’ al TAAC-WEST
Le Brigate che si avvicendano nell’operazione “Resolute Support” a conclusione...
Giornata del Laureato 2020 a Torino
Gli Ufficiali del 197° Corso ''Tenacia'' del Comando per la Formazione e Scuola...
Nave Alliance rientra a Tromsø conclusa la campagna High North20
Conclusa la prima di tre campagne di ricerca in Artico del programma triennale...
Gare di volo in aliante
Nell’Aviosuperficie Avio Alfina in Castel Viscardo (TR) il trofeo di volo artistico...
Brigata ''Sassari'' dà il cambio ai ''Granatieri di Sardegna'' in Libano
Giunge a conclusione il mandato continuativo più lungo per un contingente italiano...
''Firephobia'', come affrontare le sommosse in Kosovo
Addestramento dei militari della forza NATO in missione KFOR per mantenere la...
Nuovi giovani piloti
Conclusa la seconda edizione di ''Progetto volo'', iniziativa dell'Aero Club di...
Nel porto di Taranto ammara un idrovolante
Dopo un secolo, il mare pugliese rivede attività aerea/marittima; inizio di...
Corso A.I.C.A (Addestramento Individuale al Combattimento Aeromobile)
Brigata ''Friuli'' introduce nuovo iter addestrativo aeromobile, essenza identificativa...
Tre navi della Marina Militare pronte ad operare insieme alla protezione Civile
Due C 130 J dell’Aeronautica Militare condurranno Vigili del fuoco e personale esperto di minacce CBRN
Nell’incontro con il Presidente Serraj Guerini ha detto: ’’Pronti a lavorare fin da subito a nuovo slancio della cooperazione’’
Insieme al presidente del consiglio presidenziale e premier del governo di accordo nazionale della Libia anche i membri del consiglio presidenziale
Militants based in Khurmato have occupied our village and its residents have been forcibly evicted
Esplose oltre 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio. Il ministro della difesa Lorenzo Guerini in contatto telefonico con contingente italiano in Libano 
Accordo tra istituzioni per la razionalizzazione del patrimonio immobiliare in uso al Dicastero
Una considerazione del generale Giuseppe Morabito, membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation