14:34 venerdì 22.01.2021
Cippo in memoria dei peacekeeper italiani caduti in Libano
L'Italia è impegnata nel mantenimento della pace in Libano sin dal 1979 nella missione UNIFIL
fotografie di: SECTOR WEST

21-07-2020 - Negli anni Ottanta, ci fu un ulteriore sforzo nazionale a supporto della stabilizzazione dell'area con Italcon.
Nel 2006 con la risoluzione 1701 la missione UN veniva ampliata con l'Italia tra i primi contributori in termini di personale e mezzi.
Da oltre quarant'anni i peacekeeper italiani sono presenti contribuendo con dedizione ad assicurare pace e stabilità nel paese mediorientale.
Un impegno gravoso che ha avuto, negli anni, i suoi caduti.
Alcuni giorni fa, a Naqoura sede del comando UNIFIL è stato inaugurato un cippo a ricordo dei peacekeeper italiani che hanno perso la vita in servizio.
A scoprire il cippo il generale Stefano Del Col, quarto Italiano a ricoprire il ruolo di Force Commander e capo missione; accanto a lui, a ricordare lo sforzo dei tanti soldati impegnati, il generale Diego Filippo Fulco, comandante del Sector West e del contingente italiano: “Esercito Italiano, Marina Militare, Arma dei Carabinieri... in queste occasioni, non c’è alcuna distinzione, siamo un’unica famiglia, quella della Difesa italiana, che si stringe attorno ai propri uomini caduti in onore al giuramento prestato”.
In granito del Libano, il cippo ricorda, in maniera semplice e composta, chi ha offerto l'estremo sacrificio ma anche le decine di migliaia di peacekeeper che, con il loro lavoro, hanno contribuito e contribuiscono ad assicurare pace in quest’area del Medio Oriente.
L'impegno italiano, cresciuto negli anni, ora si attesta intorno ai 1200 militari impiegati nel comando della missione, all'interno del Sector West (una unità multinazionale su base brigata Granatieri di Sardegna con quindici nazioni partecipanti), in ItalAir (la componente elicotteristica) e in ItalBatt, il battaglione operativo ora su framework Lancieri di Montebello 8°.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

‘’Leon’’ la lama venexiana
Storia di vita e di coltelli da combattimento militare creati dal Maestro Sandro...
1^ BAOS (brigata aerea operazioni speciali) da oggi nella nuova sede sull’aeroporto di Furbara
Generale Rosso: ‘’Una tappa fondamentale del processo di razionalizzazione...
Terminata la campagna ''Fari 2020''
La Marina Militare impegnata nella sicurezza dei segnalamenti per tutti i naviganti...
Esercito, l’impegno nel 2020
Più di 11.000 militari durante le festività in operazioni all'estero e sul territorio...
''Vaccino day'' 2020
La corsa per il programma europeo di vaccinazione collettiva ha impegnato le Forze...
Il ministro Guerini in visita in Kosovo
Ha trascorso la vigilia di Natale insieme ai militari italiani impegnati nella...
Nave Martinengo conclude operazione antipirateria
La fregata ha lasciato le acque del Golfo di Guinea, dove ha operato sin dal mese...
Addestramento nel Mediterraneo Orientale
La Marina Militare ha partecipato ad attività Passex
Buon Natale a chi lavora lontano
Il generale Enzo Vecciarelli ha visitato il contingente italiano che opera nella...
Lettera aperta di Riccardo Pedrizzi, presidente del Cts dell’Ucid al Presidente dell'Associazione bancaria Antonio Patuelli  
Il radar AESA da sorveglianza marittima aumenta le capacità dell’MQ-9B, sulla base della comprovata collaborazione tra GA-ASI e Leonardo
Tredici i piloti che hanno sostenuto l'esame per aeroplano e per elicottero
Passi in avanti nel progetto ‘’sbocchi occupazionali’’ con l’accordo di collaborazione tra Esercito Italiano e B-INIZIATIVE s.r.l.
Truppe Alpine dell’Esercito addestrano il personale per operare in montagna
Il generale Carmelo Burgio succede al generale Ilio Ciceri
L'opinione pubblica nel mondo sviluppato è o appare diffidente nei confronti della Cina, lo dice il generale Morabito, membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation
Il vice presidente del governo di accordo nazionale della Libia in visita a Roma