17:44 sabato 28.11.2020
Difesa: terminata l'operazione ''Emergenza cedri''
In settantacinque giorni i militari italiani hanno portato a termine l'operazione umanitaria a favore del popolo libanese
fotografie di: Ministero difesa

10-11-2020 -  "L'operazione umanitaria della Difesa "Emergenza Cedri" è stato un ulteriore segno del forte legame tra Italia e Libano e della fraterna vicinanza al popolo libanese" questo il commento del ministro della Difesa Lorenzo Guerini al termine dei 75 giorni di impiego dei militari italiani a seguito dell'emergenza dopo l'esplosione del 4 agosto nel porto di Beirut Guerini, accompagnato dall’ambasciatrice Nicoletta Bombardiere, durante l'incontro con il Presidente della Repubblica libanese Michel Aoun, aveva manifestato la vicinanza del Governo e del popolo italiano al Libano nel difficile momento a seguito del grave incidente.
Negli oltre 2 mesi di impiego, la Task Force "Cedri", con al comando il brigadier generale Giovanni Di Blasi, giunta a Beirut a bordo di Nave San Giusto della Marina Militare, ha rimosso circa 13.000 tonnellate di macerie nel porto marittimo e ha provveduto al ripristino della viabilità ordinaria e alla demolizione di fabbricati pericolanti liberando gli accessi ai moli.
Inoltre, il team di medici ed infermieri militari, provenienti dal Policlinico Militare "Celio", ha operato all’interno dell’ospedale da campo dell’Esercito, schierato nel piazzale del campus universitario nel quartiere "Hadath" , effettuando più di 1.100 visite specialistiche ambulatoriali a pazienti libanesi e, al contempo, considerato il diffondersi in Libano del virus COVID-19, oltre 1.300 tamponi.
"Le nostre Forze Armate da 38 anni non hanno mai abbandonato il Libano e anche nei giorni difficili dopo l'esplosione, hanno onorato l'Italia e le istituzioni fornendo un contributo concreto per aiutare la popolazione libanese duramente colpita" ha affermato il ministro sottolineando anche il delicato lavoro che i circa 1200 soldati italiani operanti in Sector West nell'ambito della missione UNIFIL guidata e comandata dal generale Stefano Del Col, svolgono quotidianamente.
La missione è terminata con la simbolica inaugurazione, presso la rotatoria di ingresso al porto, di un monumento, un cedro in acciaio di circa 3 metri d'altezza, a suggello dell'amicizia tra la Difesa Italiana e le Forze Armate Libanesi ed è stata avviata la fase di ripiegamento dei militari con il rientro in Patria dell'ultima aliquota prevista il 17 novembre.

 Nota sugli aiuti inviati in Libano
- 500 militari
- 2 navi (San Giusto e Etna)
 - un ospedale da campo con personale specializzato dell’Esercito (stessa tipologia di quello impiegato in Italia)
 - assetti per la rimozione delle macerie
 - nuclei CBRN
 - 1 elicottero MH-101 con al seguito una barella biocontenimento
 - un team del Gruppo Operativo Subacquei del Comsubin con capacità EOD (Explosive Ordnance Disposal – bonifica di ordigni esplosivi) e CIED (Counter-Improvised Explosive Device – contrasto ordigni esplosivi improvvisati)
 - supporto idrografico per i rilievi nel porto a seguito dell’esplosione
- un velivolo C-130 dell’Aeronautica Militare
 Sono questi i numeri della missione italiana interforze in Libano a seguito dell’esplosione del 4 agosto e della grave emergenza Covid che ha colpito la popolazione libanese.
Guerini, a seguito delle deflagrazioni che hanno devastato la città di Beirut e della mobilitazione della comunità internazionale, aveva immediatamente messo a disposizione della Protezione Civile, con il coordinamento del Comando Operativo di Vertice Interforze dello Stato Maggiore Difesa, nave San Giusto e assetti specializzati della Difesa per la missione di supporto umanitario e medico.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Se vuoi andare veloce vai da solo, ma se vuoi andare lontano vai in squadra
Nel calendario ''Aeronautica Militare 2021'' il racconto dell'impegno nei cieli...
Esploratori si addestrano in Sicilia 
La Brigata ''Aosta'' ha organizzato l’esercitazione di due settimane in provincia...
Marina Militare collabora con Ministero Sviluppo Economico
Impegno del Gruppo Operativo Subacquei insieme a nave Anteo a favore della collettività...
Calendario 2021: l’Esercito “Per la Patria”
12 mesi con l’Esercito ripercorrendo le più grandi battaglie della storia che...
Caccia ai pirati: Fregata Martinengo nel golfo di Guinea
Aggiornamento sull'intervento della fregata in soccorso del mercantile Torm Alexandra...
Influenze turche in nord Macedonia
Una possibile spiegazione del caso Vienna 

Esercito: ‘’Capability Spotlight’’, tecnologia e innovazione
Sperimentazione nel campo della Robotica e dei Sistemi Autonomi per dominare il...
Difesa: prospettive e attività in corso
Esercito in prima linea per la valorizzazione e ricollocamento del personale...
Conoscere la Storia per affrontare il futuro
Riapre il Museo di Vigna di Valle con grandi novità che anticipano quelle che...
Elencate le aree di collaborazione con realizzazione di progetti fra l’Arma e l’Istituto
Il ministro della Difesa Guerini consegna le medaglie commemorative
Guerini a Palma de Maiorca incontra la ministra della difesa spagnola Margarita Robles
Il 183° Nembo della Brigata Folgore augura buon compleanno per i suoi 100 anni al reduce della Divisione Nembo
Per unirsi alle forze militari francesi a condurre operazioni contro i terroristi jihadisti in un'operazione separata dalle missioni dell’UE
Guerini si congratula con l'Arma dei carabinieri e con la magistratura
I carabinieri scoprono che il veicolo coinvolto era un automezzo dell’Ama rubato a Roma
Al Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito una conferenza sulla ''human intelligence''