11:29 giovedì 25.02.2021
Difesa: terminata l'operazione ''Emergenza cedri''
In settantacinque giorni i militari italiani hanno portato a termine l'operazione umanitaria a favore del popolo libanese
fotografie di: Ministero difesa

10-11-2020 -  "L'operazione umanitaria della Difesa "Emergenza Cedri" è stato un ulteriore segno del forte legame tra Italia e Libano e della fraterna vicinanza al popolo libanese" questo il commento del ministro della Difesa Lorenzo Guerini al termine dei 75 giorni di impiego dei militari italiani a seguito dell'emergenza dopo l'esplosione del 4 agosto nel porto di Beirut Guerini, accompagnato dall’ambasciatrice Nicoletta Bombardiere, durante l'incontro con il Presidente della Repubblica libanese Michel Aoun, aveva manifestato la vicinanza del Governo e del popolo italiano al Libano nel difficile momento a seguito del grave incidente.
Negli oltre 2 mesi di impiego, la Task Force "Cedri", con al comando il brigadier generale Giovanni Di Blasi, giunta a Beirut a bordo di Nave San Giusto della Marina Militare, ha rimosso circa 13.000 tonnellate di macerie nel porto marittimo e ha provveduto al ripristino della viabilità ordinaria e alla demolizione di fabbricati pericolanti liberando gli accessi ai moli.
Inoltre, il team di medici ed infermieri militari, provenienti dal Policlinico Militare "Celio", ha operato all’interno dell’ospedale da campo dell’Esercito, schierato nel piazzale del campus universitario nel quartiere "Hadath" , effettuando più di 1.100 visite specialistiche ambulatoriali a pazienti libanesi e, al contempo, considerato il diffondersi in Libano del virus COVID-19, oltre 1.300 tamponi.
"Le nostre Forze Armate da 38 anni non hanno mai abbandonato il Libano e anche nei giorni difficili dopo l'esplosione, hanno onorato l'Italia e le istituzioni fornendo un contributo concreto per aiutare la popolazione libanese duramente colpita" ha affermato il ministro sottolineando anche il delicato lavoro che i circa 1200 soldati italiani operanti in Sector West nell'ambito della missione UNIFIL guidata e comandata dal generale Stefano Del Col, svolgono quotidianamente.
La missione è terminata con la simbolica inaugurazione, presso la rotatoria di ingresso al porto, di un monumento, un cedro in acciaio di circa 3 metri d'altezza, a suggello dell'amicizia tra la Difesa Italiana e le Forze Armate Libanesi ed è stata avviata la fase di ripiegamento dei militari con il rientro in Patria dell'ultima aliquota prevista il 17 novembre.

 Nota sugli aiuti inviati in Libano
- 500 militari
- 2 navi (San Giusto e Etna)
 - un ospedale da campo con personale specializzato dell’Esercito (stessa tipologia di quello impiegato in Italia)
 - assetti per la rimozione delle macerie
 - nuclei CBRN
 - 1 elicottero MH-101 con al seguito una barella biocontenimento
 - un team del Gruppo Operativo Subacquei del Comsubin con capacità EOD (Explosive Ordnance Disposal – bonifica di ordigni esplosivi) e CIED (Counter-Improvised Explosive Device – contrasto ordigni esplosivi improvvisati)
 - supporto idrografico per i rilievi nel porto a seguito dell’esplosione
- un velivolo C-130 dell’Aeronautica Militare
 Sono questi i numeri della missione italiana interforze in Libano a seguito dell’esplosione del 4 agosto e della grave emergenza Covid che ha colpito la popolazione libanese.
Guerini, a seguito delle deflagrazioni che hanno devastato la città di Beirut e della mobilitazione della comunità internazionale, aveva immediatamente messo a disposizione della Protezione Civile, con il coordinamento del Comando Operativo di Vertice Interforze dello Stato Maggiore Difesa, nave San Giusto e assetti specializzati della Difesa per la missione di supporto umanitario e medico.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Trentuno nuove aquile dalle scuole dell’Aeronautica militare
Generale Rosso: ‘’Uniformi di colori diversi, piloti di Forza Armate diverse,...
Coronavirus: incominciate le vaccinazione dei militari alla Cecchignola
Quando saranno concluse le vaccinazioni dei militari, la struttura sarà al servizio...
I novant’anni della ‘’Signora dei mari’’
Oggi la Nave scuola ‘’Amerigo Vespucci’’ simbolo dell’Italia nel mondo...
Esercito: istituzione sana al servizio del Paese
Presentato il ''Rapporto Esercito 2020'' alla presenza del capo di stato maggiore...
Difesa: Guerini al Presidio vaccinale anticovid alla Cecchignola a Roma
Operativo da lunedì 22 febbraio per il personale militare sarà successivamente...
Portaerei Cavour: ‘’Ready for Operations’’
L'ammiraglia della Marina Militare negli USA per il conseguimento della certificazione...
Consegnati basco e brevetti ai nuovi palombari del corso ordinario 2020
Diciotto giovani marinai da oggi fanno parte del Gruppo Operativo Subacquei della...
Controlli dei Carabinieri a Roma
Nella notte 15 ragazzi multati per una festa clandestina in un ‘’b&b’’...
Truppe alpine protagoniste a Cortina 2021
Addestramento e capacità operative a favore di un grande evento
Un breve excursus di carattere informativo, inserita a completamento del reportage sulle Scuole di volo dell’Aeronautica Militare
Ne parla il generale Mario Arpino su Formiche.net
A Roma sarà reso omaggio all'ambasciatore Attanasio e al carabiniere Iacovacci
Capo di Stato Maggiore dell’Esercito italiano è il generale Pietro Serino
Soldati e Unità si addestrano in ambiente virtuale ad alta intensità con il sistema di simulazione 'Virtual Battle Space'
Presenza dell'industria italiana della Difesa
Collaborazione con General Atomics Aeronautical Systems Inc. per offrire il decoy di Leonardo come opzione off-the-shelf agli operatori dell’MQ-9
Attività addestrativa congiunta in ambiente montano innevato a favore dei Vigili del Fuoco