11:22 venerdì 17.09.2021
‘’Leon’’ la lama venexiana
Storia di vita e di coltelli da combattimento militare creati dal Maestro Sandro Martinelli, veneziano doc
fotografie di: Stefano De Grandis

21-01-2021 - Se si parla di luoghi magici in cui vivere, o da visitare, sicuramente Venezia è tra i primi in classifica.
Una tra le più belle città del mondo, Patrimonio dell’umanità dichiarata dall’UNESCO.
Città con una storia fatta di mare, di commercio, di battaglie terrestri e navali, la regina dell’Adriatico, chiamata anche la Dominante, per millecento anni fu la capitale della Serenissima Repubblica di Venezia.
Consideriamo un ‘’colpo di fortuna’’ incontrare un vero’ ’Veneziano’’, per di più abitante del centro storico della Serenissima, che conosce a perfezione la storia della propria città che ama profondamente e a cui i suoi nobili antenati hanno dato lustro.
Parliamo di Sandro Martinelli, veneziano autentico, uomo d’arte e d’azione, creativo, pratico e soprattutto maestro di arti marziali.
In una interessante conversazione con lui, abbiamo approfondito alcuni aspetti della sua persona e della sua filosofia di vita, improntati alla sua appartenenza a Venezia, città in cui si è svolta la storia della sua famiglia testimoniata anche da una pergamena:
Dalla pergamena in mio possesso, rilasciata dall'istituto di Araldica regionale, risulta che la mia famiglia, originaria di Bergamo, si trasferì a Venezia nel 1600. Il motivo del trasferimento è chiaro, dato che tutti i membri della famiglia commerciavano nel settore della lana e della seta.
Con decreto della Repubblica della Serenissima durante la guerra di Candia, pagando la somma di 100.000 ducati, i Martinelli furono ascritti al patriziato veneto "per soldo" e venne loro attribuito uno stemma nobiliare
”.

Nel raccontare i fatti che appartengono alla sua memoria, si ha chiara la percezione che, più che il titolo nobiliare, per Sandro Martinelli è importante, determinante per il percorso di vita compiuto, possedere profonde radici nella storia della Repubblica di Venezia.
E’ un fiume di parole la narrazione con cui ci descrive come sono nate le sue passioni artistiche, che lo hanno condotto ad essere Maestro di arti marziali…e non solo.
Nei suoi ricordi, emerge il tempo in cui, bambino di otto anni, ebbe l’occasione di vedere un film… “Per la prima volta, vidi un film in cui venivano usate alcune tecniche di Karate.
Il ragazzino, sognando il Karate, si dedicava intanto ad attività atletiche, dimostrando di essere alla ricerca delle proprie capacità e dei propri limiti.
Praticavo l’atletica leggera, quando, compiuti i sedici anni, potei incominciare ad applicarmi alla mia prima disciplina marziale, l'Aikido, grazie ad un maestro di Judo che si chiamava Wassili Grandi e che insegnava Aikido sotto la direzione tecnica del M° Tada, a Mestre”.
Dal racconto di Martinelli che parla senza perdere un momento di entusiasmo, emergono i ricordi…
Con il Maestro Wassilli Grandi arrivai al grado di cintura marrone. Ma io cercavo sempre il Karate”.
Il sogno del Karate si realizzò finalmente grazie ad una dimostrazione a Venezia, da parte del M° Bruno Demichelis.
Con questo Maestro iniziai il percorso marziale più formativo e strutturale per me: è stato un imprinting molto forte, sempre presente anche in tutto il mio percorso marziale e mentale successivo. Per 13 anni, dal 1970 al 1983, ho vissuto un’esperienza entusiasmante, molto dura, anzi durissima: ematomi e microfratture non si contavano. Demichelis, che era un fighter eccezionale ed un Maestro severo, molto duro, arrivò a vincere il secondo posto ai campionati del Mondo di Karate in Giappone”.

Continua a raccontare il M° Martinelli, accennando ai numerosi campionati a cui ha partecipato nel corso degli anni, gareggiando nella squadra agonistica del C.S.K.S. San Marco e conseguendo il 2° posto al campionato regionale di Karate e la medaglia d'argento al campionato italiano assoluto di Kumite (combattimento) a squadre nel 1973, seguito sempre dal M° Demichelis con il quale divenne in seguito istruttore e cintura nera 3°Dan.
Gli occhi gli si illuminano, ricordando i corsi di ”dinamica mentale” applicata al Karate a cui ha partecipato ed i Maestri conosciuti nel corso degli anni.
Ho potuto praticare con i massimi Maestri di Karate della Japan Karate Association e sotto la direzione tecnica del M° Hiroshi Shirai della FE.SI.KA, ho potuto allenarmi con i maestri Kase, Enoeda, Miura, Naito, Sumi. Si è trattato di esperienze e di arricchimenti tecnici straordinari!”.
Non è stato solo il Karate ad imprimere nel nostro interlocutore la forza e la sicurezza di mente e corpo, ma anche l’arruolamento nel reggimento Lagunari Serenissima che dette al giovane Martinelli l’occasione di mettere a frutto il suo percorso formativo nelle arti marziali.
Quando nel 1974 mi arruolai nel Reggimento Lagunari Serenissima, con il mitico incarico 107 "Exploratore", dato il mio grado di Karate, il capitano Giorgio Paternò che allora comandava la base dei mezzi anfibi di S.Andrea a Venezia, mi attribuì l'incarico di addestrare al Karate gli ufficiali e i sottufficiali del Reggimento.
L'esperienza di addestrare i militari del reggimento Lagunari è una delle cose che più mi inorgoglisce; questo legame non si è mai interrotto.
Certamente l'atteggiamento mentale influisce sulle prestazioni; e in maniera molto determinante, chi ha un trascorso agonistico conosce molto bene questo aspetto
”.
A chi sono rivolti i programmi che ha realizzati e come è arrivato a creare un sistema di combattimento completo?
Dopo aver insegnato ‘’Karate Shotokan’’ ad adulti e bambini, a Venezia, presso la palestra C.S.K.S. San Marco del M° Demichelis, nel 1983 Martinelli consegue il grado di 3° Dan. Dal 1983 sino all’anno 2000, ha insegnato tale disciplina nella propria palestra, ”Dinamic.Karate.Alvisiana” a S.Alvise, sempre a Venezia.
Con grande sentimento di stima parla del fraterno amico e collega di arti marziali Valter Bravin:
Maestro di Kajukenbo, uomo di grandi capacità, compagno di straordinarie esperienze marziali, tra le quali la conoscenza e la pratica dell'arte marziale indiana "Vajra Murthi", appresa dall'insegnante di questa disciplina Jo Azer Brito, un combattente estremamente bravo e pericoloso, la cui professione penso fosse tutt’altro”.
Interrompiamo il Maestro nella sua lunga narrazione, perché abbiamo la curiosità di sapere molto sui programmi di sua competenza, ma soprattutto, chi può usufruirne.
Nei suoi ricordi, insieme ai maestri già nominati, emergono Alberto Rioda, Sandro Angiolini, Massimo Castelli, maestri di arti marziali della sua ‘’categoria’’, con i quali negli anni Novanta aprì un sodalizio, dal nome ‘’Tridente’’, con lo scopo di apprendere altri tipi di combattimento.
Successivamente si avvicinò alla boxe con Oscar Ceselin e Franco Rosa, al ’kick boxing’’ (anche con il campione del mondo Dominique Valera), al ‘’full contact’’con Bill Wallace (pluricampione del mondo), praticò il ‘’muay thai’’ in Italia con Fabio Camatti,e con i campioni del mondo Kaopon Lek e Itthipol, partecipando anche a stage in Thailandia. Non dimentica, poi, il Judo praticato con i maestri Marino Marcolina, Nicola e Alberto Grandi.
Un lungo elenco di grandi personaggi: tutti maestri di arti marziali, che hanno contribuito a formare il bagaglio tecnico del Maestro Martinelli, il quale, però, continuava la propria ricerca personale:
Nel 2000 è arrivata una svolta sconvolgente: stavo cercando qualcosa di più estremo ed efficace per la difesa personale da strada, per imparare a difendermi da aggressori, anche armati di coltello o di bastoni o di bottiglie rotte. 
Ho lavorato saltuariamente come buttafuori nelle discoteche con l'amico Fabio Camatti; ho fatto moltissime volte a pugni per le calli di Venezia anche contro quattro avversari; una volta ho affrontato e disarmato una persona che voleva accoltellare un mio caro amico. Ho lavorato anche come bodyguard di famosi attori alla Mostra del cinema di Venezia. Per tutte queste vicissitudini, cercavo qualcuno che mi potesse addestrare ad affrontare qualsiasi tipo di aggressione e situazione rischiosa
”.
Tipo tranquillo eh, questo simpatico Veneziano sempre alla ricerca di qualche capacità marziale!
Arrivò, finalmente, la realizzazione del suo desiderio, quando incontrò il maestro Giorgio Porcellana, ideatore del metodo di combattimento “Street Grapple System”.
Ho quindi iniziato ad allenarmi a questo sistema incredibile, di una efficacia micidiale, che comprendeva la lotta a terra, il trapping, JKD, il wing tsun, la boxe, la difesa di coltello, kali eskrima e brazilian jiu jitsu, diventando National instructor e delegato triveneto del sistema del maestro Porcellana. Contemporaneamente, mi allenavo a Parigi con i miei due Maestri Pierre Portocarrero e Jp. Vignau, conseguendo il grado di cintura nera 6° Dan di Karate dell' I.B.A. Nei miei allenamenti parigini c'era sempre la mia carissima amica la campionessa e maestra di karate Diane Luc Batigne
Una volta raggiunto questo grande traguardo, proprio loro mi consigliarono, per completare la mia formazione, di addestrarmi con il più preparato e prestigioso docente formatore di difesa personale per i corpi speciali francesi: Charles Joussot, con il suo sistema “ F.I.S.F.O.

Nell’ascoltare il racconto delle sue esperienze, la fantasia corre nell’immaginare un uomo in continuo stato di prontezza, mai fermo, orientato al raggiungimento dell’obiettivo coltivato sin da bambino: la perfezione nel combattimento marziale.
Un racconto con un filo conduttore che riunisce molti fatti, dagli Anni Settanta ad oggi, colmo di ricordi attraverso i quali scorrono, come immagini in un diorama, nomi di grandi maestri che lo hanno condotto a diventare il Maestro che è.

Siamo nel 2020; in questi ultimi venti anni, da quando ha incontrato il “Street Grapple System”, cosa è accaduto?
Dal 2000 al 2020, ho conseguito molti diplomi di istruttore di discipline marziali e di sistemi operativi per reparti speciali, con vari docenti e istruttori internazionali, fra cui: Florian Lahner, dei GSG9 (teste di cuoio tedesche), Borut Kincl karateka di alto livello tecnico, molto preparato degli "Enota Specialno Delovanje", un corpo speciale sloveno; Charles Joussot, eccellente formatore di difesa personale per i reparti speciali francesi, il cui sistema, molto semplice da imparare ma molto efficace, deriva dal Pencak Silat.
Nella scuola del M° Joussot, che considero quasi come una famiglia, ho trovato alcuni istruttori veramente irriducibili, dei veri amici come Maurice, Dominique, Alan e Sebastien
”.
Numerosi sono gli insegnanti che hanno lasciato il segno nel nostro interlocutore:
Hoch Hockenheim famoso insegnante che ha addestrato importanti reparti speciali americani “Marines"; il professor Antonio Merendoni, docente molto preparato per quanto riguarda il combattimento e la cultura del coltello italiano e con il quale collaboro da anni, divulgando il metodo di combattimento in uso agli ‘’Arditi italiani’’ nelle due guerre mondiali.
Con Merendoni, che è anche responsabile del settore security/safety (di cui io sono un istruttore IV livello e responsabile settore nord-est), ho collaborato alla pubblicazione del suo libro intitolato ‘’Scrimia venexiana’’, un trattato storico della vera scherma veneziana in uso alle truppe dei "Fanti da mar" imbarcati sulle galee veneziane.
Insieme al mio grande amico e bravissimo istruttore di S.G.S.Extrema Ratio, Gabriele Guidi, appartenente alle forze di polizia, svolgo da anni anche corsi di tiro rapido, nel U.T.S Cascina(PI).

Un tema importante per Martinelli è quello del coltello, del cui uso è appassionato docente, ma anche geniale creatore e designer.
E’ istruttore in alcune famose Scuole di combattimento al coltello: quelle del Grand master Bram Frank del CSSD/SC, del Grand Master Krishna Godhania, responsabile europeo del Warrior Eskrima e Sayoc Kali (a suo avviso il docente europeo più completo per le discipline di Kali Eskrima).
Per molti anni Martinelli è stato anche allievo diretto del Grand Master Bill Homann 9° Dan di Kyusho della scuola americana del Grand master George Dillman.
Ricorda con gratitudine il Gran Master Homann: “Da lui ho imparato i segreti del Kyusho, la conoscenza dei punti vitali del corpo umano, che mi sono stati molto utili per addestrare gli istruttori delle F.F.O.O.  
Al M° Homann devo molta gratitudine e rispetto, con lui ho conseguito il grado di 5° Dan del Karate Dillman e di 6° Dan del suo sistema F.E.D. (il Maestro mi ha donato la cintura bicolore per il grado di Kyoshi)
”.
Un fiume di ricordi, nomi di Maestri che gli hanno dato l’impronta, la stessa che Martinelli imprime sui propri allievi.
In questi anni ho svolto  corsi differenziati per istruttori della Polizia di Stato, per l'Arma dei Carabinieri, per i Vigili dell'Unione Comuni del Miranese, per il Reggimento Lagunari Serenissima e corsi di difesa personale per donne e  adulti. 
Svolgo anche corsi di difesa personale in alcuni istituti scolastici delle superiori di Venezia.
Alla fine di questo intricato e durissimo percorso marziale, studiando e ricercando le migliori discipline, dall’Alaska alla Thailandia, passando per l’Europa, è nato il mio sistema di combattimento completo: l'"S.G.S.Extrema Ratio” che esercito ed insegno, con il supporto e la collaborazione dei miei validi istruttori Roberto, Gianni, Francesco, Fabio, Guido, Giorgio, Gloria e Anna, (tra questi ci sono istruttori delle F.F.O.O. e F.F.A.A)
”.
E con un’espressione soddisfatta, il Maestro Martinelli dichiara:
Di tutto ciò che ho fatto nella mia vita, una delle cose di cui vado fiero e che mi ha dato, e ancora mi dà, più soddisfazione, è insegnare autodifesa alle donne….
Specialmente alle donne che hanno avuto problemi di aggressioni e violenze.
Questo le aiuta a riacquistare la fiducia in se stesse e la consapevolezza delle proprie possibilità di difendersi… collaboro anche con un team di psicologi, portando il mio bagaglio tecnico.
Vorrei aggiungere che per le donne che praticano attività marziali ho grande stima, sono straordinarie; mia moglie Gloria stessa ne è un esempio, essendo anche uno degli istruttori che mi coadiuvano, nella scuola, con una esperienza di tanti anni
”.
Nell’ascoltare l’elenco delle attività in cui il Maestro Martinelli è impegnato, la nostra curiosità ci stimola a chiedergli qualche approfondimento.
Lei è stato Capo Istruttore di “Close Combat” del Reggimento Lagunari Serenissima; ci narra la sua esperienza?
Come avevo accennato, nel 1974 sono stato arruolato nel reggimento Lagunari Serenissima, con l'incarico 107 "Exploratore " nel plotone comando.
A comandare la base dei mezzi anfibi di S.Andrea era il capitano Giorgio Paternò, un ufficiale lungimirante e attento a migliorare le prestazioni dei propri soldati, che fece richiesta che io venissi trasferito dalla caserma di Malcontenta in cui ero effettivo, a S. Andrea, la “base dei Pirati” (così chiamata da noi militari) per addestrare al Karate i suoi ufficiali e sottufficiali; però, a causa del mio incarico operativo, non potevo essere trasferito, finché non avessi completato i corsi di "assaltatore" e "exploratore”.
Mi ricordo molto bene il primo giorno: era il 1° aprile 1974 quando entrai dentro la "Matter" rendendomi subito conto, nell’entrare insieme a centinaia di ragazzi come me, che avrei provato una esperienza che mi avrebbe segnato per sempre.
Ancora non conoscevo gli impegni pesanti del mio incarico; poi, a mano a mano che i giorni passavano, cominciai a capire che sarebbero stati molto duri!
Ero abituato a trovare la colazione pronta alla mattina, a farmi la le doccia con l'acqua calda e avevo i capelli lunghi: già il secondo giorno mi sono ritrovato la testa rasata come una mela e in mimetica, con degli anfibi di cuoio che non si riuscivano a piegare da quanto erano rigidi.
Al mattino, in riga davanti al pennone per l'alzabandiera, per poi iniziare a marciare per tutto il giorno.
E questa era solo la premessa di quello che mi sarebbe spettato in seguito: un impegno massacrante.
Pur essendo allenatissimo (ero appena arrivato, con la squadra, al 2° posto ai campionati italiani assoluti di Karate), il bello stava per arrivare. Avevo come comandante della palazzina comando un certo capitano Gianandrea che al primo giorno ci fece raccogliere i mozziconi delle sigarette con le mani.
Il mio tenente del plotone incursori, plotone formato dagli esploratori e dai pionieri, si chiamava Federico Fasan. Non so chi dei due fosse più matto, ma non bastava… come ciliegina sulla torta, come sottufficiale, avevamo il caporal maggiore Alberto Mantovani, quello che sarebbe poi diventato la "leggenda" degli exploratori anfibi; in confronto a lui, Rambo faceva ridere.
Alla mattina, dopo aver passato la notte come guardia smontante con il "FAL" o con MG, si andava in comprensorio a farci quattro orette di sbalzi, tra corse e passi di leopardo, in mezzo alle pozzanghere. Le tute mimetiche non riuscivano mai ad asciugarsi da un giorno all’altro; gli anfibi sembravano di legno procurando belle vesciche ai piedi; tutti i pomeriggi facevamo il percorso di guerra e ritornavamo in armeria per la pulizia armi. Questa era l'ordinaria amministrazione.
Poi c'erano le pattuglie, l’orientamento notturno e il poligono di tiro alle foci del fiume Reno e tutte le tematiche legate all'addestramento dell'incarico: tecniche da sbarco sulle spiagge dai mezzi AAV-7 e  MTM 217
”.
Un’esperienza più che formativa! Chissà quanti giovani oggi ambirebbero a tale percorso?
Martinelli continua a raccontare:
Le guardie in caserma erano molto frequenti. A noi spettavano le smontanti, cosi avevamo tutto il giorno per svolgere le attività militari, dopo aver dormito poco o niente, mentre le zanzare bucavano perfino le mimetiche nuove. Non ci facevamo mancare niente.
Questo mondo mi piaceva molto: amavo fare le pattuglie notturne ed esercitarmi per aumentare la precisione nel tiro; odiavo fare la guardia in polveriera, perché il turno poteva durare anche 21 giorni nei quali stavamo segregati senza libera uscita. Io avevo una fidanzatina che, mentre ero di guardia in caserma, andava in discoteca. Non esistevano i cellulari e per telefonare nell'unica cabina telefonica a gettone dovevi sciropparti qualche ora di coda. E’ stato un periodo molto duro.
Finalmente, dopo 10 mesi di corsi e addestramenti, approdai a S. Andrea. Ero abituato alla massima disciplina e all'ordine: a Malcontenta regnava ordine e pulizia, ma quando approdai nell'isola non riuscivo a capire se mi trovavo all'isola di Wight o in una scena di “Apocalypse now”: dopo le 17.00 quando il Capitano usciva dalla base, capitava di tutto.
Alcuni scappavano attraverso l’isola delle Vignole per arrivare a Venezia, per poi ritornare al mattino, prima dell'alzabandiera; le docce spesso non funzionavano. Per quanti sforzi il capitano Paternò facesse, i mezzi a sua disposizione erano pochi, ma cercava in tutti i modi di migliorare la base, rispetto a come gli era stata consegnata; tutte le notti i “nonni” facevano volare "gavettoni" sulle reclute. In inverno, il riscaldamento a volte non funzionava; il cibo era scarso. Per mesi ho mangiato mele, gallette e salame che mi portavo da casa. Un'altra storia era quando si andava a presidiare l'isola del Lazzaretto Novo.
Questa importante isola, una volta, al tempo della Repubblica della Serenissima era il posto dove venivano ospitati in quarantena coloro che arrivavano con le galee da Paesi del Medio Oriente, dove c'erano focolai di malattie infettive come la peste. 
Il cambio di guardia, qui, era di una settimana: in quattro dovevamo presidiare l'isola e non c'era molto da fare di giorno, a volte si andava a vongole scalzi nel fango. E qualche sera si traghettava con una zattera a remi e si attraccava all'isola di S.Erasmo dove c'era la "baracca", un’osteria gestita dalla famiglia Zanella. Lì trovavamo dei buonissimi "cicchetti" e a volte delle bottiglie di "Dorona", un vino bianco ottimo con il pesce.
Un giorno, per una strana coincidenza, proprio lì nel fango, mi tagliai un piede fino ai tendini; fui trasportato d'urgenza all'ospedale S. Anna di Castello. cosi mi ritrovai a fine “naja” con altri 15 gg. di C.P.R (camera di punizione di rigore)
”.

Comprendiamo che la mole di ricordi che si accavallano nella mente e nel cuore del Maestro lo inducono a descrivere nei minimi termini tutto quanto è accaduto e che lo ha reso forte e determinato.
L’esperienza militare è certamente formativa, Martinelli ne è un chiaro esempio. Lo ascoltiamo con curiosità, la sua narrazione è fluida, forse non sintetica, ma è così interessante che ne vogliamo conoscere tutti i risvolti.
La cosa che a me interessava di più era insegnare Karate agli ufficiali. Questo incarico era il mio orgoglio, anche perché, fra i miei allievi, avevo il tenente Maurizio Busetto, recentemente congedato con il grado di generale e il caporale maggiore Alberto Mantovani che si congedò con il grado di luogotenente dopo aver comandato e migliorato il plotone “Exploratori Anfibi”; toccava a me allora metterli alla frusta e li ho fatti soffrire un bel po’… ( ma a fin di bene). .
Sono passati ben 32 anni, quando ho ricevuto un invito da parte del generale Luigi Chiapperini, che comandava nel 2007 il Reggimento Lagunari Serenissima, di ritornare ad addestrare i Lagunari al “close combat’’. Ho provato una gioia immensa ed ho sentito la responsabilità di poter ritornare a istruire i miei "fratelli".
Dopo tutto questo tempo, ho trovato molti cambiamenti: i Lagunari non erano più di leva, ma tutti volontari professionisti; ogni anno, un contingente viene distaccato in missione all'estero, con molte probabilità di attacchi e di scontri a fuoco. Ed io non ero più il  karateka 1° Dan, di 20 anni.
In questi decenni, mi sono addestrato con i migliori maestri e istruttori dei migliori corpi speciali, mi sono specializzato nel combattimento di coltello, sia della scuola italiana e sia nel Kali Eskrima, conseguendo anche (a Roma presso la sede del C.O.N.I Libertas - Servizi Scuola dello Sport) il diploma di Docente Formatore Nazionale di difesa personale per le F.F.A.A  e F.F.O.O.
Questa volta è un'altra storia!
”.

L’incarico assunto da Martinelli fu preso con grande impegno e serietà.
Conoscendolo, non ce ne stupiamo affatto.
Talmente seriamente che, prima di insegnare ai Lagunari le tecniche di combattimento di coltello e i disarmi di coltello, li provava e li riprovava con i suoi istruttori, con coltelli affilati, come è ora abituato a fare ad ogni dimostrazione del suo sistema S.G.S. Extrema Ratio (di cui ci dovrà raccontare ancora).
Numerose volte ho dovuto recarmi al pronto soccorso per suturare le ferite alle mani dovute ai tagli che mi procuravo nel cercare di disarmare i miei istruttori.
Alcuni penseranno che affrontare da disarmati un avversario armato di coltello, sia avventato.
Qui il discorso si fa molto serio: per principio non lo si deve affrontare, se disarmati, perchè l'avversario sarebbe troppo avvantaggiato.
Se possibile, occorre usare oggetti occasionali, come sedie, bastoni, cinture, sciarpe, ecc.. Poi, occorre essere addestrati e psicologicamente preparati ad affrontare una situazione cosi pericolosa. Se poi ci si trova con le spalle al muro, senza via di scampo, allora occorre giocarsi il tutto per tutto a mani nude: a me è capitato anche questo.
Volevo che le tecniche che insegnavo ai Lagunari fossero le migliori e le più sicure; per questo le testavo su di me. Non c’è niente di peggio che insegnare tecniche sbagliate che, poi, con i “coltelli veri’’ non funzionano. Infatti, sono pochissimi i maestri che provano ad allenarsi con le lame affilate: non hai una seconda chance, il coltello non permette sbagli e se sbagli ti puoi ferire gravemente
”.

Per tre anni Martinelli ha addestrato al “close combat’’ i Lagunari, anni in cui il Maestro ha conosciuto ed apprezzato le qualità organizzative e lo "spirito di corpo" del generale Chiapperini: “Una persona verso cui nutro una grandissima stima e ammirazione, ma non è l'unico: ci sono molti ufficiali e sottufficiali con cui stringo una forte e sincera amicizia. Fra questi cito il nome dell’amico Gianfranco, attuale comandante del plotone esploratori, che si prodiga con la massima serietà e smisurata dedizione e professionalità. 
I Lagunari da me addestrati, hanno dato avvio all'operazione “strade sicure"; imparando ad utilizzare, in particolare, lo sfollagente in dotazione. Cosa che poi è stata imitata in molte città italiane, con mia grande soddisfazione
”.
Ad un certo punto, il nostro ardito interlocutore ha pensato che la vecchia baionetta che i Lagunari portano allacciata alla gamba, avrebbe potuto essere sostituita da un coltello più performante.
Dopo le prime lezioni, mi resi conto che quello che insegnavo per i civili, non avrebbe funzionato per i militari in genere.
Ho pensato che nel combattimento con il coltello, l’avversario che si sarebbe trovato di fronte era un militare come lui, quindi ben protetto da elmetto, cinturone e combat jacket e magari con il g.a.p.; quindi con pochissimi punti disponibili per neutralizzarlo.
Ho così ridotto le tecniche di taglio, data la protezione dovuta all’abbigliamento, preferendo aumentare i colpi di punta.
Per mesi ho codificato un sintetico programma di parata e contraccolpo, che mirasse ai punti vitali, per poter eliminare l’avversario in una manciata di secondi.
Questo programma specifico , studiato per il plotone recon, teneva in considerazione, oltre ai punti di attacco, anche la necessità di una esecuzione semplice e veloce. In una situazione reale, va tenuto presente che le maggiori difficoltà sono: riuscire a non farsi sopraffare dal panico e controllare i processi motori per arrivare all’obiettivo
”.

Così è nata l’idea di progettare un nuovo coltello, proprio per il reggimento Lagunari.
Ma, prima di passare all’argomento “coltelli’’, vorremmo saper qualcosa sulla sua passione per i fondali marini.
Anche sott’acqua lei si trova a suo agio! Cosa cerca nell’emozione subacquea?
Nel  gennaio 2011, finalmente, è arrivato il momento di iniziare il corso di sub, sogno che da tempo volevo realizzare.
In quegli anni, pubblicavo articoli per la rivista militare "Raid" che mi concedeva degli spazi per attività specifiche che si svolgevano a Venezia e in mare; anche la Rivista “Lagunamare’’ ospitò un mio articolo sulle tecniche di elisoccorso in mare.
Fu così che mi trovai a frequentare il reparto dei sommozzatori della Polizia di Stato di Venezia, all’interno del quale ho stretto forti amicizie, rendendomi conto, nello svolgimento di queste operazioni, di quale sia lo spessore di esperienza e professionalità.
Rimasi talmente affascinato e colpito che decisi di frequentare il corso “Open Water Diving’’, sotto la direzione tecnica del Master Diving, Luca Gagliardi. Alla sua professionalità e pazienza devo la riuscita nel conseguimento del Brevetto, a Kostrena in Croazia, il 25 luglio del 2011.
Questa esperienza è stata molto appagante e affascinante, tanto che cominciai preferibilmente a fare immersioni nelle acque della Croazia, più limpide di quelle di Venezia.
In seguito, mi iscrissi al centro diving del Lido di Venezia "Freetime", dove ho conosciuto Andrea Pianon e Alessandra Grazioli, due master diving eccellenti con cui feci corsi di perfezionamento e specializzazione e corso WREK, per poter fare immersioni all'interno dei relitti di navi che numerosi popolano i fondali del golfo di Venezia
”.

Parliamo ora della sua grande passione, che poi pare sia diventato lavoro: la creazione di lame e di coltelli particolari.
Nel periodo in cui addestravo i Lagunari, frequentavo anche, insieme all'amico maestro di arti marziali Marco Bellani , il corso istruttori con il Grand Master Bram Frank caposcuola del CSSD/SC, chiamato in Israele il "padre delle lame". A lui chiesi consigli per realizzare la lama del coltello che stavamo ideando e che avremmo poi chiamato " san marco" (il nostro acronimo di Sandro e Marco). 
Scegliemmo una ditta di Maniago per mettere in produzione la prima serie di 100 pezzi; fu un successo. L'acciaio scelto, l' RWL 34, è il top degli acciai inossidabili.
Il test sul prototipo del “san marco”, lo abbiamo effettuato insieme al mio Master Diving, Andrea Pianon, palombaro professionista con brevetto militare di Rastrellatore BCM SUB (bonifica da ordigni), al Lido di Venezia. Il rivestimento e la protezione per la ruggine si dimostrarono perfetti: non emerse alcun segno di usura.
Per avere una ulteriore prova, coinvolsi gli amici Ernesto e Luca del gruppo sommozzatori della Polizia di stato di Venezia, che, in via confidenziale, hanno anch’essi testato il “san marco”. 
Le loro considerazioni mi hanno convinto che avevo progettato il coltello giusto per i Lagunari. 
Oggi posso dire che il “san marco” è stato un coltello molto apprezzato, come si può evincere anche dalle riviste del settore.
Nel 2007 ho avuto la fortuna e il piacere di stringere amicizia con Francesco Finzi, luogotenente dei Lagunari comandante del plotone exploratori. 
Francesco sarebbe diventato il mio insegnante di sopravvivenza operativa.
Era un soldato preparatissimo e molto determinato, la sua professione era lo scopo della sua vita. Con lui intrapresi il primo corso basico di survival, insieme ad alcuni miei allievi e a mia moglie Gloria .
Il corso si svolse, dopo alcune lezioni teoriche preparatorie, nell'altopiano di Asiago, ed è durato tre giorni.
Incominciò sotto la pioggia: dovevamo costruirci un rifugio con i rami degli alberi e accendere il fuoco con la legna bagnata; avevamo pochi viveri e dovevamo passare questi tre giorni accampati all'aperto. 
Dopo questo stimolante corso, decisi di aderire alla sua richiesta di fare con Francesco il corso per istruttore di sopravvivenza operativa.
Con altri due amici superai l'esame tenuto dall'istruttore della CSEN, Valter Paradiso, un ex Lagunare con grande esperienza, vero professionista del settore.
Francesco era il degno erede dell’ex luogotenente Alberto Mantovani.
Devo a lui tutta la mia conoscenza per quanto riguarda le tecniche di sopravvivenza, tiro con l’arco, kayak.
A partire da questa affascinante esperienza, dopo aver formato tre suoi istruttori, chiese a me e ad altri due di portare avanti la sua scuola che volle chiamare “Scuola italiana sopravvivenza 107”.
Francesco sapeva che gli restava ancora un mese di vita; ce lo disse una sera a cena. Massimiliano, Mirco ed io non credevamo che un uomo come lui, che aveva un Palmarés come il suo, di svariate missioni all'estero, in teatri di guerra, paracadutista  subacqueo esperto, con la pelle da coccodrillo, potesse morire.
Fino all'ultimo giorno addestrò i suoi explo. Nella sua ultima immersione subacquea, nel mese di ottobre, con un tempo da lupi, rimase fino al termine accanto ai suoi "ragazzi".
Nel giorno del suo funerale, il 2 novembre del 2012, volli dedicare a lui, degno erede dei " Fanti da mar", un proverbio giapponese che dice cosi:
"hana wa sakuragi, hito wa bushi" tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero, il miglior fiore il ciliegio, il miglior uomo il samurai.
Dopo la sua scomparsa, progettai un mio nuovo coltello da combattimento militare e lo chiamai  “Doge107” in sua memoria perché il suo nickname era "Doge” e 107 il numero dell'incarico di Exploratore
”.

Circa un anno fa, un'importante ditta leader produttrice di attrezzature subacquee per le forze militari, dopo aver letto un articolo di Francesco Bergamo relativo al coltello del maestro Martinelli, “Doge 107 tre secondi per morire”, gli chiese di progettare un coltello da combattimento subacqueo per un reparto di incursori subacquei russi.
Maestro, ci racconta come nacque il progetto?.
Dopo mesi di studio e ricerca per un acciaio inossidabile, un giorno, immaginandolo alle prime luci dell’alba, disegno il mio ultimo coltello e di getto disegno la lama.
Commissiono un prototipo in un acciaio inossidabile, scelgo il Nitro-B, un acciaio con ottime caratteristiche per il taglio e i colpi di punta e una durezza di 58- 59 HRC.
La forma della punta permette di portare le puntate con il polso nella migliore posizione ergonomica, in modo da esprimere il massimo della spinta su una punta molto acuminata. La leggera curvatura della lama permette di aumentare la superficie di contatto con i polsi e la gola e una migliore efficacia per i colpi di taglio.
A questo punto, occorre solo testarlo.
Confido nel mio Master Diving, Andrea Pianon con cui ho testato tutti i miei coltelli subacquei (compreso il Rori, un tool per i Master Diving).
La lama molto particolare contribuisce a riscontrare l’interesse della ditta, con la quale tuttavia non abbiamo trovato un accordo per la messa in produzione. Alla fine però, visti i pareri entusiasti degli addetti ai lavori, mi sono deciso di farlo produrre da un abile maestro coltellinaio.
Ho quindi commissionato una mini serie custom di soli 10 pezzi numerati da 1/10.
Questo mio ultimo coltello si chiama “Leon”.
Ed è un piacere per me far conoscere il mio "Leon" attraverso Cybernaua
”.

Le fasi attraverso cui Martinelli è passato per giungere all’ultima creazione, il suo neonato “Leon”, raccontano una storia di progetti, di studi, di prove insieme ai suoi amici fidati, di entusiasmi tradotti in disegni e poi in oggetti taglienti dall’aspetto affascinante… e di prove della lama anche in modalità subacquea, come osserviamo nel breve Video
//www.cybernaua.it/video/video.php?idvideo=214
Nello studio dei miei coltelli, mi sono sempre avvalso, tra gli altri, del giudizio e delle considerazioni di una mia amica medico legale, che mi aiuta ad approfondire la mia conoscenza dell’anatomia del corpo umano, nonché dei suggerimenti del reparto sub della Polizia. Solo dopo aver ascoltato tutti i loro severi  pareri, ho messo in produzione i miei coltelli”.
Ma quanti e quali sono i coltelli e quali storie raccontano?
In ordine cronologico, il primo coltello è stato il “san marco”, a cui ho già fatto cenno.
Progettato da me in collaborazione con il M° Marco Bellani, per poter offrire un migliore coltello da combattimento militare per il reggimento Lagunari Serenissima, nel periodo in cui addestravo i militari al “close combat”.
Come tutti i miei coltelli da combattimento militari, anche il “san marco” è stato progettato per assolvere al meglio gli impieghi: in primis deve essere performante per la scherma, poi adatto per la sopravvivenza ed avere una ottima resistenza all'ossidazione nell'impiego subacqueo.
Eseguo personalmente le prove dei miei coltelli, così da poterli modificare in “corso d'opera” .
Il “san marco” è stato collaudato con prove pesanti sull'altipiano di Asiago, a costruire rifugi con i rami degli alberi, per tagliare la legna per il fuoco, senza risparmio, per poi cercare di riaffilarlo con l'ausilio di qualche pietra bagnata, scavare buche per verificare anche la resistenza del rivestimento “Black Idroglider; ma il test più insidioso è stato l'impiego subacqueo. Per questo coltello, il test è durato tre mesi da parte di un ufficiale militare, durante lo svolgimento per il conseguimento del suo brevetto SDO, presso il Comsubin di Varignano.
Alla fine, dopo mesi di prove e verifiche, mi sono convinto dell’ottima resistenza dell'acciaio RWL 34 e del rivestimento: avevano superato brillantemente l'uso massacrante
”.

Nell’anno 2011, dopo il primo coltello performante per i Lagunari e dopo aver conseguito il suo primo brevetto subacqueo, si rende conto che ai subacquei sarebbe utile una strumentazione per eventuali emergenze da poter agganciare al gav (giubbotto ad assetto variabile).
Martinelli non ha dubbi e incomincia a chieder informazioni…
Chiedo suggerimenti al mio mentore Pianon, al reparto dei sommozzatori della Polizia di Stato di Venezia, al 1° Dirigente e istruttrice subacquea Luisa Cavallo e anche al dottor Pierricardo Piovesana, che allora svolgeva l'incarico di vice Questore vicario di Venezia. Alla fine di questa ricerca e test, è nato il “Rori”, che ha avuto il parere positivo da parte di Oreste Frati, fondatore della coltelleria Fox di Maniago”.

Ricordiamo che nel 2018 Martinelli creò il “Doge 107”, dalla linea molto “pulita” ed essenziale, di cui ha raccontato prima.
Ed arriviamo al 2019, l’anno in cui Martinelli “sogna alle prime luci dell’alba’’ la lama venexiana, creando in poco tempo il suo “Leon”.
Leon, la lama venexiana” rappresenta una sintesi e un perfezionamento della lama, sicuramente particolare.
Come si può vedere dalle foto al centro del mio logo c'è il leone di San Marco che impugna una daga. Le foto che pubblichiamo, sono state scattate da Stefano De Grandis.
Come si interpreta l’uso del coltello? Quale storia, quale linguaggio del coltello dobbiamo apprendere? I Veneziani erano maestri nell'arte della scherma, vi è qualche legame con l’uso del coltello?
Per anni, presso vari musei e istituti, ho collaborato alla ricerca di disegni e di manoscritti, oltre che di quadri delle battaglie avvenute nei secoli passati, per l'amico professor Antonio Merendoni e la pubblicazione del suo libro sulla “ Scrimia Venexiana” che rievoca la storia delle tecniche e delle armi bianche usate dai reparti dei soldati delle Repubblica Serenissima.
Nel libro si parla di tanti argomenti collegati a quel periodo storico pieno di conflitti militari, delle varie armi bianche in dotazione in base al rango, del loro uso, delle diverse divise, dei vari luoghi e maestri, che producevano spade conosciute e apprezzate anche fuori dall'Europa, come Andrea Ferara.
Al professor Merendoni dobbiamo riconoscere la ricostruzione di questo difficile argomento, per trattare il quale abbiamo dovuto ricorrere per la traduzione dei testi scritti in veneziano antico al supporto del professor Francesco Chiaro.
Con i testi tradotti in italiano, Merendoni ha potuto comprenderne appieno il significato, riuscendo a preservare e a salvare questa “scherma” in cui i Veneziani erano abilissimi, la cui storia sarebbe stata inesorabilmente perduta: possiamo definire il libro come un trattato storico veneziano.
Per tutti gli appassionati e studiosi di scherma e di armi bianche, questa è una pubblicazione da non perdere per ampliare la propria conoscenza: Venezia con i suoi “ Fanti da mar” ha combattuto per secoli per terra e per mare, fino all'apoteosi della battaglia di Lepanto, del 1571, riconosciuta come la battaglia navale per antonomasia.
In questa battaglia, i Veneziani hanno dato sfoggio delle loro grandi capacità di combattenti, sia come ardimento sia come tecnica e armamento
”.

Grazie Maestro Martinelli, la sua vita spesa tra lame e combattimenti ci ha affascinato. Un percorso interessante ed entusiasmante che lei ha saputo narrare con il cuore.
A lei la chiusura del racconto:
Quest’anno festeggio 50 anni di percorso marziale, costellato da esperienze entusiasmanti, ma anche molto dure, con tanti sacrifichi, interventi chirurgici e cicatrici; ma ho imparato a saper stringere i denti; e ogni volta che sono caduto, mi sono sempre rialzato più forte di prima”.
per approfondimenti:
//sgsextremaratio.it/
e-mail
sandromartinelli.ve@gmail.com
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Settantacinquesimo anniversario della Scuola di Volo di Galatina
La cerimonia della consegna dei brevetti agli allievi piloti militari italiani...
Completata la ‘’Opreh level 2’’
L’esercitazione a supporto della missione KFOR ha coinvolto le truppe dei Paesi...
Per mare, per terram
Celebrati i Cinquant’anni della presenza a Brindisi della Brigata Marina San...
Operazione ‘’Aquila Omnia’’ conclusa
Chi sono i militari che hanno contribuito a salvare numerosi cittadini afghani...
Mission accomplished
Rientrati in Patria i militari italiani impegnati nell'Operazione ''Aquila omnia''...
In fuga da Kabul
Intervistati alcuni Afghani imbarcati sul C 130 dell'Aeronautica Militare che...
Infantry Multilevel Training
Addestramento multilivello per le LAF (Forze Armate libanesi) al combattimento...
Comando Operazioni Aerospaziali
Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini al centro di Comando e Controllo della...
La Regina dei mari in sosta a Port Mahon
Nella cittadina spagnola la 1ª tappa della campagna d’istruzione 2021 degli...
Per conoscerne le potenzialità nel campo della sperimentazione e della simulazione addestrativa
L’incontro con il Segretario di Stato alla Difesa del Regno Unito segue quello avvenuto l’11 giugno scorso ad Augusta a bordo di Nave Cavour
Ne parla il generale Giuseppe Morabito Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation
Un velivolo da trasporto KC-767A del 14° Stormo ha portato 10 ton di materiale alla popolazione colpita da terremoto
Esercitazione interforze nella base ''Green Hill'' di Naqoura, in Libano, missione UNIFIL
Con la Difesa britannica saranno sviluppati sistemi di protezione di nuova generazione per i velivoli militari del Regno Unito
Firmata l'intesa di collaborazione tra il generale Bertoncello e il Rettore Cuzzocrea
Visita istituzionale del sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè al 32° Reggimento carri della Brigata “Ariete”