20:29 giovedì 01.12.2022
Testimonianza sul campo anti greenpass
A Roma la partecipazione di famiglie con bambini sul passeggino, anziani e cani al guinzaglio non era propedeutica alla violenza
fotografie di:

10-10-2021 - Abbiamo ricevuto immagini scattate nel corso della manifestazione anti greenpass svoltasi a Roma l’8 ottobre scorso. E chi ha scattato quelle fotografie ha anche accettato di rilasciare un’intervista che pubblichiamo per dare spazio su quanto è accaduto tra Piazza del Popolo e vie della Capitale, fino all’ingresso forzato di alcuni manifestanti nella sede del sindacato CGL.
Il nostro interlocutore è arrivato a Roma da Venezia per partecipare, insieme a tanti altri Italiani provenienti da ogni regione d’Italia, a quella che, senza l’intervento di alcuni facinorosi soliti esaltati che sempre approfittano delle manifestazioni per aggredire e scatenare violenza, avrebbe dovuto essere una pacifica, ma forte dimostrazione di dissenso contro le decisioni del governo di applicare restrizioni a danno dei lavoratori.
Si dice di ottantamila partecipanti, ma secondo il nostro intervistato erano anche di più.
E di vario genere, dai contrari al vaccino ai vaccinati, dagli operai agli imprenditori, dai nonni alle giovani studentesse…
Tutte persone tranquille che alzavano, è vero, la voce per urlare il proprio dissenso, ma tutto in modo non violento; tanto che numerose erano le famiglie con piccoli figli al seguito…” racconta Mario che continua: “La piazza era stracolma, secondo me erano anche più di 80mila; poi altre persone ancora si sono aggiunte, durante il corteo che dalla piazza si è diretto per le vie della città.”

Dal Trentino, dalla Sicilia, dal Veneto, dal Piemonte
Il popolo italiano era rappresentato tutto e di tutti si sentivano i commenti: non se ne può più, siamo tutti arrabbiati, la gente è stufa, non vuole più vivere in questo modo”.

Abbiamo sentito di esplosioni di bombe carta.
Sì, ad un certo punto sei poliziotti si sono visti circondati da un gruppo che lanciava pure sassi contro il furgone della Polizia; i sei hanno dunque reagito facendo esplodere bombe carta…e tutti hanno alzato le mani”.

E secondo lei perché i manifestanti se la son presa con la CGL?
Intanto forse era l’istituto meno blindato…poi anche i sindacati sono allineati e coperti e vogliono l’obbligo vaccinale; la gente è stufa, non ne può più, la situazione è al limite; anche mia moglie ha restituito la tessera di iscrizione al sindacato”.

Secondo lei, Mario, il Governo ne terrà conto?
Non sono esperto di governo, ma tenendo presente quanto detto tempo fa di un possibile governo militare in caso di dimissioni del premier Draghi… la situazione non è tranquilla”.
E conclude: “Io, come tutti quelli che stanno opponendosi alle decisioni del governo sull’uso del lasciapassare, non voglio vivere con questa catena al collo, non voglio vivere così.”
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

‘’Extrema Ratio’’, venticinque anni di audacia e creatività
Un nome ed una sigla che rappresentano un fiore all’occhiello dell’artigianato...
Nella giornata del ricordo dei caduti militari e civili
A Marino, nel Museo civico Umberto Mastroianni, un convegno sulla battaglia di...
1923 – 2023: 100 anni di storia dell’Aeronautica Militare
Raccontati in modo inedito attraverso il Calendario 2023 ideato dalla redazione...
Donne dell'Aria in action
Grande successo il ''Raduno 2022'' nell'Aviosuperficie ''Luciano Sorlini'' di...
‘’Watan 2022’’, in Qatar
Militari italiani dell’operazione “Orice” proseguono i preparativi in vista...
“Sea Drone Tech Summit 2022”
Giunto alla sua terza edizione rappresenta l'unico congresso in Italia su droni...
El-Alamein, commemorata a Nemi (Roma)
Celebrato l'80° anniversario della battaglia in cui caddero i paracadutisti della...
Venti anni in Accademia militare del 183° Corso ‘’Lealtà’’
Cerimonia densa di emozioni che gli Ufficiali hanno condiviso con i cadetti del...
Inaugurato l’Anno Accademico e Scolastico 2022–2023 degli Istituti di Formazione dell’Esercito
Alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del ministro...
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa
A bordo di nave Duilio, ormeggiata nel porto di Civitavecchia, ove per l’occasione ormeggiata anche la nave inglese HMS Albion
Nel Centro di Equitazione Militare dell’Esercito Italianoha incontrato i Lancieri di Montebello
Ne parla il generale Giuseppe Morabito Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation
Isabella Rauti e Matteo Perego di Cremnago hanno fatto il punto sulla situazione
Nella base aerea di Emmen, nel territorio svizzero del Cantone di Lucerna
I PPA rientrano nel piano di rinnovamento delle linee operative delle unità navali della Marina Militare, deciso dal Governo e dal Parlamento
Incontrati il ministro degli esteri qatarino  ed i militari italiani impegnati nell’operazione ‘’Orice’’