06:29 sabato 27.11.2021
‘’A me la bandiera’’
L’ammiraglio di squadra Enrico Credendino è il nuovo Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, sostituisce l'ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone
fotografie di: Daniel Papagni

05-11-2021 - La cerimonia di insediamento si è volta nel pomeriggio del 4 novembre 2021 nei giardini di Palazzo Marina, alla presenza del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, della sottosegretaria alla Difesa Stefania Pucciarelli, dei presidenti delle commissioni Difesa di Camera e Senato e del Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli.
L’ammiraglio Cavo Dragone, designato dal 6 novembre prossimo, quale nuovo Capo di Stato Maggiore della Difesa, nel proprio indirizzo di saluto alle donne e agli uomini della Marina Militare, ha ricordato come gran parte del suo mandato, durato 28 mesi, sia stato caratterizzato dalla pandemia di Covid-19.
Ed ha ricordato come la Marina italiana sia stata di grande esempio, facendo da apripista per le Marine di altri Paesi colpiti dalla pandemia alcune settimane dopo l’Italia.
Abbiamo potuto fornire preziosi consigli. Anche in Patria si è rimboccata le maniche, offrendo un contributo importante, con il proprio personale medico e paramedico, alla difesa e al servizio sanitario nazionale. Allo stesso tempo ha saputo rispettare tutti i propri impegni, sia per le missioni nazionali che come contributi alle forze aeronavali dell'Unione europea e della NATO, grazie al sacrificio degli equipaggi, che hanno affrontato il mare per mesi senza mai poter scendere a terra per rispettare l'isolamento”.
Ha inoltre tenuto a sottolineare, tra tutti i traguardi raggiunti, la campagna svolta negli Stati Uniti dalla portaerei Cavour per la certificazione ad operare con i nuovi F-35B.
//www.cybernaua.it/photoreportage/reportage.php?idnews=9115
Dopo la cerimonia del passaggio della bandiera di guerra tra Cavo Dragone e l’ammiraglio Credendino, (“A me la bandiera” simbolo del comando), anche il nuovo Capo di stato maggiore della Marina Militare
ha ringraziato il Presidente della Repubblica, il ministro della Difesa e il Capo di Stato Maggiore della Difesa per essere stato scelto.
Dopo aver sottolineato che l'avvicendamento è avvenuto simbolicamente nel Giorno dell'Unità nazionale e delle Forze Armate, ha rivolto i propri auguri per il nuovo incarico al suo predecessore, sulla cui rotta si è impegnato a mantenere saldo il timone della Marina: «Sono pienamente consapevole di raccogliere un'eredità pregiata, fatta, come dice la nostra preghiera, di petti di ferro, di impegno, di eccellenza e di grandissima dedizione verso il Paese».
Nel delineare le proprie linee programmatiche, l'ammiraglio Credendino ha indicato cinque priorità: diffusione della cultura marittima in un Paese che dipende dal mare in ogni aspetto sociale, economico e di sicurezza; attenzione alla pianta organica del personale e al suo benessere, compreso l'adeguamento delle strutture di lavoro; il rinnovamento dello strumento operativo e la lotta al Covid.
«Al centro del Mare Nostrum, l'Italia” – ha detto Credendino, citando anche la recente istituzione della ZEE (Zona Economica Esclusiva) da parte del Parlamento–“è un Paese a spiccata connotazione marittima, fortemente dipendente dal mare in ogni aspetto socioeconomico e di sicurezza. Il Mediterraneo, critico fianco sud della difesa dell'Unione europea e della NATO, è oggi al centro di preoccupanti competizioni e di interessi geopolitici ed economici dei paesi rivieraschi: intensificando la loro presenza militare in tutta la regione, attori statuali e non statuali mettono a rischio i nostri diritti per lo sfruttamento delle risorse marine e insidiano la fondamentale libertà dei traffici marittimi e della navigazione, che è nostro imperativo difendere e tutelare».
Sottolineando che l’area di immediato interesse nazionale è il “Mediterraneo allargato”: «… un continuum geostrategico e geoeconomico con il Mar Nero e l'Oceano Indiano e il Golfo Arabico. Tale area è scossa da faglie profonde, ingerenze di attori assertivi, traffici illeciti, disordini sociali e fenomeni di natura religiosa e climatica. La Marina dovrà quindi continuare ad assicurare una presenza aeronavale continua e adeguata per la sorveglianza dei bacini marittimi di interesse nazionale e la difesa delle linee di navigazione. Uno strumento importantissimo sarà offerto dalla “Direttiva ministeriale per la strategia di Difesa e sicurezza nel Mediterraneo", in corso di emanazione, che costituirà un primo e fondamentale passo verso il riconoscimento del ruolo dell'Italia come media potenza regionale marittima».
Al centro del cluster economico nazionale, la Marina Militare continuerà quindi, nel solco della propria tradizione plurisecolare di prontezza, flessibilità e capacità operativa, ha ancora detto Credendimo: ”… ad assicurare la salvaguardia della marittimità dell'Italia, assicurando la tutela degli interessi di tutti gli stakeholders. Strumento interforze per vocazione, la Marina continuerà ad assolvere i propri compiti istituzionali grazie al sacrificio, al coraggio e alla determinazione del suo personale, la sua più pregiata risorsa. Rendo merito al mio equipaggio – ha concluso il nuovo Capo di Stato Maggiore della Marina Militare – a cui assicuro che dedicherò tutto me stesso, con ogni mia energia, alla guida della forza armata».
A conclusione della cerimonia, il pubblico presente ha potuto apprezzare una dimostrazione di grande capacità, autocontrollo e destrezza di un plotone del 3° Reggimento S. Marco, che ha offerto un emozionante spettacolo di "Esercitazione silenziosa”, cosiddetta“Silent Drill”, con un esemplare maneggio delle armi appreso dalla tradizione della Marina Americana che sostanzialmente si rifà agli spettacoli delle cheerleaders, ma in chiave marziale.
Nota
Torinese, 58 anni, l'ammiraglio Credendino arriva al vertice della Marina Militare dal comando in Capo della Squadra Navale, il cuore pulsante della Marina, con le sue 91 navi, 6 sommergibili e 75 tra aerei ed elicotteri, che impiegano in totale circa 18mila militari, uomini e donne di tutte le età. In precedenza, aveva ricoperto il comando degli Istituti di formazione della Forza armata.
Dal 2015 al 2020 l'ammiraglio Credendino è stato il primo comandante della Forza navale dell'Unione Europea nel Mediterraneo, EUNAVFOR Med – Operazione Sophia, guadagnandosi l'apprezzamento unanime della Commissione europea e dei governi degli altri stati-membri per aver guidato con competenza, professionalità ed efficacia la prima operazione della politica comune di difesa e sicurezza dell'Unione Europea nel Mar Mediterraneo. Nel secondo semestre del 2012 aveva comandato per sei mesi la Forza navale dell'Unione europea nell'Oceano Indiano, EUNAVFOR “Atalanta".
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Termina la quarta edizione della “Vardirex”
Si prefigge lo scopo di ottimizzare il supporto dell'Esercito in attività emergenziali...
Conclusa l’esercitazione ‘’Mangusta2021’’
Circa 700 militari impegnati nell’attività addestrativa condotta dalla Brigata...
E’ emergenza antisemitismo in Europa: occorre fermare atti ostili contro gli ebrei
Da Cracovia l’appello a non dimenticare e far in modo che la tragedia dell’Olocausto...
‘’Lo Giuro’’ degli allievi della Nunziatella
Alla presenza del ministro della Difesa Lorenzo Guerini la cerimonia svolta a...
Settant’anni del NATO Defense College
Celebrato a Roma l’anniversario dell’unica istituzione di eccellenza accademica...
Onore ai caduti di Kindu
L’ Aeronautica Militare ha commemorato a Pisa il sessantennale dell’Eccidio...
Kazungula Bridge accorcia l’Africa
Unisce il Botswana allo Zambia e sotto il ponte si uniscono le acque del Chobe...
Premio Bonifacio VIII
La città di Anagni è stata per due giorni capitale del messaggio di pace tra...
Passaggio di testimone al vertice dello Stato Maggiore della Difesa
L’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone subentra al generale Enzo Vecciarelli alla...
Considerazioni del generale Giuseppe Morabito Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation
Carristi della Brigata “Ariete” in esercitazione multinazionale per la validazione dei livelli di prontezza di un reggimento di manovra statunitense
Gli operatori del Multinational CIMIC Group hanno condotto l’esercitazione in linea con gli standard della NATO
Il Comitato Bilaterale trae origine dall’accordo quadro ratificato dai due Paesi nel 2013
I Caschi blu italiani di UNIFIL hanno terminato il progetto di manutenzione e di illuminazione
Il 19 novembre scorso la giornata espositiva dedicata ai mezzi ed equipaggiamenti
Con velivoli F-35B di Marina e Aeronautica in piena sinergia interforze e interazione con gruppo portaerei britannico
Esercito e Associazione Nazionale Alpini si addestrano per la gestione delle pubbliche calamità