02:07 mercoledì 12.08.2020
Ambasciatore Pontecorvo visita il TAAC-WEST di Herat
E' giunto a Campo Arena accompagnato dal generale inglese Giles Hill, vice comandante della missione ''Resolute Support''
fotografie di: Resolute Support

10-08-2020 - Il NATO Senior Civilian Representative (SCR) per l’Afghanistan, ambasciatore Stefano Pontecorvo, a poche settimane dal suo insediamento a Kabul quale Alto Rappresentante civile dell’Alleanza atlantica, ha fatto visita nei giorni scorsi al Train Advise and Assist Command-West (TAAC-WEST) di Herat, il Comando internazionale a guida italiana della missione “Resolute Support”, la cui responsabilità è attualmente in fase di transizione tra il personale della 132^ Brigata corazzata “Ariete” e la Brigata alpina “Julia”.
Il diplomatico italiano, accompagnato nella circostanza dal generale inglese Giles Hill, vice comandante della missione “Resolute Support”, è giunto a Camp Arena per conoscere da vicino la realtà del contingente italiano e per svolgere alcuni incontri istituzionali organizzati con le autorità governative della regione di Herat e i rappresentanti delle organizzazioni internazionali operanti sul territorio.
Accolto dal generale di Brigata Enrico Barduani, comandante del TAAC-WEST, e dal generale di Brigata Alberto Vezzoli, che nei prossimi giorni lo avvicenderà nell’incarico, l’ambasciatore ha inizialmente ricevuto un aggiornamento sulla situazione complessiva e di sicurezza nella regione di Herat e ha quindi voluto conoscere le più importanti attività di addestramento, consulenza e assistenza che il Comando svolge in favore delle forze di sicurezza afgane, per le quali ha manifestato grande attenzione e interesse.
Nel corso della visita, Pontecorvo ha espresso a Barduani apprezzamento per l’impegno del contingente nel sostenere e rafforzare le istituzioni dell’Afghanistan, evidenziando come il qualificato ed efficace contributo alle operazioni fornito dai militari italiani, stia consentendo al paese di ben figurare nel contesto internazionale in cui la missione è condotta.
Nota
“Resolute Support” è composta da militari di 39 nazioni, con l’obiettivo di contribuire all’addestramento, all’assistenza e alla consulenza a favore delle Istituzioni e delle Forze di Sicurezza afghane al fine di renderle autosufficienti e in grado di garantire autonomamente la sicurezza del paese e dei propri cittadini.
Il contributo italiano, espresso con personale e mezzi di Esercito, Aeronautica, Marina e Carabinieri, ha consentito finora alla regione ovest dell’Afghanistan di raggiungere standard di sicurezza e sviluppo fra i più elevati nel Paese.
Redazione


Extrema Ratio Knives Division

Basco verde, orgoglio d'Italia
Il ministro della Difesa ha ringraziato per la giornata trascorsa in mezzo a...
Italian Joint Force Headquarters
Cessione del Comando, nello storico Aeroporto Francesco Baracca, in Roma, Centocelle...
Roma all’alba
Polizia di Stato ed Esercito, ancora insieme nell’operazione Strade sicure (Esclusiva...
Castelvolturno, Villa Literno, Casal Principe
Abbiamo seguito gli uomini e le donne della Folgore impegnati nell'affiancare...
Giornata indimenticabile a Bresso
Sabato, 20 settembre 2008, resterà  impressa nella memoria dei diversamente...
Reventòn, festa al Lingotto
Torino, tra un temporale e l'altro, ha festeggiato l'arrivo dal cielo dell'ultima...
Centro Alti studi Difesa
Cerimonia di chiusura anno accademico 2007 - 2008, nello storico Palazzo Salviati...
Parapendio ad alta quota
Se vi capita di passare dalle parti di Serre Chevalier, Francia, non perdetevi...
Milex 08
A Roma e Valencia dal 19 al 27 giugno l'esercitazione condotta dall'Unione Europea...
Guerini: riduzione del numero dei militari secondo l'annuncio del segretario alla Difesa americano Mark Esper
Intervento portato a termine in sinergia con squadre CNSAS sull’appennino bolognese
Controlli dei carabinieri, eseguite minuziose verifiche all’interno di sette locali
Haidar Ghorbani was arrested four years ago on charges of collaborating and assisting in the killing of several members of the Revolutionary Guards
I temi di cui hanno discusso telefonicamente il ministro della Difesa Guerini e il suo omologo greco Panagiotopoulos
Navi Etna e Durand de la Penne sono partite per le attività addestrative con i frequentatori degli istituti di formazione della Forza Armata
Donati strumenti di sartoria per corsi professionali dedicati a donne in situazione di precarietà
Nel ''decreto legge agosto'', pagamento straordinari e 315 assunzioni per Arsenale di Taranto