00:53 sabato 16.01.2021

Rassegne stampa

Home   >>  Rassegna stampa   >>  Articolo
E il ‘’fianco sud’’?
Il generale Mario Arpino, già capo di Stato maggiore della Difesa, fa il punto sul fatidico “fronte sud” per l’Alleanza Atlantica, per Formiche.net
17-12-2020 - La politica Nato è accessibile al pubblico nei comunicati dei summit dei capi di Stato e di Governo dell’Alleanza, ed in maggior dettaglio nei Concetti Operativi che vedono la luce mediamente ogni dieci anni. L’ultimo è di fine novembre 2010. Se volessimo trovare traccia del pensiero ufficiale verso il così detto “fianco Sud”, dovremmo fare riferimento a questi documenti. Tuttavia, essendo tuttora gli Stati Uniti i principali azionisti, l’atteggiamento del Presidente è da tenere in gran conto.
Cominciamo dal vertice di Chicago del 2012, due anni dopo Lisbona, dove lo stesso Obama era stato il principale ispiratore dell’ampliamento del ruolo politico dell’Alleanza.
Poche le decisioni di rilievo, ma la presenza di ben 60 capi di Stato e di Governo innalzato il prestigio di un Presidente in imminente campagna elettorale. Non una parola sul fianco Sud.
Sempre a questi fini, nessuna menzione neppure ai summit di Newport nel 2014, di Varsavia nel 2016 e di Buxelles nel 2017 e 2018. Solo sporadici gli accenni al Mediterraneo. Più vivace - per la posizione francese e la nuova assertività russa e cinese - il vertice di Londra del dicembre 2019, che aveva “sofferto” la poco condiscendente presenza di Donald Trump e dove si era deciso che era ormai tempo di cominciare a scrivere il nuovo Concetto. Il settimo in settant’anni. Anche qui, in ogni caso, nessuna novità specifica per la questione del fronte Sud.
Eppure, a suo tempo, per il Sud qualcosa la Nato aveva fatto. Nel 1995 veniva istituito il Dialogo Mediterraneo, con Egitto, Israele, Mauritania, Marocco, Tunisia, Giordania e infine, nel 2000, anche con l’Algeria. Nel Mediterraneo è presente la flotta Nato della missione Sea Guardian (con una nave e 285 militari italiani), subentrate alle precedente Active Endeavur.
Recentemente è stata attivata la Support Framework (un’iniziativa di supporto), richiesta esplicitamente da Algeria, Tunisia, Marocco, Mauritania, Emirati e Qatar, dove opera anche un piccolo nucleo di militari italiani. Il Comando Nato per il Sud (l’ex QG di Afsouth) nel frattempo, è stato rinnovato, ridislocato e potenziato
Ora, come ha disposto il Segretario Generale, c’è da riscrivere, o adeguare, o solamente ritoccare il Concetto in vigore, approvato nel 2010 a Lisbona e scritto sotto l’influenza dell’Obama-pensiero.
In 8 capitoli e 38 paragrafi tratta tutto lo scibile politico –militare, dai compiti e principi fino allo scenario in termini di sicurezza, dai concetti di deterrenza e difesa fino alla gestione delle crisi, dalla cooperazione alle partnership, dal “nucleare” alla non proliferazione, fino a chiudere con la riaffermazione dei principi universali già recepiti dalla carta dell’Onu.
Ma di specifico per in fronte Sud non vi é desolatamente nulla di sostanzioso.
Solo nell’aprile di quest’anno veniva dato ad un gruppo indipendente l’incarico per una ‘Riflessione’ preliminare su futuro prossimo della Nato. Per l’Italia ha partecipato la prof. Marta Dassù, direttore di Aspenia). Il lavoro, un saggio di una settantina di pagine dal titolo NATO 2030: United for a new era, porta la data del 25 novembre 2020 ed è stato presentato nel corso della ‘ministeriale’ del 3 dicembre.
Nel capitolo ‘Raccomandazioni’, prendendo in esame le minacce e le sfide emergenti, il rapporto salomonicamente dedica 2 pagine alla Russia, due alla Cina, due al terrorismo e, infine, due pagine al Sud.
Le azioni proposte sono quattro. La prima: necessità di una più coerente e chiara posizione verso il Sud, tenendo conto di terrorismo, Russia e Cina. Vanno assegnati compiti e responsabilità, come per i fianchi Nord ed Est. La seconda richiama la libertà di navigazione nel Mediterraneo, con rafforzamento dell’Hub for the South presso il Comando Interforze di Napoli (JFC). La terza, richiede per il Mediterraneo più coordinamento con la Ue, l’Unione Africana, la Lega Araba, il consiglio dei Paesi del Golfo (GCC) e l’Onu. La quarta riguarda l’istituzione di consultazioni a livello Nac (Consiglio Nato) con oggetto l’area Sud, nonché l’inclusione del Mediterraneo nei colloqui Nato-Russia.
Tutto condivisibile, ma “…non è stato facile”, confessa Marta Dassù a Formiche.net, “spingere il Gruppo ad occuparsi in modo esteso del problema Sud”. In effetti, dopo Crimea e Ucraina l’attenzione è rimasta bloccata sul fianco Nord-Est, come ai vecchi tempi. Jens Stoltenberg è nordico, ed è evidente come il suo feeling sia più orientato verso i Paesi baltici e quelli dell’Est. Nel messaggio augurale a Joe Biden, ha infatti ricordato che “…abbiamo di fronte una Russia più assertiva, il terrorismo, le minacce missilistiche e cibernetiche e lo spostamento del baricentro globale dovuto alla crescita della Cina…”. Rimbalzano, in questo messaggio, le parole più utilizzate da Biden e dal suo gabinetto obamiano: Russia, Cina e terrorismo. Il Fianco Sud resta, ancora una volta, un fastidioso innominato.
Inserirlo a chiare lettere nel nuovo Concetto? Sarà dura. Alternativa non auspicabile è che il problema sia recepito, ma pilatescamente delegato ai paesi rivieraschi.
Che si chiamano Turchia, Grecia, Italia, Francia e Spagna. Una sorta di Nato del Sud, un vespaio. Meglio lasciare le cose come stanno ed attendere tempi migliori.





Mario Arpino
 
  
  Rassegne stampa
13-01-2021 - La Difesa europea e il rapporto transatlantico sono al centro di un vivace dibattito, risultato dell’accelerazione della discussione politica verso...
10-01-2021 - Dopo aver ottenuto nuovamente l’accesso a Twitter, al termine della sospensione temporanea di 12 ore, Trump ha nuovamente violato le regole del social...
02-01-2021 - Intervista con il generale Mario Arpino, già capo di Stato maggiore della Difesa, sui rapporti con l’Egitto tra caso Regeni e interessi nazionali....
31-12-2020 - Vacanze forzate di Natale e Capodanno nel Regno Unito. Non é il titolo di un cinepanettone di Vanzina ma, al contrario, per molti Italiani lontani...
30-12-2020 - Backed by the US-led Coalition, the SDF Special Forces also confiscated ammunition in possession of the suspected ISIS fighter. ERBIL (Kurdistan...