19:18 domenica 16.01.2022

Rassegne stampa

Home   >>  Rassegna stampa   >>  Articolo
Il gioco degli armamenti
di Pasquale Preziosa presidente dell’Osservatorio sulla sicurezza di Eurispes per Formiche.net
04-01-2022 - _“La riduzione della profondità strategica territoriale viene percepita dalla Federazione Russa come un problema esistenziale. Nella competizione con l’occidente, per Mosca, le linee rosse includono l’espansione verso est della Nato e il dispiegamento di armi offensive nei Paesi confinanti
Per riguadagnare la deterrenza persa nel campo nucleare, i russi hanno messo a punto armamenti con tecnologia ipersonica il cui effetto è di rendere insufficiente il sistema antimissile americano. Mosca e Washington mantengono la deterrenza nucleare con parità di vettori e testate, ma per quanto riguarda i nuovi armamenti ipersonici è la Russia
a essere leader mondiale. Gli Stati Uniti, dal canto loro, metteranno a punto nel 2022 la nuova National defense strategy, basata sulla cosiddetta Integrating deterrence, per bilanciare le nuove capacità tecnologiche annunciate da Mosca. La corsa ai nuovi armamenti, in combinazione con le operazioni nella cosiddetta gray zone, è il gioco geopolitico russo per posizionarsi nel nuovo ordine mondiale
L’industria bellica russa non ha mai cessa- to la produzione di armamenti e le ragioni geopolitiche di questo vanno ricercate a partire dalle guerre di invasione subite dalla Russia, nel XVIII secolo per opera della Svezia, nel XIX per opera della Francia e nel XX secolo, per ben due volte, per mano tedesca. Nell’ultimo decennio si è registrato un profondo crollo della fiducia nei rapporti tra Stati Uniti e Russia, due potenze nucleari della prima ora, che ha minato le basi su cui sono stati costruiti gli sforzi per il disarmo che permisero di eliminare l’85% delle armi nucleari accumulate durante la Guerra fredda.
La riduzione della profondità strategica territoriale viene percepita dalla Federazione Russa come un problema esistenziale. Nella competizione con l’occidente, per Mosca,
le linee rosse includono l’espansione verso est della Nato e il dispiegamento di armi offensive nei Paesi confinanti. Su questi presupposti geopolitici si basa tutta la strategia russa di contrasto alle sfide attuali. La Federazione ha trovato negli armamenti, nella vendita delle risorse energetiche e nella Intelligence, anche cyber, i capisaldi sui quali operare per mantenere alta la sua rilevanza strategica. Nel campo degli armamenti, la Russia ha messo a punto aree ad alto rischio di penetrazione A2/AD (come quella di Kaliningrad) dotate di sofisticati sistemi di difesa missilistici (S-400 antiaereo, Bastion-P antinave, Iskander-M contro obiettivi terrestri), di guerra elettronica, di capacità di attacco cyber e counterspace con caratteristiche multi-domain, multi-functional e transregional, che hanno incenti- vato l’occidente a sviluppare tecnologie di quinta generazione per contrastarle.
Per riguadagnare il margine perso in termini di deterrenza nel campo nucleare, i russi hanno messo a punto armamenti con tecnologia ipersonica (Avangard-Hgv) il cui effetto è di rendere insufficiente il sistema antimissile americano. Mosca e Washington mantengono la deterrenza nucleare con parità di vettori e testate nucleari, ma per quanto riguarda i nuovi armamenti ipersonici è la Russia a essere leader mondiale. Questo nuovo tipo di armi conferisce agli Stati sia potere deterrente sia potere coercitivo e il presidente Putin, infatti, preme sull’acceleratore sostenendo che doterà il proprio naviglio di missili ipersonici (Hcm). Gli Stati Uniti, dal canto loro, metteranno a punto nel 2022 la nuova National defense strategy, basata sulla cosiddetta integrating deterrence, per bilanciare le nuove capacità tecnologiche annunciate da Mosca. Nel campo satellitre, il recente abbattimento di un satellite in orbita Cosmos-1408 da parte di un missile, ha qualificato la Russia come il quarto Paese a detenere capacità DaAsat. Gli esperimenti di ombreggiamento dei satelliti statunitensi effettuati da parte di satelliti russi e l’uso di armi a energia diretta testimoniano che la warfare in space, anche chiamata invisible war, è già in atto tra le grandi potenze. La più grande minaccia che gli Usa stanno fronteggiando è basata sugli attacchi (cyber) ai sistemi satellitari.
In conclusione, è noto che gli Usa non considerano la Russia un “peer competitor”, ma ciò non significa che la Federazione non sia vista come un attore importante per la ricerca di un nuovo ordine internazionale in grado di garantire la pace. Dal canto suo, la Russia nella lotta per il nuovo ordine mondiale è alla ricerca di un nuovo paradigma su cui basare la propria sicurezza nazionale, per cercare di riguadagnare i “privilegi di essere considerata una grande potenza”. La corsa ai nuovi armamenti, in combinazione con le operazioni nella cosiddetta gray zone è il gioco geopolitico russo del momento per potersi posizionare nel nuovo ordine mondiale.




Pasquale Preziosa
 
  
  Rassegne stampa
16-01-2022 - Chissà se la Corte dei conti si interesserà al fatto che il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri e la sua giunta defenestrano generali dell'Esercito,...
12-01-2022 - Modular construction attracted mainstream media attention during the pandemic — especially the modular hospital assembled in Wuhan, China in a matter...
10-01-2022 - ERBIL, Kurdistan Region - Germany's newly-appointed Minister of Defense in the government of Chancellor Olaf Scholz,  Christine Lambrecht is scheduled...
10-01-2022 - ERBIL, Kurdistan Region - The bodies of several Kurds who tragically drowned in Greek waters while attempting to cross into western Europe last month...
10-01-2022 - ERBIL, Kurdistan Region - Iraq has been taken off the European Union’s list of countries at high risk of money laundering and financing terrorism,...