19:21 domenica 18.08.2019

Storie dimenticate

Home   >>  Rubriche - Storie dimenticate   >>  Articolo
L'affare Moro
Ne parla Antonino Arconte, nome in codice G71... in Storie dimenticate, ma che ricordiamo perfettamente

31-03-2014 - Tratto da www.g71.altervista.org
Cosa posso dire sulle ultimissime rivelazioni sulla strage di Via Fani e l'affaire Moro? «Non fatevi troppe illusioni. Tra qualche mese sarà tutto archiviato e dimenticato...».
Lo dico come Antonino Arconte, nome in codice G.71 VO 155 M, autore di tre libri e prima di una denuncia pubblica alla Commissione Europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo.
In questo momento, pubblicato da Mursia, c'è "L'Ultima Missione di G-71" a riassumere il tradimento di cui siamo tutti vittime, chi ne è consapevole e chi non lo è ancora. Sono le memorie documentate di un ex agente del Nucleo G Reparti Speciali di contro Spionaggio del SID, anche detti in codice "Gladio".
Arruolato volontario nella SAS di Viterbo, a sedici anni, nel maggio 1970 e, dopo essere stato selezionato e promosso tre volte, trasferito, con i fogli matricolari 1° e 2° in originale, nei reparti speciali Stay Behind dell’Organizzazione Gladio, sotto la copertura di macchinista navale della Marina Mercantile “per Ordine di Autorità” del Ministero della Difesa. Sono stato il primo a svelare le “verità negate” sui misteri del nostro Paese, dopo che avevano cercato di eliminarmi per farmi tacere per sempre. «Ho iniziato 23 anni fa, denunciando il tutto alla Commissione Europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ben identificati personaggi e lo Stato italiano per Alto tradimento. Era il 1991 e ne ho pagato tutte le conseguenze, nel totale disinteresse del popolo italiano che se n’è altamente fregato di quello che accadeva tra suicidi e incidenti ai testimoni del Golpe del 1978. Ho pubblicato The Real History of Gladio nel 1996 su internet, ancora oggi su www.g71.altervista.org , poi il libro "l’Ultima Missione" e l’intero "archivio superstite dell’organizzazione Gladio", pubblicati in USA nel 2001, "Bengasi e dintorni" nel 2010 e pochi mesi fa, a novembre 2013, "L’Ultima Missione di G-71" a cura della Mursia editore». Per questo oggi affermo che «non mi tangono più di tanto» le rivelazioni dell’ex ispettore di polizia Enrico Rossi sul rapimento dell’ex presidente della Dc, l’onorevole Aldo Moro, secondo cui a “proteggere l’azione delle Br” quel giorno in via Fani “c’erano due uomini dei servizi segreti”.
Io, il caso Moro e i tradimenti che l'hanno caratterizzato, li avevo già rivelati. Un vero e proprio Golpe, denunciato e documentato nel Capitolo III - I Golpe all'Italiana e nel XVI - Il Golpe italiano del libro L'Ultima Missione. Un libro scritto sotto il fuoco di fila delle istituzioni deviate che hanno scatenato su di me una vera e propria guerra fatta di calunni, simulazioni di reati e campagne diffamatorie dei media agli ordini dei poteri che hanno partecipato al Golpe e nel silenzio totale e assordante del popolo italiano. Ed erano - e sono ancora oggi per chi vuole davvero la verità - parole pesanti come macigni: i Servizi Segreti italiani, rimasti fedeli alla Repubblica, attivarono contatti con i palestinesi a Beirut per la liberazione di Moro... quattordici giorni prima del suo rapimento. Sì, avete letto bene: due settimane prima dell’agguato di via Fani. E il canale di collegamento fui proprio io, l’agente G-71. «Partii dal porto della Spezia il 6 marzo 1978, a bordo del mercantile Jumbo Emme. Dovevo consegnare un plico a un nostro uomo a Beirut. Non era mio compito impicciarmi, ma vidi che c’era scritto di cercare contatti con i gruppi terroristici mediorientali affinché si attivassero presso le Br, allo scopo di ottenere la liberazione di Moro». Consegnai la busta contente il documento “a distruzione immediata”, datato 2 marzo 1978 nella mani dell'agente G-219, alias capitano (all'epoca) Mario Ferraro, ma il destinatario finale era G-216. «Ricordo che prese nota e si allontanò: solo qualche giorno dopo, lasciata Beiruth, durante la navigazione verso Alessandria d’Egitto, seppi dell’agguato di via Fani». Il capo della stazione Sismi a Beirut, in codice G-216 era il colonnello Stefano Giovannone, uomo di fiducia di Moro. «Chi dava gli ordini al comandante di Gladio, in codice Ulisse, era Aldo Moro, ed è stato ammazzato, ma pochi mesi prima di farlo hanno destituito il nostro generale Vito Miceli. Solo una coincidenza? E a noi, una volta entrati in possesso dei nostri codici, proprio in quel periodo, ci mandavano in giro in missioni senza senso, solo per farci ammazzare, per eliminarci.
Hanno detto che le Brigate Rosse sono state manovrate dalla Cia che non voleva il compromesso storico, tutte cazzate. Aldo Moro si era già messo d’accordo con Enrico Berlinguer, brava persona, che ho votato più volte perché era più liberale degli altri. Ora, è risaputo che il giorno del rapimento, Moro avrebbe annunciato in Parlamento il nuovo governo con l’appoggio dei comunisti, ma a sua volta Berlinguer avrebbe dovuto annunciare lo strappo dall’Unione Sovietica e dal Comintern l'Internazionale Comunista controllata dal Cremlino. Questi erano gli accordi che noi sapevamo e che conoscevano anche gli americani. Altro che infiltrate dalla Cia. Le Brigate Rosse erano composte sì da studenti esaltati che sinceramente credevano nella rivoluzione attraverso la lotta armata, ma nella loro struttura composta di cellule a immagine del modello sovietico, ecco, in ognuna di queste cellule c’era un referente direttamente in contatto con il Kgb, all’insaputa degli altri. Noi questo lo sapevamo. Da Mosca hanno voluto interrompere l’accordo Moro-Berlinguer».
«Nell’aprile 1978, saputo che un’informativa di Gladio, proveniente da nostri agenti in Cecoslovacchia, indicava che nella Gradoli Strasse, si trovava Mario Burghe (l’Ing. Mario Borghi, alias Moretti, il Br assassino di Moro), il Ministro degli Interni, Francesco Cossiga, si attivava affermando a giornali e televisioni che aveva mandato le forze speciali a Gradoli, paese dell’Appennino a 30 chilometri da Roma, per metterlo “a ferro e fuoco”. Tutti i giornali e le tv, anche la Rai, mandarono in onda immagini e foto di repertorio che mostravano agli italiani i reparti speciali che scendevano da camion ed elicotteri sfondando ovili e facendo posti di blocco a Gradoli. Era tutto falso! La gente di Gradoli, che si affacciava alle finestre in cerca delle forze dell’ordine che vedevano in Tv e sui giornali, non vedeva niente e nessuno, telefonavano perciò alle redazioni per chiedere dove fossero, informandoli che in realtà nel loro paese non si era visto nessuno, ma nessuno smentì o rettificò le notizie false che venivano diffuse per ordine dei golpisti. Appurato questo, in una nazione appena normalmente democratica, sarebbe scoppiato uno scandalo e il Ministro degli Interni che aveva diffuso le false informazioni sarebbe stato costretto alle dimissioni e la sua carriera politica finita; i direttori dei giornali e delle televisioni che si erano resi complici di questo grave depistaggio e favoreggiamento di Alto tradimento e di sequestro di persona, strage e assassinio, sarebbero stati dimessi e inquisiti dalla magistratura. Nessuno ha dato al pubblico la notizia vera, cioè che tutti stavano fingendo di cercare il rapito, ma nessuno voleva trovarlo davvero. Sicuramente non chi dal Governo dava gli ordini e fingeva di organizzare ricerche. In realtà, tutto quel baccano mediatico, alla luce dei semplici fatti, aveva un obiettivo ben preciso: avvertire i Brigatisti che si trovavano in Via Gradoli 96, a Roma, che erano stati scoperti. Ottennero il loro scopo, giacché, quando poi il covo fu trovato e perquisito a causa di una perdita d’acqua che lo allagò costringendo una vicina a chiamare i pompieri, fu evidente agli inquirenti che era stato abbandonato in tutta fretta dai suoi occupanti e, uno di loro, risultava essere identificato falsamente al nome di Ing. Mario Borghi (Moretti). Tutta la vicenda del caso Moro è caratterizzata da azioni di questo genere. Lo stesso Moro, con le sue lettere dal carcere mostra di averlo capito ed è facile immaginare il suo dolore e senso d'impotenza, nello scoprire che tutti lo volevano morto». Questa dei due motociclisti non è sicuramente la meno grave tra le verità che avrebbero dovuto rendere evidente che Moro fu vittima di una congiura. Una venne "demagnetizzata" (termine tecnico d'intelligence che intende "privare di valore") dai RUD, Reparti Unità Difesa istituiti da Francesco Cossiga per "gestire" il sequestro Moro, in piena collaborazione con il Brigatista Moretti e un rigattiere comunista, di quelli fedeli al senatore Pietro Secchia e all'URSS: La scientifica che svolgeva le indagini scoprì che la macchina di stampa AB Dyk 360 della Olivetti, usata da Moretti per stampare i volantini con i verbali degli interrogatori di Moro, era la stessa macchina utilizzata fino a poco prima dai RUD del Ministero della Difesa, VII Divisione. La stessa, non una simile, proprio la stessa macchina: aveva gli stessi difetti di battitura. Una prova della congiura e anche sull'identità dei congiurati ma … Moretti, interrogato dai magistrati, disse che lui l'aveva acquistata da un rigattiere; i RUD dissero di averla venduta a un rigattiere; un rigattiere disse di averla acquistata a un asta e di averla venduta a uno sconosciuto! Una perfetta sincronia tra Ministero degli Interni, Brigatisti e rigattieri, non vi pare? Grazie ai media ormai controllati dai traditori della Patria, gli italiani ignorano anche che quello che poi divenne Primo Ministro (e indicò la pista neofascista della strage di Bologna, quando tutti i servizi segreti occidentali sapevano che fu Gheddafi a ordinarla, per vendicarsi dello smacco subito a Malta! Così come descrivo e documento nel Capitolo XXII - l'Affaire Maltese), e perfino Presidente della Repubblica, fu dichiarato persona non grata alla Francia che attraverso indagini dei suoi servizi segreti, non deviati ne controllati dalla rete del KGB e poteri corrotti, aveva preso atto della sua "vicinanza" con la rete terroristica dell'ETA Basca e dell'IRA Irlandese. In Italia nessuno poteva indagare su altre e più pericolose "vicinanze". Il controllo esercitato dalla rete del KGB sulle istituzioni era davvero ferreo e comprendeva anche i media, sui quali poteva essere diffusa qualsiasi menzogna e rimbalzarla fino a farla credere verità.
Io, Antonino Arconte, alias G-71, invito tutti a conoscere la vera storia d'Italia e prendere atto di tutto questo con i suoi libri e soprattutto l'ultimo, edito da Mursia, che aggiorna la storia ai giorni attuali. Sul blog www.g-71.blogspot.com potete anche prendere visione di alcuni documenti d'epoca, inconfutabili, che dimostrano la verità di ciò che racconto da 23 anni.
State tutti vivendo, che vi piaccia o no, i frutti velenosi del Golpe italiano, quello perfettamente riuscito e di cui non si può parlare!
Ulisse
www.g71.altervista.org



Redazione
 
  
  Storie dimenticate
16-06-2018 - Era il 30 settembre del 2000, quando i vertici dell’Agip si riunirono in una convention a Ravenna, per festeggiare i cinquant’anni del distretto...
21-04-2018 - Ho avuto la fortuna di entrare in possesso di un breve scritto realizzato dal generale pilota Giuseppe Pesce, entrato in Aeronautica nel 1939 con il...
06-09-2011 - Ricordato a Gorizia l'80° anniversario della costituzione del 4° Stormo Caccia Terrestre, un anniversario che non poteva essere ignorato dall'Associazione...
13-01-2011 - E' una domanda che ci siam posti, negli ultimi tempi, sollecitata dai fatti di guerra che accadono in Afghanistan, dove i nostri soldati operano per...
18-10-2010 - Una breve visita nel nord della Scozia ci ha consentito di scoprire un pezzo di storia legato alla Seconda Guerra Mondiale, poco conosciuto in Italia. Le...
04-10-2010 - L'eroe che il 23 settembre del 1910 compì questa impresa era Geo (George) Chavez di famiglia peruviana ma nato a Parigi nel 1887. Con un Bleriot 11...