20:35 domenica 18.02.2018

Manifestazioni ed Eventi

Home   >>  Rubriche - Manifestazioni ed Eventi   >>  Articolo
''Perdonanza celestiana'' nella città che vuole rinascere
La cerimonia tradizionale de L'Aquila, alla sua 723a edizione, ha visto la partecipazione del sottosegretario alla difesa

29-08-2017 - A L'Aquila, il 28 agosto scorso, alla presenza del sottosegretario di Stato alla Difesa Domenico Rossi,si è svolta la 723esima edizione della “Perdonanza Celestiana”.
"Una cerimonia di grande valenza religiosa, e di grande significatività sociale perché vuole mantenere inalterato nel tempo e trasmettere alle nuove generazioni un messaggio universale di speranza, solidarietà e coraggio, valori di cui questa città è testimonianza e simbolo", ha detto Rossi.
Pace, solidarietà e riconciliazione, sono infatti concetti cardine della Bolla del Perdono che da oltre settecento anni è un invito simbolico alla pace tra tutti i popoli.
Rossi ha poi ricordato i giorni del terremoto, "a quel drammatico evento voglio fare oggi riferimento per rinnovare la commossa vicinanza, mia personale, e di tutti gli italiani ai familiari delle vittime e per rendere omaggio a una città e ad una comunità che pur tra mille difficoltà, ha saputo rialzarsi e intraprendere con coraggio e determinazione il difficile cammino della ricostruzione", ricordando anche "la presenza dei militari che insieme alle altre componenti dello Stato, erano lì, con la loro forza, la loro generosità, la loro umanità, per soccorrere, per rassicurare, per riportare la normalità dopo un evento così tragicamente eccezionale."
Nota
Il nome Perdonanza deriva proprio dalla Bolla del Perdono, custodita nella cappella blindata della Torre civica del Palazzo Comunale fino al terremoto del 2009. La cerimonia del Perdono ha avuto la sua continuità anche dopo il terremoto del 2009 che ha raso al suolo il centro storico dell’Aquila e dei suoi borghi, sventrato palazzi e beni architettonici di pregio, provocato la morte di 309 persone, stravolto la vita sociale, economica e amministrativa di una intera collettività. La Basilica di Collemaggio, sventrata dal sisma e sorretta da impalcature di metallo per scongiurarne ulteriori crolli, è stata il simbolo nel dopo sisma di una città e della sua voglia di vivere. Il rito dell’apertura della Porta Santa si è ripetuto nel 2009 come i sette secoli precedenti seppur con le obbligate limitazioni dovute per motivi di sicurezza.


Redazione
 
  
  Manifestazioni ed Eventi
16-02-2018 - C’è il drone per trasportare sangue tra ospedali, il drone a forma di uccello per la prevenzione degli incendi e anche il drone-aliante lanciato...
16-02-2018 - Si è conclusa l’11 febbraio, dopo circa una settimana, l’esercitazione “FIREX 1-18” condotta dal personale del 1° Reggimento San Marco della...
15-02-2018 - Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, ha presentato il libro: “Cefalonia: il processo, la storia, i documenti” di Marco...
11-02-2018 - A Faedis, piccolo comune della provincia di Udine, è stato commemorato il 73esimo anniversario dell’eccidio di partigiani della Brigata Osoppo con...
05-02-2018 - Omeganews, periodico on line di proprietà dell’Associazione culturale no-profit OMeGA (Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia) ha...
05-02-2018 - Nell'ambito delle attività d'istruzione della Scuola Militare della Teuliè, dal giorno 29 gennaio sino al 4 febbraio, gli Allievi del primo anno del...