00:24 mercoledì 24.07.2019

Manifestazioni ed Eventi

Home   >>  Rubriche - Manifestazioni ed Eventi   >>  Articolo


foto di: comando truppe alpine
Truppe Alpine e ANA eccellenze a disposizione del Paese
Con la ministra Trenta, la 92a Adunata Nazionale degli Alpini, dedicata al Centenario di fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini, a Milano

13-05-2019 - A Milano, domenica 12 maggio scorso, non meno di 90.000 gli alpini che hanno sfilato a Milano, (con stime nell’immediatezza della festa) alcune centinaia di migliaia le persone affluite per l’occasione nel capoluogo lombardo. Tanti, tantissimi, 120.000 quelli che hanno visitato la cittadella degli alpini dove, nel parco del Sempione, hanno fatto mostra di sé gli assetti dell’Esercito e della protezione civile dell’ANA.
Per la prima volta in mostra assieme, le specialità dual use delle Truppe Alpine e dell’ANA hanno mostrato ai visitatori i loro mezzi, i loro materiali e raccontato le loro tante storie di servizio.
Aperta al pubblico dal venerdì, con un prologo per le scuole il giovedì, nell’area del parco Sempione domenica la ministra della Difesa Elisabetta Trenta ha incontrato i ‘’suoi uomini’’, per vedere assieme ai cittadini le professionalità della Difesa.
Al taglio del nastro il generale Claudio Berto comandante delle Truppe Alpine e Sebastiano Favero presidente dell’ANA che, nel rivolgersi alle persone presenti hanno sottolineato la capacità di operare in sinergia, due facce della stessa medaglia, anche nell’affrontare le emergenze piccole e grandi.
Spesso sul campo assieme (come nell’emergenza neve nel 2017 o a Rigopiano) l’Esercito e l’ANA stanno sviluppando le squadre di soccorso integrato dove lavorano assieme alpini in armi e alpini in congedo.
Un assetto a cui guarda con interesse il dipartimento di Protezione civile alla prima esercitazione sul terreno effettuata l’anno passato, presente all’Adunata con il capo dipartimento Borrelli.
Questa è la prima Cittadella davvero completa –ha sottolineato Sebastiano Favero, perché contiene l’intero spirito alpino, senza distinzione tra Alpini in armi e in congedo”.
Da sempre cuore delle Adunate, la Cittadella degli Alpini realizzata per la prima volta in maniera congiunta tra Truppe Alpine e Protezione Civile Ana è particolare motivo di orgoglio, perché, come ga detto Favero: “dimostra l’appartenenza agli stessi valori di due componenti fondamentali per il Paese e il governo deve prenderne atto. Gli Alpini, in armi e non più, fanno e fanno sempre”.
Sulla stessa linea l’intervento di Berto: “Non guardate solo alla tecnologia, ai mezzi di ferro: parlate con il personale e scoprirete storie di grande umanità. Perché quello che vedete qui non è solo il nostro equipaggiamento, ma il nostro modo di essere, che non cambia tra Alpini con la divisa e senza”.  
Non ha fatto distinzioni nemmeno Anna Scavuzzo, vicesindaco di Milano: “Saluto tutti gli Alpini. Questa Adunata è per noi l’occasione di condividere con voi i vostri momenti di orgoglio, di riscoperta dei valori e di amor di patria di cui tanto c’è bisogno”. Per l’assessore regionale alla sicurezza De Corato: “Le Penne Nere rappresentano il passato che non tramonta mai; il pensiero va a chi ha donato la propria vita per la patria, ieri sulle montagne, oggi nelle missioni”.
Ma oltre alla Cittadella, il coinvolgimento delle Truppe Alpine dell’Esercito all’Adunata di Milano ha visto la bandiera di Guerra e tre compagnie del 5° reggimento alpini di Vipiteno nato nel capoluogo lombardo nel 1882.
Domenica, accanto alle migliaia di alpini in armi e in congedo a sfilare, anche i vertici della Difesa oltre a Trenta anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa generale Enzo Vecciarelli e il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale Salvatore Farina.
Nel commentare con orgoglio l’Adunata, Berto "Sono soldati al quadrato gli alpini, soldati che, forgiati nel corpo, nell'esperienza, ma soprattutto nello spirito dalle difficoltà, sono in grado di operare in montagna uno degli ambienti più duri e selettivi. L'esperienza e l'addestramento che la montagna ci permette fa, di ogni alpino, un soldato eccezionale per capacità e spirito di sacrificio, pronto a fare il proprio dovere dalle sabbie dell'Afghanistan al fango delle alluvioni“.



Maria Clara Mussa
 
  
  Manifestazioni ed Eventi
22-07-2019 - In occasione della 30° Summer Universiade, tenutosi nella regione Campania, il Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali (COFS), in...
20-07-2019 - Dalle stelle nell'universo ai batteri, dall’archeologia ai calcoli informatici, dalle formule chimiche che si impongono alla nostra vita quotidiana...
17-07-2019 - L'11 luglio scorso, il Commissario Generale per le Onoranze ai Caduti, generale Alessandro Veltri, ha ricevuto il presidente uscente dell'Associazione...
06-07-2019 - Il 3 luglio scorso, firmata la nuova convenzione tra il Comando Logistico dell'Esercito e l'Università degli Studi di Roma “Sapienza”: il Policlinico...
06-07-2019 - E' stato presentato il programma della ormai tradizionale esercitazione che si organizza a luglio di ogni anno, a cui partecipano militari di otto nazioni,...
03-07-2019 - Il generale di Corpo d’Armata Amedeo Sperotto, comandante delle Forze Operative Nord, ha presieduto nella caserma “Predieri” la cerimonia con...