14:33 venerdì 15.11.2019

L'intervista con...

Home   >>  Rubriche - L'intervista con...   >>  Articolo
De Giorgi sull'accordo di Malta
L'ammiraglio dice: bene accordo, ma ora serve rilanciare controllo delle coste italiane

29-09-2019 - “Con gli accordi di Malta si apre uno spiraglio importante per superare i vincoli del trattato di Dublino che prevede che sia il Paese di primo ingresso a gestire in via permanente gli immigrati arrivati via mare o via terra attraverso le frontiere di nord est. Un aspetto che merita particolare attenzione è che l’apertura alla ridistribuzione fra gli Stati che aderiscono all’iniziativa di Malta riguarda solo chi arriva tramite Navi che effettuano soccorsi in mare, ovvero Navi Militari, Mercantili, Navi Ong, e non coloro che vengono sbarcati clandestinamente direttamente sulle nostre coste, eludendo la sorveglianza delle unità di Frontex"”, lo sottolinea in una nota l’ammiraglio Giuseppe De Giorgi, ex capo di stato maggiore della Marina Militare.
La grande maggioranza dei migranti clandestini via mare, spiega De Giorgi: “entra in Italia direttamente dalle nostre coste e non tramite le navi delle Ong o della Marina, Capitaneria eccetera. Se non si riprende il controllo delle coste, la platea a cui attingere per ridistribuire i migranti fra le varie nazioni sarà rappresentata da una quota molto ridotta. Se prima di Malta gli “sbarchi fantasma” sono stati considerati un male minore dai Governi, che preferivano enfatizzare la riduzione degli arrivi delle Navi di Soccorso, Ong in primis, rispetto al totale degli ingressi illegali, ora la situazione e la stessa narrazione del tema contrasto all’immigrazione clandestina dovrà necessariamente cambiare, se si vuole ridistribuire in Europa un maggior numero di migranti clandestini”.
Per De Giorgi occorre in primo luogorivedere il sistema di sorveglianza in mare per evitare gli sbarchi incontrollati direttamente sulle coste, schierando nuovamente le Navi della Marina Militare sulle rotte di transito dei barchini, rotte dalla Tunisia, dalla Libia e dall’Egeo, e stringendo le maglie del dispositivo di controllo costiero di Frontex nelle acque territoriali e contigue italiane. Si dovrà tornare quindi a uno schieramento simile a quello adottato per Mare Nostrum, anche se con un profilo mediatico molto più basso. Al di là delle clausole per la ridistribuzione decise a Malta, prevenire lo sbarco diretto e incontrollato di stranieri sulle nostre coste risponde comunque a ovvie esigenze di sicurezza in termini di contrasto alla criminalità e di filtro sanitario, anche se è necessario mettere in conto che immagini di navi militari, in aggiunta a quelle delle ONG, che sbarcano migranti o ne accompagnano l’approdo su barchini nei nostri porti potrebbero essere vissute con difficoltà da una parte dello schieramento di Governo che aveva condiviso la narrazione dei porti chiusi, chiudendo un occhio sugli arrivi fantasma”.
Intercettare i barchini prima che arrivino in Italia è necessario e conveniente, per le ragioni di cui sopra ed è tecnicamente fattibile come ha dimostrato l’esperienza di Mare Nostrum, che pose fine all’infiltrazione diretta senza controlli, ma richiede un cambio radicale della narrazione sul controllo dei flussi migratori in generale”, conclude l’ex capo di stato maggiore della Marina.
Lo comunica in una nota l’ufficio stampa dell’ammiraglio Giuseppe de Giorgi.





Redazione
 
  
  L'intervista con...
11-10-2019 - Sono giornate di preoccupazione per la sorte dei Curdi siriani, che stanno subendo attacchi da parte delle forze turche. I media riportano, aggiornando...
07-09-2019 - In questa fase di cambiamenti nei vari ministeri, con la nascita del governo ‘’Conte bis’’, la nostra attenzione è rivolta in modo particolare...
06-09-2019 - Continuiamo a pubblicare i pareri di autorevoli personaggi che hanno impegnato la propria vita nella professione militare, a cui abbiano posto domande...
06-09-2019 - Nel corso di una conversazione con il generale Pasquale Preziosa, abbiamo parlato dell’attuale situazione del settore della Difesa, confrontando le...
06-09-2019 - Hanno giurato i ministri del nuovo governo, il “Conte-bis”. In attesa dei risultati del voto di fiducia da parte delle Camere, (dapprima quella...
27-07-2019 - Abbiamo incontrato il generale pilota Mario Arpino, già Capo di Stato Maggiore della Difesa dal 1999 al 2001. Una lunga storia di impegni di grande...