10:26 venerdì 23.10.2020

L'intervista con...

Home   >>  Rubriche - L'intervista con...   >>  Articolo
Il sindacato dei militari
Intervista con Mario Arpino già capo dell’Aeronautica dal 1995 al 1999 e poi della Difesa, sino al 2001

28-05-2020 - E’ di queste ore l’approvazione del progetto di legge che riconosce ai militari il diritto di costituire associazioni professionali a carattere sindacale. Sull’argomento che riguarda tutto il mondo militare, abbiamo voluto chiedere cosa ne pensi il generale Mario Arpino, già capo dell’Aeronautica dal 1995 al 1999 e poi della Difesa, sino al 200. al quale abbiamo posto alcune domande.
Comandante, sappiamo che è impegnato, ma qualche battuta sui Sindacati militari ce la può fare? Lei è d’accordo?
Certamente! A Cybernaua, sempre cosi attenta e dedicata, non si deve mai negare nulla. Se sono d’accordo? Devo dire che sono perplesso e anche molto. La rappresentanza militare stabilita dalla legge 382/1978 non era sufficiente? E nemmeno l’istituzione dello straordinario, come agli altri lavoratori? Ma se la Corte Costituzionale un paio d’anni fa ha deciso così, non resta che regolarizzare quanto prima ciò di cui – a mio avviso inopinatamente - il predecessore del ministro Guerini aveva incoraggiato la formazione e l’attività in anticipo rispetto alla legge. Questa, come recita la sentenza della Corte, ne deve fissare “condizioni e limiti”. Non ho ancora letto il testo dei 19 articoli approvati in Commissione, ma mi sembra che anche a questo strano anticipo ora si sia voluto porre rimedio ex post, evitando di prevedere l’assenso ministeriale per la costituzione di queste “associazioni professionali”.
Ci può spiegare la sua perplessità?
Si, lo spiego, ma temo che molti, ormai, prendano ciò che dirò come un ridicolo pregiudizio di persona d’altra epoca, nata prima della guerra. La Costituzione stabilisce l’uguaglianza di tutti i cittadini; quindi uguali diritti e uguali doveri e questo non può che starmi bene. Soprattutto in un momento in cui la formula “uno vale uno” è una delle più gettonate. Però, rifletto, c‘è una categoria di cittadini alla quale si chiede qualcosa di più e di diverso. Nella formula del nostro giuramento mi si chiede di “adempiere con disciplina ed onore a tutti i doveri del mio stato, per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni”. Ecco, si tratta di due attività per svolgere le quali capita, e non di rado, di perdere la vita o di rimanere permanentemente minorati anche in tempo di pace. In genere, non lo lasciamo trasparire, ma questo nel nostro intimo ci fa sentire orgogliosi e forse anche un po’ superiori. No, decisamente non ci meritiamo un sindacato come tutti gli altri. C’è qualcosa di stonato. Sentir parlare di distacchi, permessi sindacali, aspettativa ai fini di svolgere attività sindacale non è, a mio avviso cosa buona e dignitosa per un vero Soldato. Ma ciò che pensano quelli della mia età, ripeto, ormai non può fare testo. Lo capisco, ma è cosa che dispiace molto”.
Ma, allora, secondo lei, dopo l’approvazione definitiva il bicchiere sarà mezzo pieno o mezzo vuoto?
Sarà certamente mezzo pieno per coloro che ritengono la professione militare un lavoro come un altro. Certamente lo sarà per i promotori, che ormai si riferiscono ai militari come “lavoratori con le stellette”. Per i buoni sodati, quelli che ritengono che il migliore sindacalista debba essere il loro Comandante, il bicchiere sarà mezzo vuoto. Sarà per sempre del tutto vuoto, perché privo di gusto, di aroma, di nobiltà e di profumo, per tutti quelli della mia generazione”.



Maria Clara Mussa
 
  
  L'intervista con...
03-10-2020 - Il nuovo M-346 Fighter Attack, che ha avuto il suo ‘’Battesimo del volo’’ lo scorso 13 luglio, effettuando con successo il suo primo...
29-08-2020 - Abbiamo avuto un interessante conversazione con il generale Mario Arpino, (già capo dell’Aeronautica dal 1995 al 1999 e poi della Difesa, sino al...
07-08-2020 - La tragedia che ha colpito il Libano, con oltre 100 morti, tra cui anche una Italiana, 4.000 feriti, centinaia di dispersi e quasi 300mila persone...
21-07-2020 - Il disegno di legge ‘’Corda’’, n. 875 firmato dalla deputata del M5Stelle Emanuela Corda sull’associazionismo sindacale tra i militari, sembra...
13-07-2020 - Il disegno di legge ‘’Corda’’ n. 875, firmato dalla deputata del M5S Emanuela Corda sull’associazionismo sindacale tra i militari, sembra...
06-05-2020 - Si sta riaprendo il dibattito e ancora una volta ci si interroga su cos'è la NATO, le sue origini e le sue finalità in materia di prevenzione e sicurezza...