13:11 sabato 26.09.2020

L'intervista con...

Home   >>  Rubriche - L'intervista con...   >>  Articolo
Mediterraneo orientale, quale ruolo per l'Italia
Colloquio con il generale Mario Arpino, già Capo di Stato maggiore della Difesa, sulla disputa tra Turchia e Grecia

29-08-2020 - Abbiamo avuto un interessante conversazione con il generale Mario Arpino, (già capo dell’Aeronautica dal 1995 al 1999 e poi della Difesa, sino al 2000) sulle attualità, concernenti la disputa tra Grecia e Turchia, relative ai confini marittimi e sui diritti di perforazione del gas.
Nuove esercitazioni marittime da parte della Turchia, “esercitazioni di tiro”, che Ankara ha dichiarato di continuare sino all'11 Settembre, sembra sollecitino analisti a considerare accentuate le tensioni tra i due Paesi.
Quale ruolo può avere l'Italia che, insieme a Francia, Grecia e Cipro, partecipa alle esercitazioni a sud di Creta, nella missione “Eunomia”?
//www.cybernaua.it/news/newsdett.php?idnews=8509
Generale Arpino, in Mediterraneo, problemi con la Turchia ci sono sempre stati, ma questa volta pare che emergano rischi reali. E’ davvero cosi?
Si, è vero, grazie alla Turchia (e non solo), i Paesi mediterranei rivieraschi (segnatamente nell’area centro-orientale) si sono spesso trovati in un mare di guai. Ne era ben consapevole Venezia, che per contenere in qualche modo la prepotenza e lo strapotere marittimo sviluppato dall’Impero Ottomano dopo la caduta di Costantinopoli, assieme a Genova aderiva a quella Lega Santa voluta da Pio V che, nel 1571, sconfiggeva la flotta turca nella battaglia di Lepanto. Successo importante ma effimero, perché in seguito la pervicacia ottomana ebbe buon gioco nell’espandersi anche via terra, appropriandosi molti possedimenti oltremare di Genova e, soprattutto, di Venezia. Gli eventi cui oggi assistiamo, quindi, possono ben rientrare nelle cronache del déjà vu.
Infatti, come fanno sempre tutti i dittatori in pectore, anche Recept Tayyp Erdogan cerca di stimolare i sentimenti patriottici dei “sudditi” citando eventi storici, come ha fatto qualche giorno fa, ricordando con toni enfatici una battaglia del 1071, vinta dagli allora turchi selgiuchidi contro l’armata bizantina. “Non scenderemo a compromessi con la Grecia” ha ripetuto in quell’occasione, “ma siamo determinati a fare tutto il necessario per ottenere i nostri diritti in Egeo, nel Mar Nero ed in Mediterraneo”.
Questa volta, i mediatori sono già all’opera, ma quando si alimentano i sentimenti popolari e contemporaneamente si gioca con le armi, qualche rischio di escalation non si può mai escludere. Soprattutto quando l’economia va male e la finanza ancora peggio (la lira turca sta toccando l’abisso), è necessario acquisire risorse pregiate presto ed in qualsiasi modo
”.
L’Unione Europea, in questo semestre a guida tedesca, sembra mobilitata anche per la situazione nel Mediterraneo orientale. Ci sono margini per una mediazione efficace?
Anche questo è vero. La Germania, impegnata da sempre ad inseguire i mercati, in politica estera aveva sinora vissuto traccheggiando tra astensioni ed amicizie di comodo, senza scontentare nessuno. Ma negli ultimi tempi, in previsione e con l’occasione del semestre europeo, è improvvisamente diventata piuttosto propositiva. Testimonianza ne sono le proposte di finanziamento per far fronte ai danni Covid-19 nella Ue e le due riunioni “informali” di Berlino con i ministri della difesa e degli esteri.
Si è parlato molto di Bielorussia (lanciando diffide con rispostacce di Putin) ed esortazioni a comporre la vertenza greco-turca (guadagnandosi le risposte stizzite di Erdogan). Di mediazione efficace, per ora, non se ne può ancora parlare. Nessuno vuole o può sparare, nemmeno le due contendenti visibili, ma per il momento nessuna delle due cederà.
Solo il tempo e la pazienza – sperando non si consumino troppo velocemente - potrebbero compiere il miracolo, perché i contendenti da tranquillizzare e convincere non sono solo due (quelli palesi), ma i fattori in giuoco sono molteplici. In primo luogo, questa crisi non va assolutamente considerata come l’abituale schermaglia tra Grecia e Turchia: è decisamente qualcosa di più.
Di fronte, Ankara non ha solo Atene. Questa volta, di trovarsi (quasi) compatta tutta l’Europa, la quale, pur se la Troika di recente ha malamente bistrattato la Grecia, da sempre la sente molto più vicina di quanto avverta la Turchia, tenuta alla porta persino negli anni precedenti l’imperioso avvento di Erdogan.
Poi, c’è la Francia che pur di far concorrenza “mediterranea” agli Usa (sinora beneficiati da Atene con disponibilità di porti e aeroporti), nella disputa contro la Turchia sostiene la Grecia a viso aperto. Trump, che nel momento elettorale non vuole fratture nella Nato, ha chiamato al telefono (non si sa con quale successo) entrambi i contendenti. Il rapporto speciale tra Ankara-Mosca, che tendono a fare i primi attori in Mediterraneo e Nordafrica, certamente gli è indigesto. Ne scaturisce che i margini di mediazione ci sono, ma, per quanto ufficialmente sia la Germania a condurre le danze, molti ballerini continueranno a sbagliare il tempo, pestandosi i piedi a vicenda
”.
Finalmente le Organizzazioni internazionali sembrano interessate a ciò che succede nell’area a sud dell’Europa e della Nato ed è proprio ciò che l’Italia ha sempre chiesto e auspicato. Ora ci siamo, ma quale ruolo sapremo ritagliarci?
L’Italia in teoria dovrebbe essere soddisfatta, perché finalmente da nord ci si interessa all’area sud. Persino la Nato (il Segretario Generale si è recato di persona alle conferenze di Berlino ed ha avuto un lungo colloquio con la Cancelliera), pur evitando di sbilanciarsi troppo tra Grecia e Turchia, esorta entrambe a mantenere la calma. Purtroppo noi, in tutt’alto affaccendati, abbiamo perso il passo ancora prima che l’orchestra aprisse le danze e, fingendo di intervenire, ci siamo poco elegantemente defilati. Ricordiamo tutti quando, nel febbraio 2018, la nave Saipem 12000 dell’Eni era stata fatta allontanare dall’area di ricerca concordata con il legittimo governo di Cipro da navi da guerra turche, sotto gli occhi di nave Zeffiro della nostra Marina.
Evidentemente, era stata fatta la cosa più saggia. Con la Germania alla guida, le condizioni che abbiamo tanto atteso ora si stanno concretizzando, quindi dobbiamo affrettarci a cercare un ritaglio di ruolo nel Mediterraneo, pur sapendo in partenza che non potrà più essere da primo attore. Nella pratica, il ritorno della nostra Marina Militare in Egeo con il caccia Durand de la Penne per partecipare ad un’esercitazione assieme a navi cipriote, greche e francesi è un primo piccolo passo, sebbene avvenga dopo aver condiviso una missione minore (una passex, evento occasionale a breve preavviso) con la marina turca. Ben fatto, visto che questa volta non siamo nemici di nessuno, nemmeno dei nostri alleati. E’ molto eccitante fare parte di un’alleanza formata da un blocco granitico di Paesi con interessi variamente diversificati, quasi sempre divergenti dai nostri. Per noi è una vocazione, per altri, come Francia e Turchia, questa sembrerebbe prassi distintiva
”.


Maria Clara Mussa
 
  
  L'intervista con...
07-08-2020 - La tragedia che ha colpito il Libano, con oltre 100 morti, tra cui anche una Italiana, 4.000 feriti, centinaia di dispersi e quasi 300mila persone...
21-07-2020 - Il disegno di legge ‘’Corda’’, n. 875 firmato dalla deputata del M5Stelle Emanuela Corda sull’associazionismo sindacale tra i militari, sembra...
13-07-2020 - Il disegno di legge ‘’Corda’’ n. 875, firmato dalla deputata del M5S Emanuela Corda sull’associazionismo sindacale tra i militari, sembra...
28-05-2020 - E’ di queste ore l’approvazione del progetto di legge che riconosce ai militari il diritto di costituire associazioni professionali a carattere...
06-05-2020 - Si sta riaprendo il dibattito e ancora una volta ci si interroga su cos'è la NATO, le sue origini e le sue finalità in materia di prevenzione e sicurezza...
24-04-2020 - La pandemia non fermerà il dialogo interreligioso, dopo la nostra Santa Pasqua trascorsa dentro le mura domestiche, con la vicinanza e gli auguri della...