08:41 martedì 07.02.2023

Manifestazioni ed Eventi

Home   >>  Rubriche - Manifestazioni ed Eventi   >>  Articolo
La guerra contro le donne deve finire
UNESCO dedica la ''Giornata internazionale dell'Educazione'' alle ragazze e alle donne afghane

21-01-2023 - Audrey Azoulay, direttrice generale dell'UNESCO, ha deciso di dedicare la Giornata internazionale dell'educazione 2023 (24 gennaio) alle ragazze e alle donne afghane. In occasione di un evento organizzato presso la sede delle Nazioni Unite, l'UNESCO rinnoverà il proprio appello a ripristinare immediatamente il diritto fondamentale all'istruzione.
"Nessun Paese al mondo dovrebbe impedire alle donne e alle ragazze di ricevere un'istruzione. L'istruzione è un diritto umano universale che deve essere rispettato. La comunità internazionale ha la responsabilità di garantire che i diritti delle ragazze e delle donne afghane siano ripristinati senza indugio. La guerra contro le donne deve finire". ha dichiarato Audrey Azoulay

Attualmente, 2,5 milioni (80%) di ragazze e giovani donne afghane in età scolare non frequentano la scuola.
A 1,2 milioni delle quali è stato negato l'accesso alle scuole secondarie e alle università a seguito della decisione delle autorità de facto.
Dall'agosto 2021, l'UNESCO ha adattato i propri interventi per sostenere la continuità dell'istruzione in circostanze difficili.
Una campagna di advocacy dell'UNESCO ha raggiunto oltre 20 milioni di persone in Afghanisyan per sensibilizzare l'opinione pubblica sul diritto all'istruzione di giovani e adulti, in particolare ragazze e donne adolescenti. L'UNESCO ha anche collaborato con le ONG sul campo, fornendo contenuti e finanziamenti per implementare una campagna di alfabetizzazione basata sulla comunità che ha preso di mira 25.000 giovani e adulti nelle aree rurali, tra cui principalmente ragazze adolescenti di età superiore ai 15 anni e donne.

In occasione della Giornata internazionale dell'educazione del 2023, l'UNESCO pubblicherà anche un rapporto globale, la 2023 SDG4 Scorecard, che mostra quanto velocemente i paesi stanno progredendo verso i loro parametri di riferimento nazionali sull'Obiettivo di sviluppo sostenibile 4 (istruzione di qualità). Finora, tre paesi su quattro hanno presentato parametri di riferimento, da raggiungere entro il 2030, per almeno uno degli indicatori chiave dell'SDG4. Il lavoro sui parametri di riferimento mostra una grave mancanza di dati sull'istruzione. La metà dei paesi non dispone di dati sull'apprendimento o sulla percentuale di insegnanti qualificati nelle scuole primarie; un terzo non dispone di dati sul completamento o sui tassi di abbandono scolastico.




Maria Clara Mussa
 
  
  Manifestazioni ed Eventi
22-01-2023 - Raccontare il Sinodo di una Chiesa in cammino anche nella società, essere testimoni di una verità da non perdere mai di vista nello svolgimento della...
16-01-2023 - La FIR (Federazione Italiana Rugby) e l’Esercito Italiano hanno sottoscritto a Roma una partnership che, nel corso del 2023, li vedrà collaborare...
16-01-2023 - La comunità afghana a Roma si è riunita nell’ambasciata della Repubblica islamica di Afghanistan a Roma per commemorare i caduti nell’attentato...
12-01-2023 - Annunciate le date di “Fly Future 2023”: la seconda edizione dell’unico evento nazionale di orientamento e informazione per i futuri professionisti...
12-01-2023 - Venerdì 20 Gennaio prossimo ore 18.00, al via la prima edizione  del premio artistico “Monitor-erotica” presso la Galleria “La Porta dell’Arte”...
08-01-2023 - “Un nuovo risorgimento per trasmettere i valori indissolubili del nostro tricolore ai giovani” lo ha dichiarato il cav. Pietro Bongiovanni presidente...