04:25 sabato 02.03.2024

Notizie dal Mondo

Home   >>  News - Notizie dal Mondo   >>  Articolo
Kosovo: cambio alla guida del regional command west di KFOR
I bersaglieri dell’11° Reggimento di Orcenico Superiore cedono ''Joint Enterprise'' ai colleghi del 1° Reggimento bersaglieri di Cosenza
26-01-2024 - Camp Villaggio Italia, in Kosovo, ha ospitato la cerimonia di avvicendamento al comando del Regional Command – West (RC-W) della missione NATO – KFOR tra l’11° Reggimento bersaglieri della Brigata “Ariete” e il 1° Reggimento bersaglieri della Brigata “Garibaldi”.
Alla cerimonia erano presenti numerose autorità civili e militari, fra le quali il comandante Operativo di Vertice Interforze (COVI), generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, il comandante della KFOR, major general Özkan Ulutaş, accompagnato dal vice comandante, generale di Brigata Federico Bernacca, l’ambasciatore d’Italia in Kosovo, Antonello De Riu, i rappresentanti delle Organizzazioni Internazionali, le autorità religiose e i sindaci delle municipalità del Kosovo occidentale.

Il simbolico passaggio della bandiera NATO tra il colonnello Gabriele Vacca, uscente e il parigrado Francesco Ferrara, ha sancito il cambio alla guida del RC-W, unità multinazionale composta in prevalenza da militari italiani.

Figliuolo, nel portare al contingente nazionale i saluti del ministro della Difesa Crosetto e del Capo di Stato Maggiore della Difesa ammiraglio Cavo Dragone, ha espresso parole di apprezzamento per i risultati conseguiti nel corso di una missione che è stata condotta in una realtà complessa quale quella balcanica, particolarmente nota al generale Figliuolo che è stato comandante delle forze NATO in Kosovo tra il 2014 e il 2015.
“In questi sei mesi di missione avete dimostrato coraggio, tenacia e senso di umanità. Siete stati un baluardo a difesa dei valori di libertà e di rispetto dei diritti umani. Vi siete fatti apprezzare per il dialogo continuo e costruttivo con i rappresentanti della vita pubblica di questo Paese, che è ancora attraversato da tensioni interetniche mai del tutto sopite”, ha detto Figliuolo. Poi, rivolgendosi al contingente subentrante, ha aggiunto: “Giustizia, rispetto dello stato di diritto e della dignità delle persone, di qualunque etnia o religione esse siano. Questi devono essere i valori che dovranno ispirare il vostro agire quotidiano nei prossimi sei mesi. Voi bersaglieri di Cosenza siete gli eredi di quel 18° Reggimento che nel 1999, insieme ad altri Reparti dell’Esercito Italiano, fecero ingresso proprio in questo Paese, per porre fine alle atrocità commesse nel corso della guerra. Buona fortuna!”

Vacca ha ringraziato i fanti piumati dell’11° Reggimento bersaglieri e i contingenti delle altre Nazioni con queste parole: “Desidero che questa sia un’occasione per rivolgervi, spontaneamente, un pensiero di profonda gratitudine per l’eccezionale lavoro svolto durante questi sei mesi di missione. Il vostro impegno, la vostra dedizione e la vostra professionalità hanno contribuito in modo significativo al successo delle operazioni cinetiche e non cinetiche, condotte sotto il mio comando”.

Quello appena concluso è stato un semestre che ha visto i circa 1.400 militari italiani presenti in Kosovo impegnati in molteplici attività operative, addestrative, di collegamento con le istituzioni locali e di cooperazione civile-militare a sostegno delle istituzioni e della popolazione.
Molte le attività di pattugliamento condotte nell’intera area di operazione, in particolare nella zona di confine amministrativo tra il Kosovo e la Serbia; numerose anche le esercitazioni condotte, tra le quali la “Western Rumble” e la “Golden Sabre”, che si sono svolte in autunno, oltre a un addestramento continuo volto a mantenere elevati standard di prontezza operativa.

A queste, si vanno a sommare i frequenti progetti di cooperazione civile-militare, con donazioni di materiali sanitari, didattici e tecnologici a favore di ospedali, istituti scolastici, associazioni non governative e istituzioni locali, condotti sia con fondi italiani sia con quelli erogati dalla missione KFOR, volti a implementare il livello di efficienza dei servizi messi a disposizione della popolazione.
Di assoluta importanza, sono stati inoltre i frequenti incontri con i Sindaci delle 15 municipalità del Kosovo occidentale e con gli altri rappresentanti delle istituzioni politiche, civili e religiose locali, nell’ambito di tavoli comuni di discussione sui temi della cooperazione e del futuro dei giovani.
La visita del generale Figliuolo alle unità militari schierate nei Balcani occidentali rientra nell’azione di coordinamento e di direzione che il Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI) esercita sulle attività svolte dai contingenti delle Forze Armate italiane schierati all’estero.
 
APPROFONDIMENTO
Missione KFOR
L’Italia partecipa alla Missione NATO in Kosovo con personale militare presso il Comando NATO a Pristina (Quartier Generale di KFOR), ma il grosso del contingente nazionale è dislocato a Camp Villaggio Italia, nei pressi della municipalità di Pec/Peje, dove ha sede il “Regional Command West” (RC-W).
Qui si concentrano i circa 900 uomini e donne delle quattro Forze Armate che fanno parte del RC-W, ai quali si sono aggiunti, lo scorso novembre, ulteriori 500 militari italiani, guidati dal Colonnello Giovanni Corrado, che costituiscono le Operational Reserve Forces (ORF) della NATO. Questo aumento della presenza militare è una misura precauzionale richiesta dal Comandante del Supreme Headquarters Allied Powers Europe e autorizzata dal Consiglio del Nord Atlantico in seguito al perdurare della situazione instabile nell’area balcanica, specie dopo l’attacco armato contro la polizia kosovara avvenuto il 24 settembre scorso a Banjska. Lo schieramento delle ORF serve a rafforzare la presenza di KFOR nel nord del Paese, disponendo di forze che saranno impegnate prevalentemente in attività di pattugliamento e controllo del territorio lungo la linea di confine con la Serbia.
Inoltre, l’Italia contribuisce alla Missione con cinque Liaison and Monitoring Team (LMT) di cui quattro inquadrati all’interno di RC-W e uno inquadrato nel Regional Command East (RC-E) a guida americana. Fa parte del contingente anche un Battaglione multinazionale di ricerca informativa (Intelligence, Surveillance, and Reconnaissance Multinational Battalion – ISR MNBN).
Personale dell’arma dei Carabinieri è invece inquadrato nell’ambito del Reggimento Multinational Specialized Unit (MSU), situato nella città di Pristina e attualmente comandato dal Generale di Brigata Ruggiero Capodivento.
KFOR opera secondo quanto stabilito dalla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 1999, concorrendo al mantenimento di un ambiente sicuro e protetto, nonché alla libertà di movimento per tutte le comunità che vivono in Kosovo.
Dal 10 ottobre 2023 il Major General Özkan Ulutaş è il Comandante turco alla guida dell’Operazione “Joint Enterprise”.
 
11° Reggimento Bersaglieri
L’11° Reggimento bersaglieri, al termine del mandato semestrale alla guida del RC-W di KFOR, si appresta a rientrare in Italia portando con sé la consapevolezza di aver lasciato un’impronta tangibile per la buona riuscita dell’Operazione. Il Reggimento, fiero interprete delle più alte virtù bersaglieresche, nel corso degli ultimi decenni è stato impiegato in molteplici attività operative sia in ambito nazionale a supporto della popolazione, sia in ambito internazionale, venendo impiegato in numerosi Teatri Operativi tra cui Afghanistan, Libano, Kosovo, Iraq e Lettonia, contribuendo a dare lustro all’Italia ed alla Difesa.
 
1° Reggimento Bersaglieri
I fanti piumati di Cosenza portano ancora con sé i ricordi relativi all’apertura della Missione in Kosovo, essendo i primi militari italiani ad aver fatto ingresso nel Paese al termine della guerra nel 1999.
Negli ultimi decenni il 1° Reggimento bersaglieri è stato impiegato in diverse missioni in ambito internazionale, fra le quali le Operazioni “Pellicano” in Albania, “Ibis” in Somalia, “Antica Babilionia” in Iraq, “Leonte” in Libano, “ISAF” e “Resolute Support” in Afghanistan e “Baltic Guardian” in Lettonia.A distanza di 25 anni, il Reparto fa ritorno in Kosovo assumendo il comando del RC-W.
Nel corso del mandato attuale, sulle orme del lavoro svolto dall’11° Reggimento, i bersaglieri del “Primo”opereranno per garantire un ambiente sicuro (SASE) e la libertà di movimento (FOM) in tutta l’area di responsabilità della RC-W, oltre a promuovere iniziative di riconciliazione tra le diverse comunità etniche in Kosovo. 

Redazione
 
  


 
Hassan Sheikh Mohamud a Roma
Dopo la conferenza Italia-Africa ha partecipato ad un incontro-intervista organizzato...
Giornata della memoria e del sacrificio degli alpini
Celebrata a Milano con il convegno ‘’Maurizio Lazzaro de’ Castiglioni un...
''WoW - Wheels on Waves - Around The World 2023-2025''
Giro del mondo a bordo del catamarano di 18 metri per un selezionato pubblico...
  Notizie dal Mondo
31-01-2024 - Rapporto delle Nazioni Unite: Al-Qaeda ha creato fino a otto nuovi campi di addestramento in Afghanistan, di...
31-01-2024 - “Nave Vulcano è salpata dal porto di Al Arish, in Egitto, per rientrare in Italia con  circa 60 persone...
31-01-2024 - Grande emozione per l’arrivo a Miami di “Lo Spirito di Stella”, il catamarano italiano “senza barriere”...
27-01-2024 - Poche ore fa l'ex Segretario Generale della NATO Lord George Robertson ha dichiarato che gli Ucraini “combattono...
27-01-2024 - Il Contingente italiano in Ungheria, con una forza di circa 260 unità, contribuisce, insieme alle forze armate...
24-01-2024 - I governanti talebani hanno recentemente costretto circa 600 lavoratrici a lasciare il lavoro a causa delle...
Rubriche
Nel corso della presentazione del Calendario dell’Esercito 2024 intitolato “Per l’Italia...
"Il Project Management per la PA. Le nuove sfide dei RUP per una Pubblica Amministrazione...
“Un progetto formativo innovativo ed ambizioso che punta all’integrazione interforze...
L’Esercito Italiano anche per la collezione autunno – inverno 2024 - 2025 partecipa...
Nella suggestiva cornice dell’Auditorium Parco della Musica, a Roma, nel luogo dove esattamente...
In occasione di una delle tappe italiane della [B38esima edizione della Coppa del Mondo...
Alla presenza del comandante delle Truppe Alpine, generale di Corpo d’Armata Ignazio Gamba...