23:25 mercoledì 28.09.2022

Politica

Home   >>  News - Politica   >>  Articolo


foto di: Ministero difesa
Difesa: Guerini a Kiev incontra Zelensky
Il Presidente ucraino ha ringraziato gli Italiani per i sacrifici che anch’essi stanno sostenendo per difendere la libertà dell’Ucraina
23-09-2022 - “Zelensky durante l’incontro ha sottolineato che l’Italia ha mantenuto la ‘barra dritta’ sulle sanzioni alla Russia e sul fermo impegno a sostegno dell’Ucraina e ha ringraziato gli Italiani per i sacrifici che anch’essi stanno sostenendo per difendere la libertà dell’Ucraina”.
“L’azione congiunta di sanzioni politico-economiche e aiuti militari è l’unica in grado di far capire a Putin che non c’è altra strada rispetto alla ricerca di una pace equa”
Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, incontrando quest’oggi, a Kiev, il Presidente Volodymyr Zelensky e il ministro Oleksij Reznikov, suo omologo.
Recatosi nel Paese su invito delle autorità ucraine, per una serie di colloqui nella capitale, Guerini ha ribadito il sostegno dell’Italia alla lotta di libertà del Paese a tutela della propria sovranità.
“Oggi ho osservato, di persona, a Irpin’ e presso l’aeroporto militare di Gostomel, i danni alle infrastrutture civili, conseguenza dell’aggressione russa, ma allo stesso tempo ho percepito nella sua pienezza lo spirito di un popolo che non intende rinunciare alla libertà, difendendo con coraggio la propria e tutelando, indirettamente, quella di tutti”. 
Ha dichiarato Guerini, a Kiev, ribadendo il pieno sostegno dell’Italia, sottolineando altresì il ruolo assunto dal nostro Paese fin dalle prime fasi del conflitto, nell’ambito della mobilitazione internazionale per il ripristino della sovranità violata di Kiev.

“ Mi ha molto colpito quanto ha detto il Presidente Zelensky durante il nostro incontro. Ha tenuto a ribadire che l’Italia, nonostante i problemi derivanti dalla crisi energetica e quindi dalle conseguenti difficoltà economiche, ha mantenuto la ‘barra dritta’ sulle sanzioni alla Russia e sul fermo impegno a sostegno dell’Ucraina. Zelensky ha ringraziato gli Italiani per i sacrifici che anch’essi stanno sostenendo per difendere la libertà dell’Ucraina” ha riportato il ministro dopo l’incontro con il Presidente. “L’Italia ha sostenuto fin dall’inizio gli sforzi di Kiev per difendersi: dallo scorso marzo ho firmato 4 decreti che hanno disposto la cessione di materiali, sistemi di difesa sulla base delle esigenze rappresentate dalle Forze Armate ucraine, l’ultimo dei quali è stato finalizzato nel mese di luglio. Intendiamo proseguire coerentemente con il mandato del Parlamento italiano”.
Nel corso dell’incontro con il ministro della Difesa ucraino Reznikov, i due ministri si sono soffermati sull’attività addestrativa a favore delle Forze Armate ucraine, anche in relazione della possibilità di una eventuale missione di addestramento europea. Il ministro della Difesa italiano ha dato inoltre la disponibilità di assistenza umanitaria in campo medico sanitario.
Guerini ha inoltre ribadito la necessità di avviare un concreto percorso di pace, che parta da un cessate il fuoco.
"Siamo convinti che la strada intrapresa, che vede l’azione congiunta di sanzioni politico-economiche e di aiuti militari, sia l’unica in grado di far capire a Putin che non potrà ottenere alcuna vittoria militare, e che l’unica strada da percorrere sia la ricerca di una pace equa. Una pace che ripristini i diritti che sono stati violati". Rinnovando, ancora una volta, l’incondizionata solidarietà del nostro Paese nei confronti dell’Ucraina, il ministro ha voluto sottolineare che "l’Italia non lascerà mai soli gli ucraini nel sostegno contro una ingiustificata aggressione,  che non riguarda solo l’Ucraina, ma tutti coloro che difendono la libertà".
La visita a Kiev è stata inoltre l’occasione per un omaggio sentito presso il “Muro della Memoria”, luogo di commemorazione dei Caduti per la libertà, dove Guerini ha deposto in loro omaggio un mazzo di fiori.


Redazione
 
  


 
Exit Tragedy, pensare che volevamo la pace per l'Afghanistan
Al Comune di Marino presentato il libro di Mussa e Papagni con la partecipazione...
Ali su Desenzano
Grande successo della manifestazione aerea sul lago di Garda organizzata sabato...
Difesa: Quarant'anni del Tornado
Atterrato per la prima volta il 27 Agosto 1982 nella base militare di Ghedi
  Politica
26-09-2022 - Il 26 settembre scorso, è stato organizzato il Field Study 1, il primo dei tre viaggi studio organizzati a...
25-09-2022 - Presso il Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), si è concluso l’82° Corso Consigliere Qualificato...
23-09-2022 -  Rio de Janeiro, 23 settembre 2022. Una delegazione di Segredifesa, presieduta dal generale di Corpo d’Armata...
23-09-2022 - Lo Stabilimento Militare Produzione Cordami di Castellammare di Stabia ha ospitato la visita della delegazione...
17-09-2022 -  “Il mio pensiero e quello della Difesa è rivolto ai cittadini delle Marche, fortemente colpiti questa notte...
12-09-2022 - A Chiavari si è svolta la cerimonia di inaugurazione del Poligono Cyber UNAVOX presso la Scuola Telecomunicazioni...
Rubriche
All’interno della Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito, si è svolta la presentazione...
Nello spettacolare scenario del ponte di volo della portaerei Cavour, Moto Guzzi e la Marina...
Il tema delle concessioni demaniali riguarda tutti i beni pubblici che le Pubbliche Amministrazioni...
“Alpini, cent’anni tra la gente per la gente” appuntamento con la Storia sabato 24...
La mostra è stata inaugurata nella Casa madre delle missionarie comboniane a Verona. «La...
“Non c’è pace senza le donne: Qual è il contributo che le donne possono dare ai processi...
Appuntamento con la Storia mercoledì 14 settembre alle ore 21.00 nella sede della Sezione...