14:39 venerdì 19.04.2019

Politica

Home   >>  News - Politica   >>  Articolo


foto di: Cybernaua
A testa alta, con il sostegno di tutto il personale delle Forze Armate
L'ex capo di stato maggiore della Marina militare Giuseppe De Giorgi assolto da ogni accusa di danno erariale
11-01-2019 - La sezione giurisdizionale per il Lazio della Corte di conti ha assolto l'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, già capo di Stato maggiore della Marina Militare, dall’accusa di danno erariale che lo raggiunse nel 2016, per le modifiche costruttive da lui richieste sulle fregate multimissione (Fremm) commissionate a Fincantieri. Secondo il giudice contabile, gli interventi disposti da De Giorgi furono connotati “da una oggettiva utilità”... , tanto che sono stati poi replicati su tutte le successive navi della stessa fornitura.
Giuseppe De Giorgi esce a testa alta dall'inchiesta della Corte dei Conti, che lo ha assolto dall'accusa di danno erariale: Come ha trascorso questi due anni, in attesa della sentenza e con quale spirito ha affrontato le accuse?
"Con animo sereno, perché ero consapevole di aver agito correttamente. Ma non posso nascondere che è stato un periodo difficile per le sofferenze morali che la mia Famiglia e le persone a me vicine hanno subito in questi anni. Per fortuna, la mia famiglia mi è stata di grande sostegno e il nostro legame è oggi se possibile ancora più forte. Ma è’ stato anche importantissimo il supporto e la vicinanza del personale della Marina Militare. Con molti di loro avevo condiviso periodi d’imbarco, anche in missioni all’estero, con altri l’attività di volo. Molti li ho conosciuti da marinai e ora sono Marescialli con i capelli bianchi. Siamo legati da sentimenti di affetto e di stima che nella difficoltà sono stati determinanti. E’ stata una vicinanza fondamentale, perché il giudizio che conta di più per me è quello del personale della Marina. Lo dico senza retorica".
E quali furono le “modifiche costruttive” che hanno scatenato l'ira dei suoi detrattori?
"Quando avevo visitato, da Capo di Stato Maggiore, il Bergamini durante alcune prove in mare, sono stato avvicinato da vari rappresentanti dell’equipaggio che si sono lamentati con me, per segnalare il malcontento legato a soluzioni logistiche negli spazi comuni, giudicate inadeguate e peggiori rispetto alle altre navi della Marina.
In effetti mancavano spazi di riposo e socialità dedicati al personale di grado più basso, così come risultavano fortemente penalizzati i sottufficiali. Mancavano i tradizionali “bar” marinai, Sottufficiali e ufficiali, sostituiti da macchinette automatiche. Era stato realizzato un solo punto di distribuzione dei pasti con tempi d’attesa dell’equipaggio nell’unica fila incompatibili con i tempi della routine di bordo. Ad aggravare la situazione era il fatto che gli spazi e il supporto logistico al personale e al comando di bordo non fosse stato aggiornato all’aumento della consistenza dell’equipaggio dai 90/120 uomini ipotizzati dieci prima ai 200 previsti con nave operativa. Ho chiesto quindi al mio Stato Maggiore di studiare delle soluzioni migliorative che si sono concretizzate nella:
Realizzazione di 4 punti di distribuzione contemporanea dei pasti per contenere i tempi di attesa;
Creazione di 3 “bar” per Marinai, Sottufficiali e Ufficiali (a similitudine di tutte le altre navi) al posto delle macchinette;
Aumento dell’area del quadrato ufficiali per tenere conto del loro incremento numerico;
Realizzazione di una mensa dedicata per i sottufficiali e riorganizzazione del loro quadrato sulla falsariga di quello degli ufficiali e di una sala più piccola per i graduati di Truppa più anziani;
Cambio di allestimento della mensa equipaggio in modo da ricavare uno spazio dedicato al riposo, alla lettura, alla socialità etc., a similitudine di quanto previsto per i Sottufficiali e gli Ufficiali;
Eliminazione della Cabina dedicata all’ammiraglio per realizzare adiacente alla cabina del comandante una “sala consiglio”, utilizzabile per la pianificazione dello staff imbarcato e, quando necessario, come mensa aggiuntiva a quella ufficiali, nei casi in cui fosse imbarcato un ammiraglio in comando tattico (che avrebbe alloggiato nella cabine del comandante, il quale, a sua volta, si sarebbe trasferito nalla cabina di navigazione);
Ricavo di una piccola cabina di navigazione, con accesso diretto alla plancia di comando, a disposizione del Comandante per garantire una sua maggior presenza e tempestività di intervento in navigazione in caso di emergenza o brutto tempo
".
Secondo Lei, quali reconditi motivi possono aver scatenato tale “guerra” nei suoi confronti?
"Mi dovrei chiedere a chi giovava la diffusione di dossier anonimi in quel particolare momento. Ma francamente non ho più voglia. Ciò che conta è che la Magistratura abbia ristabilito la verità".
Ha avuto segnali di supporto da parte delle altre Forze Armate?
"Ho sempre sentito vicinanza e sostegno da parte di tutto il personale delle Forze Armate".
Lei ha sempe avuto l'incondizionata stima del suo personale (ricordo l'urlo di sostegno al cambio di comando!), responsabilità e grande impegno “essere capo” della Marina Militare; vuole, dopo questo tempo trascorso in tensione e sofferenza, darci qualche testimonianza del lavoro svolto insieme ai suoi marinai?
L’elenco sarebbe davvero troppo lungo. Cito solo alcuni risultati che abbiamo conseguito insieme:
la cosiddetta “legge Navale che prevede la costruzione di 10 nuove unità polivalenti di concezione, in molti versi rivoluzionarie, che sono state imitate da varie marine, una grande unità anfibia, una nave ausiliaria di squadra che verrà acquisita anche dai Francesi e mezzi speciali per gli incursori;
la definizione di un programma navale decennale a completamento della legge navale del 2014 da completarsi con integrazioni annuali di fondi;
la riorganizzazione della Marina per linee di prodotto per ridurre la burocrazia ministeriale responsabilizzando e abilitando i comandanti operativi con la pienezza degli strumenti gestionali necessari;
l’adeguamento del sistema formativo degli ufficiali a standard più moderni contenendo la durata della prima formazione alternando periodi a bordo o ai reparti con periodi di alta formazione e di specializzazione;
la rinascita di molte basi navali cadute nell’abbandono per evitare di concentrare tutte le navi in pochi porti riducendo la vulnerabilità in caso di minaccia terroristica o di catastrofi naturali e per poter intervenire più tempestivamente riducendo i tempi di transito etc.;
nella consegna di almeno 400 alloggi ristrutturati alle famiglie del personale;
al rilancio della componente anfibia della Marina;
e potrei continuare perché di strada insieme ne abbiamo fatta molta
".
Con l'inchiesta “Tempa Rossa” ci son stati anche articoli infamanti da parte di alcuni quotidiani, che pubblicarono un dossier anonimo che Le attribuiva comportamenti scorretti; che intende fare a tale proposito?
"Per i casi più gravi mi sono affidato alla Magistratura”.
Come vede il futuro della Marina Militare?
Questo è il secolo marittimo. E’ quindi più che mai il momento della Marina. Per cogliere le opportunità che si profilano nell’interesse della Nazione occorre però sguardo rivolto al futuro e coraggio decisionale. Disperdere energie per riportare le lancette dell’organizzazione della Marina indietro di anni azzerando il processo di innovazione o rinunciare a prestazioni avanzate dei nuovi mezzi in costruzione per mera resistenza al cambiamento, sarebbe un errore imperdonabile che vanificherebbe anche gli sforzi dei tantissimi ufficiali, sottufficiali e marinai che si sono battuti proprio per il rinnovamento della Marina Militare".




Maria Clara Mussa
 
  


 
Interesse nazionale è anche prendersi la briga di spiegare
‘’Gli Italiani e la Difesa’’, indagine IAI-LAPS sulle minacce alla sicurezza...
Difesa collettiva, interoperabilità e interforze per il Sistema Paese
Una giornata dedicata alla Marina Militare e al suo ruolo nel comparto della Difesa,...
Il ''dual use'' nel ''Vigorous Warrior 2019''
Una dimostrazione della collaborazione dello strumento militare, in cooperazione...
  Politica
11-04-2019 - Che la partita libica possa aprire scenari inediti negli equilibri del Mediterraneo l’hanno capito tutti,...
11-04-2019 - Con il patrocinio del ministero della Difesa, presso la Camera dei Deputati a Roma, il 17 Aprile prossimo il...
10-04-2019 - Il 9 aprile scorso, due caccia Eurofighter del 36° Stormo dell'Aeronautica Militare, in servizio di allarme...
07-04-2019 - Venerdì 5 aprile scorso, a Roma, presso la Casa dell'Aviatore, è stato organizzato dall'Ufficio Generale per...
07-04-2019 - Il 5 aprile scorso, a Napoli è stato firmato l’accordo di cooperazione tra l’Istituto Idrografico della...
06-04-2019 - Far conoscere ed esportare il made in Italy, promuovere l’industria italiana della difesa nel mondo è una...
Rubriche
A Poggio Rusco, il 28 marzo scorso, è terminata ’attività denominata “Golden Tour...
L’Aero Club di Terni parteciperà alle manifestazioni per la “Settimana per l’autismo”...
Il 28 Marzo segna la giornata del compleanno dell'Aeronautica Militare che quest'anno compie...
Milano, il 24 marzo scorso, è stat testimone del grande successo della 48^ edizione della...
Con la vittoria di altre due medaglie d’oro, gli atleti del Gruppo Sportivo Paralimpico...
Si tratta di un volume che riporta un approfondito studio di Claudio Bertolotti, le cui...
Il 19 marzo scorso, presso l’aula magna di Palazzo Arsenale, sede del Comando per la Formazione...