04:13 giovedì 18.08.2022

Accadde il secolo scorso

Home   >>  Rubriche - Accadde il secolo scorso   >>  Articolo
Il 6 maggio 1976, terremoto in Friuli: un sisma del nono grado della scala Mercalli
Con epicentro tra Gemona ed Artegna devastò un’area di circa 5500 chilometri quadrati tra le province di Udine e Pordenone

06-05-2016 - Il bilancio fu di 989 morti di cui 32 militari e 242 soldati feriti, 40000 sfollati, 20000 abitazioni distrutte e quasi 80000 danneggiate. L’intervento dell’Esercito fu immediato, di massa e soprattutto spontaneo: già dopo due ore dall’evento partirono le prime colonne di soccorsi e furono costituiti dei centri direzionali per la gestione delle attività. I militari si prodigarono giorno e notte senza risparmio di energia in interventi di recupero e sgombero feriti, tumulazione di salme, assistenza sanitaria e rifornimento viveri alle popolazioni colpite (distribuite oltre 70000 pasti al giorno)
La Forza Armata si trovò a fronteggiare un’emergenza di enormi proporzioni: furono allestite 17.872 tende per oltre 116.000 posti letto. Furono demoliti 2018 edifici pericolanti, effettuati 41 interventi con esplosivo per demolizione grandi manufatti; furono costruiti 118.000 mq. tra piazzali e strade, di 71 km di rete fognaria, 266 km di rete elettrica, 200 km di rete idrica, 110 km di marciapiedi e passaggi pedonali ripristinati 314 km di viabilità ricostruiti 8 ponti e oltre 1.800.000 mc. di macerie e 540 mc. di frane rimossi. L’intervento coinvolse in totale 14.144 soldati dell’Esercito, furono distribuiti 64 tonnellate di medicinali, 2.616 automezzi, 54 cucine da campo, 60 serbatoi d’acqua, e ben 64 elicotteri che furono utilizzati affinché interi agglomerati urbani non rimanessero isolati soprattutto dell’alta Carnia assicurando il necessario supporto logistico e morale agli sfollati. La popolazione friulana fu assistita anche dopo il sisma: i militari furono impiegati per coadiuvare i contadini nel lavoro dei campi per permettere alle economie colpite dalla catastrofe di ripartire.
L’intervento dell’Esercito in soccorso alla popolazione friuliana rappresentò e rappresenta il prodomo della nascita della protezione civile che da quelle macerie ebbe origine grazie all’opera del commissario straordinario per l’emergenza, Giuseppe Zamberletti.
Da non dimenticare il contributo e il supporto dato dalle forze armate straniere: svizzeri, tedeschi, austriaci, francesi, americani e canadesi di cui va ricordato il capitano pilota Ronald Mc Bride che durante un’operazione di soccorso precipitò con l’elicottero nella valle del torrente Leale nel comune di Trasaghis.
Nel suo intervento di soccorso alle popolazioni l’Esercito fu coadiuvato da assetti dell’Aeronautica Militare che assicurò il ponte aereo e della Marina Militare con due ospedali da campo e i rifornimenti via mare.
I cittadini non hanno mai dimenticato il contributo offerto dagli uomini con le stellette. “Il Friuli ringrazia e non dimentica” è il sentimento ancora presente e radicato in chi ha vissuto quei terribili momenti che nella tragedia hanno rinsaldato in maniera indissolubile il sentimento di profondo rispetto e fiducia della popolazione dei confronti delle Forze Armate. Indimenticabile, qualche mese dopo il terremoto, la frase di uno studente di Gemona che sul suo quaderno aveva appuntato la seguente frase: “io, quando viene il terremoto vado nella tenda dei militari così io, non ho più paura..”
L’Esercito per tenere vivo la memoria di quanti perirono in quell’immane tragedia e per trasmetterla alle nuove generazioni, ha lanciato, da giorni, sul suo sito web www.esercito.difesa.it un’iniziativa dal titolo “1976-2016: a 40 anni dal terremoto, il Friuli ricorda l’intervento dell’Esercito Italiano” dove chiunque puoi lasciare una testimonianza, una foto, un semplice pensiero e un ricordo di quei giorni pieni di umanità e di dolore".
friuli1976.esercito@gmail.com

Redazione
 
  
  Accadde il secolo scorso
07-06-2020 - Dall’Iran non ci attendiamo nulla di buono. Però, a volte succede. Una nota di Agenzia (Asia News), commentata da Analisi-Difesa sabato scorso,...
01-05-2016 - Agello, pilota del Reparto Alta Velocità, fu salvato dopo un ammaraggio andato male all’idroscalo di Desenzano, forse a causa di onda anomala o per...
18-01-2016 - Il 1991 è lontano, forse dimenticato da molti. Non tutti ricordano la guerra in Iraq E' una guerra dimenticata. All'epoca non si poteva dire che...
17-09-2014 - É il mese di settembre del 1958 quando gli allievi del 1° Corso VAM (Vigilanza Aeronautica Militare) varcano la soglia della neo costituita Scuola...
14-04-2011 - L’11 aprile 1945 i soldati del gruppo di combattimento “Friuli” liberarono la città di Riolo, in provincia di Ravenna, dopo 127 lunghi giorni...
12-02-2006 - Nel 1921, i fratelli Cosulich, imprenditori di Lussimpiccolo, giunti a Trieste agli inizi del XX secolo, acquistano dalla Siai Società Italiana Idrovolanti...