17:22 giovedì 06.08.2020

Racconti

Home   >>  Rubriche - Racconti   >>  Articolo


foto di: Cybernaua
In ricordo di Lamberto Bartolucci
Il generale è scomparso il 26 febbraio scorso falciato da un automobilista sulle strisce pedonali, a Roma

28-02-2020 - La scomparsa del generale Lamberto Bartolucci ci ha lasciati addolorati e sconvolti anche per la dinamica in cui è avvenuta.
E’ stato vittima di un incidente stradale, sulle strisce pedonali di una via di Roma, ove un automobilista lo ha centrato in pieno; ricoverato all'ospedale militare Celio, ove ha ricevuto cure e tanta dedizione e affetto, a causa delle gravi lesioni ha cessato di vivere due settimane dopo.
Un uomo, classe 1924, pilota caccia e ricognitore, che ha fatto la Storia dell’Aeronautica Militare per la sua professionalità.
Fu Capo di stato Maggiore dell’Aeronautica e poi della Difesa.
Conoscevo Lamberto Bartolucci sin dal 1969.
Allora, a Gioia del Colle, svolse l’incarico prima di vice comandante del 36° Stormo e poi comandante, l’anno successivo.
Con lui e con sua moglie Giovanna fu subito sincera amicizia. Erano una coppia esemplare.
Ricordo incontri conviviali ove lo spirito ironico del generale rendeva allegre le ore trascorse insieme.
Forte, determinato, “servitore leale” della Patria, Bartolucci aveva superato terribili momenti durante i lunghi anni di inchieste, sul fatto di Ustica, sostenendo, senza che mai cedesse la sua forza, l’estraneità dell’Aeronautica Militare.
Ne uscì a testa alta, assolto da ogni accusa.
Ne parlavamo spesso, quando periodicamente andavo a trovare lui e la sua carissima Giovanna, nella loro abitazione a Roma.
Voglio anche ricordare uno degli ultimi interventi come relatore alla Casa dell’Aviatore, ove era stata organizzata una conferenza:
“L’Aeronautica nella guerra di liberazione”.
Bartolucci espose con grande lucidità fatti accaduti in quel periodo, //www.cybernaua.it/video/video.php?idvideo=187, con l’ironia e la capacità espressiva che gli erano usuali, portando la sua testimonianza degli avvenimenti legati all’armistizio nell’Accademia Aeronautica a Forlì e della propria partecipazione alla lotta clandestina a Roma.
L’ultima telefonata nel periodo natalizio, per lo scambio di auguri, terminò con la promessa di una visita.
Non ho fatto in tempo. Ai figli Andrea, Flavia e Michaela e a Giovanna un abbraccio fortissimo.
Ora Lamberto Bartolucci vola nei cieli blu e sarà sempre nei miei ricordi e nel mio cuore.








Maria Clara Mussa
 
  
  Racconti
01-03-2020 - Alla veneranda età di 102 anni, il 24 febbraio, se n’è andata Katherine Johnson. Un nome sconosciuto per i più, ma non per coloro che, a partire...
21-11-2019 - E’ volato più in alto, dalla sua casa di Trento, il decano dei piloti italiani, il tenente colonnello pilota Francesco Volpi, all’età di 105...
16-11-2019 - Massoud Barzani, born August 16, 1946 in Mahabad, Kurdistan of Iran, is the former head of the Iraqi Kurdistan Region and leader of the Iraqi Kurdistan...
15-11-2019 - Nel 2018 intraprendemmo un'altra missione in terra afghana. Ci recammo, embedded, ad Herat e a Kabul. Mentre Herat ci dette l'impressione di avere...
13-10-2019 - Ilaria ha gli occhi grandi che si illuminano ogni volta che ricorda la prima volta che ha indossato una mimetica. Effettiva al 32° reggimento guastatori...
25-02-2019 - San Candido (BZ) 21 febbraio 2019 – Nel canto alpino “Marcia dei coscritti piemontesi” che è di fatto l'inno della Brigata alpina Taurinense...