12:02 domenica 10.12.2023

Aeroclub d'Italia

Home   >>  Istituzioni - Aeroclub d'Italia   >>  Articolo
Attrezzi sportivi: contatto radio approvato
Un primo anno sperimentale, in cui i piloti di ultraleggeri potranno comunicare con la radio a bordo
02-08-2004 - ENAC, ENAV e Ministero delle PP.TT. hanno raggiunto l'accordo per l'impiego delle radio VHF in banda aeronautica da parte dei piloti di ultraleggeri.

Si potranno utilizzare radio portatili, sia pure con installazione fissa (antenna esterna, alimentazione continua) con cuffie, interfoni e microfoni, del tipo omologato secondo la normativa europea -direttiva 99/05 CE.
I piloti che utilizzeranno la radio a bordo, dovranno possedere.

Attestato di Volo o di licenza di volo e Brevetto di Radiotelefonia in lingua inglese o italiana.

Poichè per tale impiego sarà necessario introdurre, a cura del Ministero PP.TT., una integrazione al Codice delle Comunicazioni Elettroniche (D.L.vo n° 259 del 1° agosto 2003), che quindi comprenderà la tipologia del servizio e fisserà i relativi contributi concordati a € 50/anno per utente, si è deciso, nel frattempo, di operare a "titolo sperimentale" per un anno.

Per tale scopo, è necessario che il Ministero delle Poste riceva dall'AeCI una richiesta comprensiva dei singoli nominativi degli utilizzatori.

L'AeCI quindi è in attesa di ricevere quanti più nominativi di piloti, che devono inviare:

- numero di attestato o di licenza di volo;

- numero di brevetto di radiotelefonia;

- tipo di radio utilizzata.

La sperimentazione sarà a titolo gratuito per gli utilizzatori, mentre l'AeCI pagherà direttamente alle PP.TT la tariffa prevista.

Come e quando usare le radio?:

Le comunicazioni radio potranno essere effettuate tra piloti VDS (Air to Air) e tra questi e le stazioni di terra (Air to Ground), su aviosuperfici e campi di volo, su frequenze aeronautiche dedicate;

Si precisa che non è prevista alcuna fornitura di servizi ATS nei confronti degli apparecchi VDS (per legge non sono velivoli), qualunque sia la classe dello spazio aereo interessato;

Il contatto radio con enti ATS potrà essere stabilito soltanto nei casi di autorizzazione allo scalo su aeroporti sede di ente ATS (TWR o FS).

L'anno di sperimentazione permetterà di attendere l'approvazione e la pubblicazione dell'integrazione al Codice delle Comunicazioni Elettroniche e, nel contempo, di permettere a tutti i piloti ULM di acquisire, per ora presso gli Aero Club in sede d'esame con l'Ispettore ENAC, la licenza di Radiotelefonia.

L'AeCI quindi è in attesa di ricevere, entro e non oltre il 30 settembre 2004, i nominativi degli utilizzatori che parteciperanno alla sperimentazione.

Dal comunicato del Direttore Generale, com.te Franco Romagnoli
Emmecci
 
  
  Aeroclub d'Italia
24-06-2011 - Un pomeriggio all'insegna degli sport dell'aria, con tanti atleti accolti dagli applausi di gente del volo e dagli amici, per fare gli auguri ad un...
20-06-2008 - L’Aeroclub d’Italia, il 19 giugno ha premiato gli “atleti dell’aria” Alla presenza dei ministri Matteoli e Calderoli, del presidente del...
07-02-2008 - “La partecipazione del ministro dei Trasporti Bianchi alla Assemblea dell’AeCI, del mese di settembre, ha segnato, per l’Ente un sostanziale e...
29-06-2007 - Giovedi 21 giugno, sono stati consegnati i premi ai vincitori de “Il mio cielo” - Quinta edizione e “Il mio cielo junior” Davanti ad un. folto...
17-10-2004 - Il 15 ottobre scorso, il governo italiano ha firmato il testo del nuovo Statuto AeCI.
L' architetto Giuseppe Leoni è stato riconfermato...