06:25 lunedì 01.06.2020
Radio Gorazdevac, Kosovo
Una radio libera, libera la mente e libera la gente.....
fotografie di: Daniel Papagni

07-07-2009 - La redazione è costituita da 3 ragazzi Serbi.
Il direttore, di nome Darko Dimitrijevic e due collaboratori.
La sede, nel villaggio di Gorazdevac, si trova in un edificio che non si può certo definire di recente costruzione, in un cortile dall'asfalto corroso che con le piogge insistenti diventa una enorme pozzanghera.
I ragazzi ci ospitano con evidente simpatia e ci fanno entrare nel loro "covo", da cui trasmettono musica e notizie sul territorio in cui vivono circa 5000 Serbi e altrettanti Bosniaci.
Nel momento in cui siamo loro ospiti, però, la radio è spenta per interruzione di energia elettrica. Il generatore a loro disposizione non è in funzione, perché, risparmiano sul carburante e lo tengono spento, per azionarlo nei momenti di maggior ascolto.
Già, devono fare molta economia. Come tutti coloro che sono agli inizi di una bella avventura, dove passione e amore per il "fare" aiutano a superare tutti gli ostacoli.
Darko, il direttore, ha frequentato la scuola di giornalismo e, nel 2000, quando è tornata un pò di calma nella regione, ha fondato "Radio Gorazdevac", insieme ai suoi due amici.
Dejan Dimitrijevic che frequenta Economia è il suo braccio destro.
Il locale è piccolo, finestre con grate di ferro su cui si posano passerotti cicciottelli, quasi a significare la libertà nell'aria, di suoni e parole e di voli leggeri.
Si parla di informazione e di come in nove anni abbiano potuto compiere passi avanti.
Nella parte Ovest del Kosovo sono quattro le Radio maggiormente seguite, con le quali Darko ha siglato un accordo, costituendo insieme a loro la "Cosmoradio".
Una rete, che funziona con la sinergia delle cinque emittenti unite, che si scambiano le informazioni, mandando notizie anche su Internet.
Radio Gorazdevac, ci spiega Darko, è indipendente ed offre notiziari su accadimenti locali, ma anche con notizie che riguardano avvenimenti di carattere internazionale, come, ad esempio, l'ultima visita in Kosovo da parte del vice Presidente degli Stati Uniti.
Non vi è alcuna inserzione pubblicitaria,nei loro programmi, perché è difficile per ora reperirne, anche per la scarsità di Serbi che vivono nel territorio: da 350mila prima della guerra a 100mila oggi.
Per gli imprenditori attualmente è più significativa e remunerativa la pubblicità su emittenti albanesi.
Allora, come si finanzia la Radio?
Con progetti che condividono con Cosmorete, con cui riescono a trovare fondi a sostegno della "sopravvivenza" . Ed anche con altre emittenti partecipano a loro progetti. Radio West, la famosa emittente nata a Peje/Pec nella sede del Comando Brigata Multinazionale Ovest della KOSOVO FORCE il 12 agosto 1999, è un partner importante.
E' con noi il direttore, Antonio D'Ambra, che sorridendo annuisce alle parole di Darko e ci spiega di che si tratta: sempre nell'ottica di trasmettere messaggi di pace e di solidarietà, stanno mettendo a punto l'idea di realizzare un "programma multietnico", a cui parteciperanno Radio West, Radio Pec e Radio Gorazdevac. Di questo progetto, il contingente italiano è un fervente sostenitore, e Darko ci dà conferma di quanto sia grande l'attenzione e la volontà di Radio West di far partire al più presto l'iniziativa.
Chiediamo a Darko come fosse la situazione dell'informazione prima della guerra.
Non dice molto, semplicemente sostiene che a volte i giornalisti non eseguono il proprio lavoro in modo corretto.
Del resto, dice, nel 2004 è successo ciò che è successo, (17 marzo una serie di violente incursioni scatenata dalla notizia, rivelatasi poi falsa, dell’uccisione di un bimbo albanese), proprio a causa di scorretta informazione.
La deontolgia spesso non viene rispettata.
Esistono scuole di giornalismo? Sì. ma non è certo soltanto la scuola che può creare buoni giornalisti.
Salutiamo Darko ed i suoi amici. Primi e, attualmente, unici, con la loro emittente. Auguriamo loro di raggiungere successo, in un futuro non troppo lontano. Molti, come loro, hanno incominciato la grande avventura in un garage, con vecchi strumenti e sedie scardinate, per poi arrivare alle multinazionali.
E li salutiamo con le parole della canzone di Eugenio Finardi... "« Amo la radio perché arriva dalla gente / entra nelle case e ci parla direttamente, se una radio è libera, ma libera veramente / piace ancor di più perché libera la mente.."
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Il cacciamine Numana impegnato nella ricerca del relitto di Nuova Iside
Con i sofisticati mezzi di bordo e dei Palombari del GOS le ricerche fino alla...
Coronavirus: Esercito ‘’di più insieme’’ a Torino
Donazione di beni di prima necessità da parte del comando per la Formazione e...
Afghanistan: il generale Miller in visita al TAAC-W
“Shura” con il ministro della Difesa afghano e i security pillars di Herat...
Coronavirus: KFOR opera per la stabilità dell’area
I militari italiani della missione in Kosovo applicano le misure per ridurre l’esposizione...
Coronavirus: 7° ‘’Cremona’’ specializzato in difesa CBRN (nucleare, biologica e chimica)
E’ operativo anche in teatri internazionali, quali Niger, Libia, Kosovo, Afghanistan...
Coronavirus: solidarietà delle Famiglie della Folgore
Nel corso degli ultimi mesi, la Brigata Paracadutisti Folgore ha impiegato i propri...
Coronavirus: sanificazione delle chiese di Roma
Abbiamo seguito le operazioni di pulizia eseguite dagli operatori dell'Esercito...
Fiori d'arancio sulle stellette in Libano
Primo matrimonio all’estero per due militari italiani del contingente impegnato...
Coronavirus: sicurezza sulla Blue Line
I caschi blu italiani in Libano continuano la propria missione mettendo in atto...
Ricordato dal contingente italiano della missione in Afghanistan il graduato dell'Ariete caduto in operazioni nel 2011
Gli stereotipi europei e il G7 che non deve arretrare…
Ne parliamo con l’istruttore di volo Erich Kustatscher colonna del WeFly!Team
Il generale Angelo Michele Ristuccia subentra al generale Carlo Lamanna
Apprezzato il lavoro svolto da tutto il personale militare e civile dell’Ente Sanitario della Marina Militare
Lo sostiene il sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo che ha anche delega specifica alla trattazione delle questioni concernenti gli Enti vigilati dal Dicastero
La fregata è stata impiegata nell’operazione europea di contrasto al fenomeno della pirateria marittima
Ha perso la vita il giovane pilota inabissatosi con il velivolo nel Tevere