17:19 lunedì 13.07.2020
Nave Alliance nel mare Artico
Incominciata la campagna di Geofisica marina ‘’High North20’’ che fa parte di un programma triennale
fotografie di: Marina Militare

11-07-2020 - L’ 8 luglio scorso, nave Alliance, l’unità polivalente di ricerca idro-oceanografica della Marina Militare ha lasciato il porto norvegese di Tromsø, dopo una breve sosta tecnica, per dirigere verso le aree di ricerca scientifica della campagna High North20, a est dello stretto di Fram ed a nord delle isole Svalbard.
Partita dall’Italia lo scorso 22 giugno la nave, al comando del capitano di fregata Andrea Crucitti, dopo aver seguito un severo protocollo sanitario, ha navigato per 16 giorni attraversando lo stretto di Gibilterra, il canale della Manica e il circolo polare artico a 66°33’ N., per poi giungere a Tromsø, il porto più a settentrione della penisola scandinava e una delle città più importanti al mondo per gli studi artici ed i legami con il Polo Nord.
Dal 10 al 27 di luglio, nave Alliance e il team scientifico imbarcato dell’istituto Idrografico della Marina, guidati dalla professoressa Roberta Ivaldi docente di geologia marina all’Istituto idrografico della Marina Militare e dal capitano di fregata Maurizio Demarte, Capo Reparto Geofisica presso l’IIM e Capo Spedizione High North, saranno i protagonisti della campagna di geofisica marina High North20.
L’arrivo in area sancirà l’inizio del nuovo triennio di ricerca in Artico della Marina Militare con il programma High North 2020-2022, che andrà ad arricchire il bagaglio di esperienza maturata nel precedente triennio e che si svolge in concomitanza con l’apertura della decade delle Nazioni Unite dedicata agli oceani per lo sviluppo sostenibile (UN Decade of Ocean Science for Environment Sustainability).
Nota
L’ambiente Artico è caratterizzato da elementi climatici non comuni, primo fra tutti le bassissime temperature che influiscono in modo determinante sul funzionamento di mezzi e apparecchiature. Anche in questo caso, operare a queste latitudini è reso possibile dalla sinergia che si viene a creare tra i ricercatori che sul campo svolgono le attività e gli ingegneri che invece progettano e realizzano i mezzi necessari alla raccolta dati, mettendo quindi a sistema le esigenze operative e le soluzioni tecnologiche disponibili.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Fosse Ardeatine: restituita l’identità al Caduto Marian Reicher
Grazie all'esame del DNA eseguito dal RIS di Roma per l'interessamento del Commissariato...
Coronavirus: Aves operativa su tutto il territorio nazionale
L’Aviazione dell’Esercito di Viterbo importante centro nevralgico per le operazioni...
Coronavirus: Esercito e Protezione Civile insieme in Sicilia
 A Palermo, Catania e Trapani i reparti della Brigata “Aosta” movimentano...
La valle delle stelle
A valle Ugione, nel centro addestramento paracadutisti Folgore, si mettono a dura...
Libano: i 100 giorni della Brigata Granatieri
I peacekeeper italiani si muovono in un contesto internazionale dove UNIFIL si...
Sposarsi nel Novecento
''La sposa cristiana'': consigli alle future mogli per condurre una vita ‘’serena’...
Industria italiana per lo Spazio
Se n’è parlato in un convegno organizzato dell’Associazione per i Servizi,...
Le donne nella missione KFOR
Ricordarle anche nella giornata dedicata all donne, un 8 marzo che molte di loro...
Grand Prix FIE ‘’Trofeo Inalpi’’ a Torino
La Scuola di Applicazione dell'Esercito a supporto della grande scherma mondiale,...
La Chiesa Ortodossa Italiana Autocefala esprime il proprio parere negativo
Alla manifestazione on line organizzata dal 6 all’11 luglio ha partecipato anche lo Stato Maggiore della Difesa
Anticipa il programma AW169 LUH (Light Utility Helicopter) che permetterà all’Esercito Italiano di soddisfare l’evoluzione dei bisogni operativi
Messaggio augurale dei ministri della Giustizia e della Difesa in occasione dell’anniversario della fondazione del Corpo
Il sottosegretario Calvisi lo precisa in risposta all’interrogazione Salvatore Deidda (Fratelli d’Italia)
I caschi blu italiani ricevono la United Nations Medal per l'impegno profuso nella missione
Sgominata dai carabinieri di Civitavecchia una organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti, in manette un appartenente alle forze di polizia
Il piccolo è stato trasportato in culla termica dalla Sardegna con un velivolo Falcon 900 del 31° Stormo