10:41 martedì 18.06.2024
Generazione di donne distrutta dai Talebani
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne nell’ambasciata afghana a Roma insieme a giovani universitari e docenti di Unibo
fotografie di: Jamil

26-11-2023 - “I Talebani non si scatenano contro gli Usa, o contro l’Europa, non fanno guerra alla comunità internazionale: la loro guerra è contro le donne. Stanno distruggendo una generazione di donne, mentre la comunità nazionale resta muta”… questo è il grido di Sahraa Karimi, regista, docente universitaria ed ex direttore generale dell'Afghan Film (online), intervenuta in remoto sulle ‘’Condizioni delle ragazze e delle donne afghane sotto i talebani’’ nel corso del convegno a Roma, nell’ambasciata della Repubblica islamica dell’Afghanistan.
Un fiume di parole che colpiscono il nostro cuore, con le quali ella ha illustrato la drammatica condizione del popolo afghano che continua a morire e che non vede alcuna soluzione contro l’attuale governo terrorista e assassino cui è totalmente soggiogato.
“L’attuale generazione non conosce altro che guerra e violenza”; non si intravede un futuro per l’Afghanistan senza pace, senza la ricostruzione di un Paese e senza la difesa dei diritti umani; le donne che vivono in libertà devono combattere per le donne che non hanno voce, ha detto ancora Sahraa Karimi, chiudendo la connessione.
Ed è proprio nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne che Khaled Ahmad Zekriya, ambasciatore della Repubblica Islamica di Afghanistan a Roma, e la sua consorte Lina hanno voluto che si incontrassero tante professionalità femminili che lavorano e operano sui diritti umani, in particolare modo sul tema del rispetto dei diritti delle donne, nell’ambito delle Università italiane. Il seminario organizzato il 25 Novembre nella sede dell’ambasciata a Roma, ha fatto seguito alla giornata d’incontro organizzato il giorno precedente nel Campus Forlì, Università Alma Mater di Bologna, sul tema “Riflessioni sul pantano dell’Afghanistan: prospettive costituzionali, storiche, di sicurezza e dei diritti umani”.

A Roma, moderato magistralmente da Silvia Bagni, professoressa associata del Dipartimento di scienze Politiche e sociali dell’Università di Bologna, si sono alternate al tavolo, al fianco dell’ambasciatore, le professoresse Giovanna Spanò dell’Università di Pisa e Deborah Scolart, dell’Università di Napoli per offrire un’ampia visione della realtà islamica e della situazione delle donne afghane violate.
Una numerosa schiera di studenti del Corso di scienze diplomatiche di Forlì e di appartenenti alla comunità afghana a Roma con il presidente Kaihan, hanno seguito le relatrici con grande attenzione, offrendo anche brevi interventi basati sulle proprie esperienze.

Spanò ha spiegato che il modo in cui si guarda al mondo islamico è fondamentale: a seconda di chi osservi, si disegna un profilo diverso dell'islam che non può essere assoluto, ma evidentemente legato ad uno specifico paradigma del mondo islamico. Ciò vale per tutti gli aspetti del mondo islamico e in particolare per il concetto di ‘’donna nell'Islam’’.

Scolart, invece, ha fatto un parallelo tra Italia ed Afghanistan, riferendosi all’ultimo assassinio di donna, la giovane Giulia.
Cosa ci unisce in questi giorni è sicuramente il fatto della violenza contro le donne. La differenza invece consiste nel fatto che in Italia le donne assassinate hanno un nome ed una propria storia; non possiamo dire la stessa cosa per le donne afghane.
Non è sempre stato così, come è ora dopo la presa di potere dei talebani nell’agosto del 2021.
E’ interessante osservare che il Codice civile del 1977 faceva riferimento alla Sharia… ma occorre capirne l’interpretazione. Ecco perché molti accademici credono che occorra un metodo specifico per interpretare la Sharia. Mentre i talebani ne fanno un loro personale uso per distruggere i diritti delle donne.

La chiusura dell’incontro ha visto l’ambasciatore Zekriya soddisfatto per la riuscita della due giorni di attività e di informazione sui diritti negati delle donne afghane e, da parte dei convenuti, la promessa di continuare a parlarne, di usare i social per informare e diffondere nell’opinione pubblica la volontà di aiutare le donne afghane a riprendersi i propri diritti, a ritornare a vivere.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Nat (North America Tour) 24 al via con la PAN
Gli MB-339PAN delle Frecce Tricolori sono arrivati in Quebec, prima tappa del...
G7: dalle stelle … alle sentine
Evento attesissimo, dai multiformi aspetti, dei quali il generale Carmelo Burgio...
Marina Militare celebra la propria Giornata
Cerimonia in commemorazione dell’impresa di Premuda del 10 giugno 1918
Arma dei Carabinieri al suo 210* anno dalla costituzione
Una cerimonia all'insegna della professionalità e dedizione in Patria e nelle...
Philippe Leroy, cieli blu
L’ultimo saluto al grande attore franco-italiano a Roma, avvolto dal paracadute...
Parata del 2 Giugno a Roma ‘’Festa della repubblica’’
Pioggia battente sul pubblico numeroso che applaudiva il passaggio delle forze...
Diciamo addio a Philippe Leroy
‘’In Afghanistan con Philippe Leroy’’, tratto dal libro “Exit Tragedy....
''Olimpiadi dell’aria'', un sogno realizzabile
E' stato il tema del convegno organizzato martedì 28 maggio presso la Sala Capitolare...
‘’African Lion 2024’’
L’Italian Joint Force Headquarters partecipa alla grande esercitazione a guida...
Considerazione del generale Morabito sul vertice di Bürgenstock ove i Capi di Stato e di Governo partecipanti non sono riusciti a trovare un accordo
Comprensibili, ma vani, i toni amareggiati di molti editorialisti di grido… ne parla il generale Carmelo Burgio
Era presidente di Fincantieri dal 2022; trovato nel suo appartamento a letto forse suicida...
il GSPD (gruppo sportivo paralimpico della Difesa) ha attraversato a nuoto lo stretto di Messina
''1.000 giorni senza scuola equivalgono a 3 miliardi di ore di apprendimento perse''
Vannacci resta un soldato e un incursore paracadutista, afferma il generale Carmelo Burgio in questo articolo
Il generale Carmelo Burgio commenta il tafferuglio scoppiato nell’aula di Montecitorio il 12 giugno scorso
Saranno presentate all’Eurosatory 2024, per rispondere alle necessità delle Forze Armate in ambiente strategico mutevole