12:48 martedì 23.07.2024
G7: dalle stelle … alle sentine
Evento attesissimo, dai multiformi aspetti, dei quali il generale Carmelo Burgio si limita ad analizzarne tre
fotografie di: Giuseppe Lami

15-06-2024 - 1. La presenza di Papa Francesco non è nata da banale invito del governo italiano, ovviamente, ma dalla ferma determinazione del pontefice a dire la sua. Un’affermazione del proprio rilievo internazionale, ma anche il riconoscimento di esso da parte dei 7 grandi + 1, ovvero L’Unione Europea, presente un po’ ovunque ancorché con voce reale in capitolo prossima a ben poco. Non vi erano i vertici di altre religioni, e questo dà un peso particolare alla scelta dei 7.
Ne guadagna invero anche l’attuale governo, che potrà dire di aver portato l’inquilino del Vaticano al tavolo, atteso che uno dei nodi dell’intervento di Francesco ha riguardato l’esigenza di creare situazioni decorose di vita nei paesi da cui si registra quell’esodo verso l’Europa occidentale che, al netto di populistiche posizioni, nell’uno e nell’altro senso, oggi più o meno tutti i governi nella pratica vogliono arrestare. E mi par di ricordare che questo sia il progetto di base di Donna Giorgia.

2. La presunta ostentazione di lusso e ricchezza in un summit dedicato a trovare soluzioni per i poveri del mondo. Non credo sia da raccogliere la provocazione da chi ha gestito altre riunioni internazionali analoghe con la stessa dovizia di buon gusto. Queste riunioni sono vetrine per il Made in Italy, e le esportazioni di beni di lusso sono un’importante voce del PIL nazionale. Gli altri a casa loro agiscono nella stessa maniera, promuovendo il turismo, altra importante componente del PIL italico. E le spese affrontate per alloggio, cadeau, gite, ricadono comunque sull’economia locale. Bene quindi che questa volta sia stata privilegiata la Puglia. Rientra in una valorizzazione del Sud di cui abbiamo bisogno, per la quale non basta un ponte – su cui non mi pronuncio non avendo termini di giudizio – ma occorre condurre un piano integrato di migliorie alla rete delle infrastrutture. La Puglia è fuori dal classico tour dello straniero in visita – che include Venezia, Firenze, Pisa, Roma, Napoli e Amalfi – sta tuttavia sviluppandosi, e merita d’essere meglio inserita, come Sicilia, Calabria e Basilicata.

3. Con tutta questa perfezione, tuttavia, non si può mancare di osservare il trattamento inflitto a chi è stato lì inviato per assicurare l’ordine e la sicurezza pubblica. La nave destinata a caserma galleggiante è risultata essere in condizioni penose, e comprendo il disappunto di chi si è trovato ad essere trattato come un migrante raccolto in mezzo al mare, al quale è comprensibile che la ONG di turno non possa garantire standards alloggiativi da crocierista. In parte però il trattamento è stato anche autoinflitto. Rammento il campionato del mondo di calcio del 1990. A Cagliari i rinforzi di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza furono sistemati in un traghetto noleggiato e in un palazzo dell’Ist. Autonomo Case Popolari, non ancora consegnato agli aventi diritto. Quest’ultimo fu anche arredato per adeguarlo a temporanea caserma. 4-5 fra ufficiali e funzionari di polizia seguirono l’approntamento degli spazi, ricevettero e sistemarono il personale e condussero le attività di ordine pubblico. Sindacati e rappresentanza militare non ebbero motivi per insorgere. Parlo di 34 anni fa.

Inutile quindi girarci troppo su: qualcuno non ha fatto qualcosa. Armatore, ufficiali della nave e equipaggio potrebbero essersi comportati da cialtroni, ma a casa mia una volta si insegnava che i quadri direttivi e dirigenti del posto provvedono alla ricezione dei rinforzi, e se ne vanno solo quando questi ultimi sono stati sistemati. È una questione di garbo e ospitalità, ma soprattutto di professionalità. Peraltro, a livello ministeriale, era proprio il caso di voler risparmiare fittando una nave, quando l’intero apparato organizzatore del G7 era comodamente alberghizzato? Nessuno ha intuito che le organizzazioni sindacali si sarebbero scatenate, anche se le cose non fossero andate così male, come in effetti è accaduto?
Carmelo Burgio


Extrema Ratio Knives Division

Esercitazione ‘’UNA ACIES 2024’’
Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito incontra a Monte Romano gli Ufficiali...
Extrema Ratio Roma per il Sistema Paese
‘’ERR Defence days’’ a Colle Salvetti, tecnologia e soluzioni per la Difesa...
‘’Afghanistan: situazione sotto controllo?’’
Convegno organizzato da ANPd’I, sezione ‘’Colline Romane’’ a Palazzo...
Cameri ‘’nozze d’argento’’ del comando aeroporto
Da venticinque anni il presidio è legato al territorio in una simbiosi perfetta...
Nat (North America Tour) 24 al via con la PAN
Gli MB-339PAN delle Frecce Tricolori sono arrivati in Quebec, prima tappa del...
Marina Militare celebra la propria Giornata
Cerimonia in commemorazione dell’impresa di Premuda del 10 giugno 1918
Arma dei Carabinieri al suo 210* anno dalla costituzione
Una cerimonia all'insegna della professionalità e dedizione in Patria e nelle...
Philippe Leroy, cieli blu
L’ultimo saluto al grande attore franco-italiano a Roma, avvolto dal paracadute...
Parata del 2 Giugno a Roma ‘’Festa della repubblica’’
Pioggia battente sul pubblico numeroso che applaudiva il passaggio delle forze...
Interessante ‘’elucubrazione’’ del generale Carmelo Burgio sugli insulti pubblici
Accusati di disastro ambientale per gli effetti di anni di esercitazioni militari nel poligono di Capo Teulada sono stati assolti
Avvicendamento del comandante dell’Operazione aeronavale europea EUNAVFOR MED alla presenza della sottosegretaria Rauti
Leader europeo nello sviluppo e produzione di missili mette in mostra e sue più significative capacità fornite alle forze armate
Interessante considerazione del generale Burgio sulla questione del ponte sullo stretto di Messina
Secondo il rapporto Bloomberg alcuni Paesi europei stanno valutando tale iniziativa
E il Parlamento che dovrebbe decidere di riesaminare le leggi sul sistema delle sanzioni, come dice il generale Burgio
incontri istituzionali con vertici militari e saluto ai militari italiani schierati nel Paese