00:58 giovedì 29.09.2022
Per gli alpini non esiste l'impossibile: ''Vallon 2020''
La verticalita’ delle truppe alpine di scena sulle Dolomiti, alla presenza del ministro della Difesa
fotografie di: Cybernaua

13-09-2020 - L'Alta Badìa è il luogo in cui si è svolta l'esercitazione ''Vallon 2020'', precisamente a Corvara (BZ), nel ''Valun'' del piz Boé, a circa 2.500 metri di quota.
Uno scenario straordinario offerto dalle Dolomiti, a cui si è aggiunto lo ''spettacolo'' avvincente dell'esercitazione condotta dalle truppe alpine per verificare il livello tecnico alpinistico raggiunto dalle penne nere nella capacità di operare in ambiente montano estivo
L'esercitazione si è svolta nel corso di alcuni giorni, per concludersi l'11 settembre scorso, alla presenza del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, accompagnato dal capo di stato maggiore dell'Esercito generale Salvatore Farina.
A presentare i ''suoi uomini'', il generale Claudio Berto, comandante delle truppe alpine, che ha esordito toccando subito il cuore dei presenti:
Se è vero che quei “ragazzi” 148 anni fa erano figli della montagna, perché reale espressione di quelle comunità, oggi gli alpini che si sono cimentati negli odierni impegnativi esercizi “appartengono alla montagna” e ad essa si rivolgono anche nella dimensione internazionale confermandosi esempio di dedizione ed affidabilità a disposizione del Paese …. perché per gli alpini non esiste l’impossibile.”
Nell'illustrare la forza e le capacità degli alpini impegnati nella dimostrazione dell'addestramento continuo cui sono sottoposti, Berto ha sottolinato come: “...Sono fenomeni, sono atleti in grado di arrampicare in orizzontale e nella verticalità; hanno capacità straordinaria dovuta all'addestramento, a cui valore aggiunto è dato dalla passione; per noi la passione è fondamentale...
L’esercitazione “Vallon 2020” è il coronamento dei corsi di addestramento alpinistico, dei corsi avanzati, dei corsi formativi delle squadre soccorso e del corso qualificativo alpinistico, che hanno visto impegnati più di 200 allievi provenienti dalle varie regioni d’Italia ed appartenenti: al Centro Addestramento Alpino, alle Brigate Alpine Julia e Taurinense ed al Reparto Comando e Supporti Tattici “Tridentina”.
Li abbiamo ammirati nelle varie fasi delle cordate in parete, con difficoltà sino alla ''categoria 9'', affrontate con agilità e grande professionalità, concluse poi con la ''esposizione'' della bandiera tricolore lungo una delle pareti del piz Boé.
La preparazione e lo svolgimento dell’esercitazione hanno consentito agli istruttori delle Truppe Alpine di verificare il livello di preparazione raggiunto dagli allievi dei corsi, di confrontare le diverse esperienze e di sperimentare tecniche ed equipaggiamenti in continua evoluzione e di valutare la capacità di coordinamento con le altre forze armate patecipanti all'esercitazione.
A conclusione, nel corso dell'incontro avvenuto nella Caserma tempesti a Corvara, ove il ministro Guerini ha interloquito con gli alpini che hanno dato prova delle proprie capacità sulle pareti del piz Boé, il generale Farina ha ribadito quanto le Truppe Alpine siano ideali per rispondere alle sfide che il contesto internazionale di oggi richiede.
//www.cybernaua.it/photoreportage/reportage.php?idnews=8549
Esprimendo parole di orgoglio nei confronti degli alpini, per la professionalità vista durante l'esercitazione, Farina ha condiviso con le autorità presenti considerazioni sull'importanza di avere sempre unità efficienti, addestrate, flessibili specializzate e pronte, consolidate da aspetti valoriali temprati dalle gloriose tradizioni degli alpini.
Entusiasmo, coesione e continuità sono elementi cardini delle Truppe Alpine e di tutta la Forza Armata, l’Esercito, sempre di più e insieme alle altre Forze Armate e ai Corpi dello Stato opera per la difesa e la sicurezza del Paese”.
Infatti, nel solco di una consolidata collaborazione in campo alpinistico, all’esercitazione hanno preso parte cordate di altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato che possiedono elevate professionalità in questo ambito. In particolare quest’anno hanno partecipato l’Aeronautica Militare, l’Arma dei Carabinieri con quattro cordate, la Guardia di Finanza con tre cordate e la Polizia di Stato con una cordata del Centro Addestramento Alpino di Moena a cui si è aggiunta anche una squadra del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico dell’Alta Badia.
E' stato sottolineato il movimento verticale - “la verticalità” quale base costitutiva delle Truppe Alpine che da sempre operano in montagna, non solo sul territorio nazionale.
Nella descrizione delle tecniche usate per affrontare le varie difficoltà a cui gli alpini sono abituati grazie al proprio addestramento continuo, è stato sottolinato come la frequentazione di un ambiente severo come quello degli scenari dolomitici dell’Alta Badia dove la “Vallon” ha avuto luogo, consente di perfezionare la preparazione tecnica, fisica e morale dei professionisti che giornalmente sono chiamati ad operare all’estero, nei vari teatri operativi.
E, a tale proposito, il generale Berto non ha dimenticato di ringraziare pubblicamente gli istruttori, facendone i nomi.
L’esercitazione ha dato dimostrazione delle capacità di sviluppare in modo efficace e al passo con i tempi quanto già posto in essere più di 148 anni fa da uomini di montagna chiamati a difendere le proprie valli e che ora fa degli alpini i difensori del Paese nei luoghi dove più contano il cuore, la volontà e la fermezza nel vivere immersi nelle avversità naturali.
Nota
L’impiego in quota pone “gli Alpini” come parte integrante del sistema sicurezza in montagna che ha nel servizio meteomont, nel soccorso piste e soprattutto nelle Squadre Soccorso Alpino Militare (SSAM) un valido elemento di riferimento per il sistema protezione civile al quale molto spesso i reggimenti alpini hanno contribuito nelle recenti emergenze e con il quale oggi si sono confrontati con il Soccorso Alpino badiese e si confronteranno nelle prossime esercitazioni Altius III ad Avigliana (TO) il prossimo 18 settembre e Vardirex in Abruzzo a partire dal 22 settembre.
Maria Clara Mussa


Extrema Ratio Knives Division

Exit Tragedy, pensare che volevamo la pace per l'Afghanistan
Al Comune di Marino presentato il libro di Mussa e Papagni con la partecipazione...
Ali su Desenzano
Grande successo della manifestazione aerea sul lago di Garda organizzata sabato...
Difesa: Quarant'anni del Tornado
Atterrato per la prima volta il 27 Agosto 1982 nella base militare di Ghedi
Segredifesa all’AirShow 2022 di Zeltweg in Austria
Oltre 200 aeromobili ad ala fissa ed elicotteri provenienti da 20 nazioni in un...
I velivoli di quinta generazione preparano e fanno crescere le Forze Armate
Esercitazione ALARP di Aeronautica e Marina Militare nel Distaccamento Aeroportuale...
Missione in Bulgaria
Partito l’82° reggimento fanteria ‘’Torino’’, impiegato nella enhanced...
Prima missione operativa  per nave Thaon di Revel
L’unità sarà impegnata nelle missioni Atalanta in Oceano Indiano, EMASoH nello...
Navarm: collaborazioni con Marina Militare brasiliana
Il direttore degli Armamenti Navali del Segretariato Generale della Difesa e Direzione...
Difesa Europea, a Roma incontro bilaterale
Ne hanno discusso il capo di stato maggiore della difesa ammiraglio Giuseppe Cavo...
La regione del Kurdistan è presa di mira dall’Iran
Al NATO Defense College per il 141° Senior Course, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa generale Cavo Dragone
''Fondamentale conoscere l’applicazione del DIU nei complessi contesti odierni nei quali operiamo'', ha detto il generale Figliuolo
Ultimato il progetto di rifacimento della sede comunale alla municipalità di Al Boustan nel Libano del Sud
Livorno, ultima tappa della campagne d’istruzione 2022 degli allievi dell’accademia navale
Il Presidente ucraino ha ringraziato gli Italiani per i sacrifici che anch’essi stanno sostenendo per difendere la libertà dell’Ucraina
Il generale Portolano ha intrattenuto numerosi e proficui incontri istituzionali con alcune tra le massime cariche della Difesa brasiliana
La Marine Nationale francese in visita presso la Corderia di Castellammare di Stabia